skinKaroqcuoio

Cuoio in Diretta

feed-image Voci Feed
A+ A A-

Lega Castelfranco: “Sulla sicurezza serve l'esercito, non chiacchiere”

Vota questo articolo
(5 Voti)

esercito italiano per strada"Il nuovo anno si apre con due notizie che dimostrano come questa amministrazione non sia in grado di governare adeguatamente il territorio. Per la sicurezza serve l'esercito, non parole. Attendiamo ancora fiduciosi su via Ulivi" è forte l'accusa che il gruppo Lega Castelfranco di Sotto muove all'amministrazione comunale guidata dal sindaco Gabriele Toti.

Il primo j'accuse è sulla questione sicurezza. "La prima – spiega il gruppo politico - riguarda il comunicato con cui il sindaco, con gran tripudio di trombe, annuncia di essersi reso finalmente conto che a Castelfranco di Sotto il problema della sicurezza c'è e va affrontato in qualche maniera. Peccato che la soluzione escogitata sia del tutto inadeguata: agenti della polizia municipale che circolano in borghese di certo non sono un gran deterrente, così come poco sollievo al carico di lavoro della locale caserma dei carabinieri (ai quali va il nostro ringraziamento per il prezioso lavoro svolto) può arrivare dall'aumento dell'organico di poche unità. Per non parlare della richiesta di collaborazione fatta ai cittadini, affinché segnalino le situazioni anomale (e speriamo che, almeno questa volta, queste segnalazioni vengano prese in seria considerazione da chi di dovere, visto che fino ad oggi venivano ignorate e bollate come visioni). Certo, come soluzione da sbandierare sui giornali in campagna elettorale dopo anni di inerzia e menefreghismo può andare anche bene, peccato che molti dubbi rimangano sulla sua efficacia. Soprattutto un dubbio il sindaco dovrebbe togliercelo: perché, vista la gravità della situazione, non ha richiesto l'intervento dell'esercito, usufruendo di quel piano 'Strade Sicure' che è a disposizione degli amministratori dal 2008 e che prevede l'intervento dei militari sul territorio con funzioni di presidio e pattugliamento? Perché non approfittare di questa opportunità, della quale non hanno esitato ad usufruire comuni vicini al nostro (alcuni proprio a guida Pd) e che sta dando buoni risultati? L'aver riconosciuto che il problema della sicurezza nel nostro paese c'è sarà una vera e propria presa di coscienza da parte dell'amministrazione o è solo un argomento da cavalcare in vista delle prossime elezioni, senza che vi sia, però, la reale volontà di intervenire conretamente ed efficacemente?".
Il secondo aspetto riguarda la protesta dei cittadini e dei commercianti di Villa Campanile per la situazione di via Ulivi, che ha causato crisi nei bilanci degli esercizi commerciali. "La seconda notizia – sottolinea la Lega Castelfranco di Sotto -, invece, riguarda il caso del titolare del bar C'era una volta di Villa Campanile, che lo scorso anno fu preso di mira dai ladri per ben tre volte nel giro di pochi giorni (ricordiamo che all'epoca, secondo i nostri amministratori, il problema della sicurezza era solo una fantasia di cittadini particolarmente suscettibili) e che oggi, sempre grazie a questa oculata amministrazione, si vede costretto a licenziare una dipendente a causa del calo di clienti dovuto alla chiusura di Via degli Ulivi per lavori di rifacimento. Che, ovviamente, si iniziano a ridosso del periodo autunnale quando è risaputo che le condizioni atmosferiche non consentiranno un regolare e rapido svolgimento degli stessi e nella piena consapevolezza che, chiudendo quella via di collegamento, in pratica, la frazione sarebbe rimasta isolata per mesi. A fare le spese di tutto ciò, purtroppo, non è stato solo il bar, ma anche tutte le altre attività commerciali di Villa Campanile. Comunque, attendiamo ancora fiduciosi che il sindaco ci comunichi la data prevista per la fine lavori, visto che le date precedentemente indicate non sono state minimamente rispettate. Se è vero che l'imminenza delle elezioni impone a questa amministrazione di svegliarsi dal torpore e dall'inerzia, è altrettanto vero che chi non è abituato a fare o chi fa controvoglia sbaglia e commette errori. Peccato che di questi errori ne facciano le spese sempre e solo i cittadini".

 

Ultima modifica il Venerdì, 05 Gennaio 2018 20:42

Devi registrarti per poter lasciare un commento.

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466