Cuoio in Diretta

feed-image Voci Feed
A+ A A-

Chiusura via dei Tavi, Lega chiede una compensazione

Vota questo articolo
(1 Vota)

via dei tavi"Nessuna critica è stata mossa in merito alla richiesta di autorizzazione formulata dall'Incas che, ovviamente, come impresa privata ha tutto l'interesse ad ottimizzare la propria produzione e alla quale rivolgiamo sinceri auguri per una sempre crescente prosperità". Lo precisa la Lega di Castelfranco di Sotto spiegando la sua preoccupazione per l'ipotesi di chiusura di via dei Tavi.

"Ciò che premeva sapere - dicono - era se a fronte della cessione e alla conseguente chiusura di un tratto di via dei Tavi, i nostri amministratori avessero chiesto una compensazione in misura adeguata al sacrificio richiesto ai cittadini e se avessero ben valutato le conseguenze di una tale operazione. Con una solerzia che difficilmente ha manifestato in altre e, forse, ben più gravi occasioni (si ricorda la questione ancora irrisolta dell'Isola Felice), il nostro sindaco questa volta ha tenuto subito a precisare che via dei Tavi verrà solamente ristretta e non chiusa completamente al traffico (Incas chiede via dei Tavi. Toti: “Nessuna chiusura”), come se questa soluzione spostasse la questione che, ahimè per lui, rimane invariata: che cosa è stato previsto come compensazione? Del resto, è lo stesso funzionario della Soprintendenza in ambito Paesaggistico per le province di Pisa e Livorno che, in sede di Conferenza dei Servizi del 26 aprile 2018, nella valutazione della proposta di variante, ha espresso parere favorevole condizionato, tra le altre cose, alla previsione di 'sistemi di compensazione dell'erosione del bene di valore paesaggistico oggetto di trasformazione a favore della collettività, quali ad esempio la possibilità di riqualificare o realizzare un parco pubblico, la piantumazione di alberi in aree verdi da riqualificare, la possibilità di prevedere il restauro di opere di valore architettonico da definire in sede di approvazione della Variante in oggetto'. Ora, considerata l'entità della suddetta compensazione richiesta, ci pare un po' poco accontentarsi della promessa di non si sa quanti nuovi posti di lavoro, soprattutto se si considera che la stessa proponente, nel rapporto ambientale della Vas del gennaio 2018, ha dichiarato addirittura che 'l'eventuale perdita di lavoro nel settore trasporti potrà essere probabilmente compensata con le nuove assunzioni necessarie per il lavoro da svolgere nel nuovo capannone e con l'incremento di lavoro complessivo', lasciando intendere che, nella migliore delle ipotesi, si arriverà ad un pareggio tra posti persi e nuovi posti creati. Per cui, che un tratto di via dei Tavi si chiuda o si restringa, chiediamo di nuovo a sindaco e amministratori: che cosa è stato previsto come compensazione?". 

Ultima modifica il Giovedì, 08 Novembre 2018 18:49

Aggiungi commento

Riempi tutti i campi affinchè il tuo commento venga approvato in fase di moderazione. Grazie, la redazione.


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466