skinterrapisa2019

Cuoio in Diretta

feed-image Voci Feed
A+ A A-

Depuratore, Lega: “Elogi fanno indignare non poco”

Vota questo articolo
(3 Voti)

Waste reCiclyng"Sentire elogiare gli ingenti investimenti fatti recentemente da una azienda che tratta rifiuti dal 2009, che ha sempre manifestato criticità anche gravi come se si trattasse di un gesto eccezionale e non, invece, come un intervento doveroso e necessario, fa indignare non poco". Lo sostiene la Lega Castelfranco di Sotto commentando il commento di sindaco e giunta di Castelfranco al bilancio Arpat sulle maleodoranze (Depuratore, Toti: “Il cambio di passo ha richiesto tempo”).

"Caro sindaco - spiega la Lega -, cari amministratori, comprendiamo lo sconforto che provate per l'avvicinarsi delle elezioni amministrative ma, per lo meno, risparmiatevi reazioni scomposte e lezioni di politica di governo del territorio, visti i pessimi risultati da voi raggiunti".
"Se è vero - prosegue - che il diritto alla salute e a un ambiente salubre va tutelato al pari del diritto una impresa di portare avanti la propria attività, per quale motivo in tutti questi anni pare che il primo sia stato messo in secondo piano? Perché non si sono pretesi prima questi interventi? Chi opera nel settore del trattamento dei rifiuti sa in partenza che deve costantemente adeguarsi alle nuove tecnologie che consentono di mitigare sempre di più l'impatto della loro attività sull'ambiente e il costo, più o meno elevato, di questi interventi non può certo essere un alibi sufficiente per non provvedere. Sul nostro territorio operano diverse imprese che trattano rifiuti di ogni genere e imprese che gravano sull'ambiente in maniera significativa, pertanto, se chiediamo una particolare attenzione nel monitorare la qualità dell'ambiente e dell'aria, questo non è certo per fare terrorismo o per racimolare qualche voto. Le richieste che a voi danno tanto fastidio sono le richieste più che legittime provenienti da tutti quei cittadini costretti da troppo tempo a sopportare miasmi di ogni sorta a ogni ora del giorno e della notte. Se nel corso del 2018 le segnalazioni dei cittadini all'Arpat sono diminuite, ciò non è dovuto certo ad un miglioramento della qualità dell'aria, bensì alla sfiducia e allo sconforto di chi per anni ha segnalato e non ha mai visto risultati concreti. Se solo aveste avuto l'umiltà di leggere quello che i cittadini scrivono sui social, vi sareste resi conto che il problema delle maleodoranze è ancora lontano dall'essere risolto o, quanto meno, mitigato. Ed è triste che un cittadino abbia perso la fiducia nelle istituzioni al punto di essere costretto ad affidare le proprie denunce a un social in attesa di manifestare il proprio malcontento nella cabina elettorale".

Ultima modifica il Venerdì, 01 Febbraio 2019 20:34

Devi registrarti per poter lasciare un commento.

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466