Cuoio in Diretta

feed-image Voci Feed
A+ A A-

Carabinieri uccisi, Cordone: “Risarcimenti alle vittime e pene certe”

Vota questo articolo
(1 Vota)

20190213 103312"Lo Stato dovrebbe essere più vicino alle vittime, che siano militari o civili. Non solo a parole, ma anche con adeguati risarcimenti che mai, comunque, ripagheranno della perdita di un caro congiunto. Ergastolo per gli assassini, certezza ed effettività della pena che deve essere severa e giusta, senza sconti e permessi vari. Anche a livello istituzionale, si deve dare voce alle vittime della criminalità, troppo spesso dimenticate e non tutelate". Lo dice Marco Cordone, fondatore del comitato Dalla Parte di Abele e consigliere comunale di Fucecchio.

Lo dice pensando "al carabiniere Mario Cerciello Rega, ammazzato ferocemente a coltellate da un cittadino statunitense alcuni giorni fa a Roma durante una colluttazione e allo stesso tempo, penso ai due carabinieri del nucleo radiomobile di Siena Mario Forziero e Nicola Campanile che poco più di 29 anni fa immolarono le loro giovani vite per catturare l'assassino di mio padre Antonio e mi vengono spontanee alcune riflessioni. Quello che si prova quando ti ammazzano un caro congiunto è indescrivibile e il dolore, la sofferenza, ti rimane nell'anima tutta la vita e aumenta ancora di più, quando si viene a sapere che gli assassini, spesso dopo pochi anni di galera (se va bene), tornano in libertà e si rifanno una vita, magari ricca di soddisfazioni mentre i nostri cari non ci sono più. L'Italia dovrebbe essere la patria del Diritto, osservando che nei Paesi di provenienza di certi assassini stranieri, frequentemente per tali gravi reati è prevista la pena di morte. E allora, riaffermo concetti che vado dicendo da anni". 

Ultima modifica il Mercoledì, 07 Agosto 2019 19:58

Devi registrarti per poter lasciare un commento.

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466