skinKaroqcuoio

Cuoio in Diretta

feed-image Voci Feed
A+ A A-

d0125990-4c3c-4982-9ef9-e3b19246c8d2La Mostra mercato nazionale del Tartufo bianco di San Miniato è alla 49esima edizione. Che significa, però, 50 anni di tartufo. Una seconda giovinezza della sagra diventata fiera che riparte dalla cantina, quella dell'azienda agricola biodinamica Cosimo Maria Masini e dal cuore delle aziende, quelle dei Vignaioli di San Miniato. "I prodotti e le aziende sono il cuore della festa e del territorio - ha detto l'assessore Elisa Montanelli, al debutto nella grande macchina della Mostra - e da dentro un'azienda tra le nostre colline abbiamo voluto lanciare quest'anno la manifestazione".

Pubblicato in San Miniato
tartufaioAndavano in cerca del tartufo bianco prima del suo tempo e lo facevano danneggiando la tartufaia. In questo modo, alcuni tartufai prelevavano il prezioso fungo ipogeo ancora immaturo, per allenare i cuccioli di cane nella ricerca del tubero. Quest’attività dannosa per l’ecosistema, ma anche per il mercato, è stata sanzionata dai militari della stazione dei carabinieri della forestale di Tavernelle in Val di Pesa dopo accertamenti anche notturni, sottoponendo a controllo circa 15 persone ed elevando sanzioni per circa mille euro complessivamente.
Pubblicato in Cronaca

photo5794266179634834472Prima ha lanciato l'invito a "istituire altre zone geografiche per il tartufo: nel volterrano, nella Valdera, a Palaia, Peccioli, Forcoli. Non escluderei - ha poi aggiunto - di fare i 'distretti del tartufo' per attivare investimenti in questo settore". Le idee sono del consigliere regionale della Lega Roberto Salvini che le ha raccontate in occasione del "lancio" dell'istituzione della zona geografica di provenienza del tartufo bianco della Lucchesia, comprendente i territori dei comuni di Lucca, Capannori e Porcari. La proposta di delibera è stata votata all'unanimità in commissione Sviluppo economico e rurale, presieduta da Gianni Anselmi del Pd sarà all'ordine del giorno della prossima seduta del consiglio regionale della Toscana.

Pubblicato in Dalla provincia

IMG 3999Navette piene, come locali e ristoranti. Ma anche le strade. In tanti davvero hanno raggiunto San Miniato sabato sera per la Notte Nera del tartufo. Il primo vero sabato d'estate, a San Miniato è stato celebrato così, con enogastronomia, spettacoli e musei aperti per l'occasione. Un "assaggio" dell'estate a San Miniato che prepara i "Martedì del Centro Storico", da martedì 11 giugno dalle 19 in centro storico.

 

Pubblicato in San Miniato
tartufaio“La libera ricerca dovrà rimanere l’architrave di ogni normativa che voglia regolamentare la ricerca del tartufo e le associazioni dei tartufai dovranno essere premiate nell’assegnazione delle risorse da parte della Regione Toscana”. E' l'impegno di Simone Giglioli, candidato sindaco per il centrosinistra a San Miniato in occasione dell'incontro avvenuto nei giorni scorsi con l’Associazione tartufai delle colline sanminiatesi e con le aziende che commercializzano il tartufo.
Pubblicato in Politica

Comitato Ponte a Egola 3Cacciatori, agricoltori e tartufai. Riuniti attorno a "un grande tavolo verde che tenga sotto controllo costante, in collaborazione con l'amministrazione comunale, il nostro territorio al fine di tutelare l'ambiente e tenere in equilibrio l'ecosistema". La proposta è di Simone Giglioli, candidato per il Centrosinistra a San Miniato, lanciata dal convegno che dell'Arcicaccia (Iniziativa Arcicaccia, Arct e Federcaccia: “Stumentalizzazione”).

Pubblicato in Politica

48ac5e48-4bc0-4a43-89bb-34b8440eed17È una piccola rivoluzione quella che la Finanziaria 2019 ha portato al mondo del tartufo. Una rivoluzione prima di tutto fiscale, in un settore che fino ad oggi è sfuggito ad ogni ipotesi di tracciabilità e, di conseguenza, anche ad ogni tentativo di difesa del made in Italy. La novità sta nell'introduzione di una "no tax area" legata all'occasionalità della ricerca: una sorta di franchigia fissata entro un limite di 7mila euro l'anno, sotto al quale ogni cercatore di tartufo è tenuto a versare allo Stato solo un'imposta forfettaria di 100 euro, ai quali si aggiungono i vecchi 90 euro per il tesserino. In questo modo, ogni commerciante o ristoratore che acquista tartufo, può emettere un'autofattura che rappresenta a tutti gli effetti un documento di tracciabilità.

Pubblicato in San Miniato
Venerdì, 08 Marzo 2019 18:04

Tartufo, a Cigoli è già marzuolo

7cf08405-fcaf-4793-bf46-2ab2d0a4efcf"Il tartufo non è solo da mangiare. Il tartufo è prima di tutto cultura. A San Miniato abbiamo tutti i tipi di tartufo: bianco di novembre, nero d'estate e poi c'è anche quello di primavera". Quando a Cigoli fiorisce il marzuolo. In occasione della presentazione dell'edizione numero 21 della mostra mercato del marzuolo di Cigoli, lo ha voluto ricordare l'assessore al turismo di San Miniato Giacomo Gozzini.

Pubblicato in San Miniato

tartufaioTartufo: nuove regole, nuove opportunità. Questo il tema di un convegno che sarà a San Miniato il 9 marzo. A partire dalle 10,30,  in sala del Bastione interverranno il presidente di Uratt Andrea Acciai (Unione regionale delle associazioni dei tartufai toscani) e Fabio Cerretano, neo presidente della Fnati (Federazione nazionale delle associazioni dei tartufai italiani).

Pubblicato in San Miniato
Martedì, 15 Gennaio 2019 18:45

Tartufo, in Toscana 47 sanzioni e una denuncia

tartufiSono 47 i tartufai toscani finiti nelle maglie della giustizia tra il mese di settembre e la fine del 2018 perché trovati dai carabinieri forestali a caccia di funghi pregiati (il tartufo è un fungo ipogeo, e non un tubero) sprovvisti dei requisiti di legge.

Pubblicato in Dalla provincia
Pagina 1 di 18

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466