Cuoio in Diretta

feed-image Voci Feed
A+ A A-

Aggressioni sui treni, i sindacati: “Ora basta”

Vota questo articolo
(1 Vota)

polferstL'aggressione choc che si è consumata ieri (16 dicembre) sul treno che da San Rossore viaggiava in direzione Pisa ai danni del capotreno e di tre agenti della Polfer viene stigmatizzata dalle segreterie regionali delle sigle sindacali Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Fast e Ugl. "Nelle ultime due settimane cinque aggressioni al personale ferroviario in Toscana, con quello di ieri mattina, in cui sono rimasti coinvolti anche tre agenti della polizia ferroviaria, sono quattro i capotreno aggrediti in questo breve lasso di tempo, a questi si somma un addetto di protezione aziendale".

"Non ci sono più parole - proseguono i sindacati - se non quelle di vicinanza e solidarietà alle vittime innocenti di questi episodi di violenza ingiustificata. Le misure individuate per combattere il fenomeno delle aggressioni a bordo dei treni non sono sufficienti, dobbiamo prenderne atto. I treni rischiano di diventare campi di battaglia e sempre meno sicuri anche per chi ci viaggia. È l'ora di dire basta, non ci sono ricette magiche, né soluzioni facili, sappiamo che bisogna da trovare risorse, individuare e attuare azioni straordinarie per un fenomeno straordinario che, per la frequenza, sta diventando ordinario. No, non accettiamo l'idea che i treni diventino zone franche. I lavoratori devono lavorare sicuri. I viaggiatori devono viaggiare sicuri. Questo fenomeno - scrivono con decisione - va debellato. Queste organizzazioni sindacali continueranno a chiedere a imprese ferroviarie, politica, istituzioni e forze dell'ordine di moltiplicare gli sforzi per risolvere in maniera definitiva questo fenomeno e rendere di nuovo i treni ambienti sicuri per chi lavora e chi viaggia. Non accetteremo che questo fenomeno venga derubricato fra le cose che succedono e per evitare questo metteremo in campo tutte le azioni necessarie nei prossimi giorni. Il periodo di franchige previsto dalla legge 146/90 - concludono - non permette la proclamazione di sciopero come abbiamo fatto altre volte, ma questo non ferma la nostra determinazione a cercare e sollecitare soluzioni non più rimandabili".

Ultima modifica il Domenica, 17 Dicembre 2017 13:12

Devi registrarti per poter lasciare un commento.

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466