skinterrapisa2019

Cuoio in Diretta

feed-image Voci Feed
A+ A A-

0f172c35-16a0-4919-87c0-2440e06a2b24

Gli ultimi dati certi risalgono a 3 anni fa. Allora, il contratto nazionale del settore calzaturiero, sul distretto di Santa Croce, riguardava 2.500 persone circa. Di sicuro qualcuna in meno ora, ma abbastanza da fare di questi lavoratori parte integrante del motore economico del comprensorio. I lavoratori della calzatura sono al rinnovo del contratto nazionale. Mentre il settore tessile ha già programmato una giornata di sciopero di otto ore, da definire entro novembre. Il 15 dicembre, in un incontro nazionale, la calzatura deciderà cosa fare e forse seguirà l'esempio del tessile che sta già programmando uno sciopero da fare entro il 21 novembre.

 

Pubblicato in Santa Croce sull'Arno

Incoming Kazaki 20161006Otto aziende del territorio e un gruppo di agenti di commercio Kazaki che hanno 4 giorni per visitarle. Non è un gioco, ma un premio c'è di sicuro: il riconoscimento del Distretto conciario di Santa Croce tra quelli leader nel mondo.

Pubblicato in in Azienda

bottale e pelle

Incertezza. E' questa la parola che meglio delle altre descrive il rientro in conceria. Dopo le ferie e dopo le Fiere, le aziende del distretto di Santa Croce hanno riaperto le porte. Quasi tutte. "Qualche piccola e piccolissima azienda ci ha lasciato - racconta Loris Mainardi della Filctem Cgil -, ma senza intervento sindacale, quindi non c'è una stima precisa. Qualche situazione critica c'è, comunque e la stiamo seguendo, sperando tutto si risolva per il meglio". La situazione, spiega il sindacalista, non è migliorata rispetto alle stime dell'estate (qui Grandi firme in pausa estiva, ferie forzate per le concerie), anzi, il lavoro è anche un po' calato dopo gli approvigionamenti di giugno e luglio.

Pubblicato in in Azienda

giulia deidda2“Questo distretto è stato descritto come il Burundi e questo è inaccettabile”. E' una Giulia Deidda che sguaina le armi a difesa del distretto conciario quella che questa mattina, 23 settembre, si è presentata all'appuntamento con la sottosegretaria al ministero dell'Ambiente Silvia Velo, venuta a visitare i locali del Polo Tecnologico Conciario.

Pubblicato in Santa Croce sull'Arno

foto3Una fiera con poche presenze. Poca partecipazione in termini di visitatori, ma con una clientela allo stesso tempo più motivata e dalle idee molto chiare. È ancora presto per capire in che modo le fiere di settembre incideranno sul mercato della filiera pelle. Per quello occorrerà attendere l'appuntamento milanese di Lineapelle ormai alle porte, ma i primi giudizi al ritorno dalla fiera di Parigi sono tutto sommato positivi.

Pubblicato in Santa Croce sull'Arno

pelleA fare da cornice alle immagini sono le concerie del comprensorio, chiamate a rappresentare l'eccellenza e la qualità artigianale di un prodotto unico come il cuoio made in Tuscany. Un prodotto raccontato attraverso il cortometraggio dal titolo "Niente per caso", realizzato per Cuoio di Toscana dal Consorzio Vero cuoio Italiano e ideato da Michele Pecchioli con la regia di Marco della Fonte.

Pubblicato in San Miniato

FullSizeRender2

Due città, due paese, due distretti industriali concentrati intorno allo stesso affare: la pelle e la sua lavorazione. Dal 15 luglio è infatti siglato a tutti gli effetti il gemelllaggio fra Santa Croce sull'Arno e Alcanena, paese sede di un importante distretto conciario sulla costa portoghese. Dal cuore della Toscana alla costa del Portogallo centrale, da Santa Croce sull’Arno ad Alcanena, 2000 km di distanza sullo sfondo dell’industria della pelle, risorsa preziosa per entrambi i comuni, che adesso hanno messo in rete le proprie esperieze.

Pubblicato in Santa Croce sull'Arno

bottale e pelle

Continua a focalizzarsi sul distretto del cuoio e della calzatura l'occhio critico del Centro Nuovo Modello di Sviluppo, autore all'interno del progetto europeo “Change your shoes”, che ha per finalità le criticità sociali e ambientali della filiera globale della calzatura in cuoio, di una contestata ricerca sul distretto di Santa Croce sull'Arno attraverso attività di documentazione istituzionale e interviste a lavoratori, sindacalisti, esperti del settore, imprenditori e rappresentanti delle associazioni imprenditoriali.

Pubblicato in Dalla provincia

render prossima pelleSi terrà mercoledì 8 giungo, a Santa Croce, l'appuntamento con "Prossimapelle", la manifestazione organizzata dall'Unpac (l'Unione nazionale dei produttori ausiliari toscani) in programma per l'intera giornata al Museo della conceria di Santa Croce.

Pubblicato in Santa Croce sull'Arno

La famiglia Capuozzo titolari di Officina della Pelle e ideatori del marchio One More la cintura con il buco in piùNon bisogna slacciarla a fine pasto. E ti segue quando cambi di peso in modo repentino. Si chiama One More (uno in più), anche se la cintura in pelle di buchi ne ha ben 9 al posto dei soliti 5. L'idea e il prodotto sono made in Lucca, ma la pelle è quella del comprensorio del Cuoio.

Pubblicato in in Azienda

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466