Cuoio in Diretta

feed-image Voci Feed
A+ A A-

IMG-20190228-WA0003 resizedSe il tribunale del riesame non avesse accolto il ricorso della procura di Pisa, l'intera operazione che circa un mese fa aveva portato in carcere 25 pusher dalla polizia di Stato che si era avvalsa anche agenti sotto copertura (Droga, maxi operazione sotto copertura alla stazione: 90 provvedimenti), sarebbe stata vanificata. Il gip del tribunale di Pisa infatti, dopo l'arresto, li aveva rimessi in libertà perché aveva letto l'intera vicenda come l'arresto di persone che detenevano piccole quantità di stupefacente. Ma in realtà, come ha sottolineato il tribunale del riesame, era spaccio di massa. Un'operazione importante che aveva dato una sferzata alle attività illegali che si consumano quotidianamente nella zona della stazione di Pisa.

Pubblicato in Dalla provincia
Martedì, 19 Febbraio 2019 11:48

Spaccio e ricettazione davanti al minimarket

04 10Si sono appostati per qualche giorno nelle piazze dello spaccio pisane. Poi, gli agenti della Squadra Volante della Questura di Pisa e la Divisione Polizia Amministrativa della Questura con le unità cinofile della Guardia di Finanza di Pisa, hanno documentato una consistente attività di spaccio e di ricettazione svolta sotto i loggiati di piazza della stazione, di fronte a un minimarket che, già nel 2014, era stato destinatario di un provvedimento di chiusura per motivi di ordine e sicurezza pubblica, perché luogo abitualmente frequentato da soggetti pregiudicati.

Pubblicato in Dalla provincia

carabinieri notte auto bellaE' irregolare sul territorio nazionale e anche senza fissa dimora. Quando ha visto i carabinieri, nella serata di ieri 11 febbraio a Pontedera, ha gettato a terra qualcosa. La mossa non è passata inosservata ai militari, impegnati in un servizio straordinario di controllo del territorio con personale della Compagnia Intervento Operativo del Battaglione Toscana e del Nucleo Cinofili di San Rossore. Il ragazzo di 21 anni è stato bloccato dopo aver ceduto una dose di cocaina, del peso di mezzo grammo circa, a due tossicodipendenti del luogo, segnalati alla Prefettura di Pisa quali assuntori.

Pubblicato in Dalla provincia

carabinieri generica2 controllo stradale piantone pattuglia 2018 05 15   5Servizio antidroga nella giornata di ieri a Coltano. I carabinieri del Norm con i militari delle stazioni di Pisa, Porta a Mar, Tirrenia e Marina di Pisa e dell'unità cinofila di San Rossore e il supporto della compagnia intervento operativo del battaglione Toscana hanno arrestato un 21enne di origine marocchina, sorpreso all'interno di un edificio in disuso, vicino ad un'area boschiva, mentre cedeva una dose di cocaina di 0,5 grammi ad un giovane del luogo, identificato e segnalato alla locale prefettura come assuntore.

Pubblicato in Cronaca
Venerdì, 08 Febbraio 2019 11:55

Sorpreso a spacciare: in manette

carabinierigazzellaSorpreso a spacciare in via Buonarroti a Pisa, in manette. L'uomo, un giovane di origine tunisina, è caduto nella rete dei controlli del comando compagnia dei carabinieri, insieme al personale della compagnia intervento speciale del battaglione Toscana.

Pubblicato in Cronaca

per aper droga montQuando lo hanno controllato, con sé aveva solo un po' di droga. In macchina, però, il 27enne aveva 20 dosi di marijuana confezionate in bustine in cellophane termosaldate per un peso complessivo di circa 20 grammi, una bilancina elettronica di precisione e una somma di 210 euro in contanti, tutto sequestrato.

Pubblicato in Montopoli in Valdarno

carabinierinotteinsSpacciava ai giovani e ai giovanissimi di Fucecchio, spostandosi con l'auto. E’ con questa ipotesi di reato che i carabinieri di Empoli hanno arrestato a Fucecchio un 22enne di origini siciliane e residente nel pisano.
Il ragazzo era stato sorpreso dai militari ieri pomeriggio a Fucecchio, in via Bonaparte, mentre, all’interno della propria autovettura, stava effettuando una cessione di marijuana ad un 18enne del posto. 

Pubblicato in Fucecchio

carabinieri-arrestiSpaccio di droga a Pisa, pusher in manette. L'operazione che ha portato in carcere un ventenne di origine albanese è scattata nel tardo pomeriggio di ieri (6 gennaio) quando i carabinieri di Pisa assieme al personale della Compagnia intervento speciale del battaglione Toscana di Firenze, impegnati nel controllo di un italiano agli arresti domiciliari, hanno identificato all'interno dell'abitazione più persone e, insospettiti dal loro atteggiamento, hanno deciso di approfondire gli accertamenti. Una successiva ed accurata perquisizione dei luoghi ha consentito il rinvenimento di sette panetti di hashish, per un peso di oltre 300 grammi, occultati all'interno di due palloncini gonfiabili, droga risultata nelle disponibilità del giovane albanese. L'italiano agli arresti domiciliari, a sua volta sottoposto a perquisizione, è stato trovato in possesso di venti grammi di marijuana. Dopo le formalità di rito l'arrestato è stato portato al carcere di Pisa, a disposizione dell'autorità giudiziaria.

Pubblicato in Cronaca

polizialocaliUn nuovo risultato conseguito dalla squadra mobile di Pisa nell'ambito dell'operazione Cavalieri 2018 dello scorso dicembre che ha portato all'arresto di 23 persone, per più di 90 episodio di spaccio.

Pubblicato in Cronaca

foto 1 comunicatoUn arresto per spaccio nella zona di via delle Belle Torri a Pisa. Nella nottata di ieri (2 gennaio) la polizia ha arrestato un 50enne di origini marocchine e un 35enne tunisino per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Sequestrato un ingente quantitativo di cocaina ed eroina, che avrebbe portato alla produzione di quasi 500 dosi di sostanza stupefacente, pronte a rifornire le strade del centro di Pisa.

L'operazione è partita dalla segnalazione di un residente della zona che, da qualche giorno, era insospettito dal continuo via via di persone "poco raccomandabili" in transito sotto la propria abitazione in via delle Belle Torri. I sospetti si sono tramutati in prove quando ieri sera, intorno alle 21, ha assistito dalla propria finestra ad una scena a dir poco singolare: un soggetto, forse tossicodipendente, ha iniziato a sbraitare ad alta voce con espressioni colorite in direzione di un fondo commerciale al pian terreno di un palazzo vicino, gridando insistentemente di aprire, poiché gli era stata appena venduta "roba scadente". La plateale lamentela del cliente insoddisfatto ha fugato ogni dubbio circa l'attività che si stava svolgendo in quei luoghi, al punto da convincere il residente a chiamare il 113.
La sala operativa della questura, acquisite le informazioni dal cittadino, ha inviato sul posto due pattuglie delle volanti che, coordinate dal commissario capo Fabrizio Valerio Nocita, hanno iniziato un'attività di osservazione del fondo commerciale ritenuto sospetto. La svolta è avvenuta al momento dell'apertura della porta del locale da parte di uno straniero che, notata la polizia, ha iniziato ad urlare parole in arabo all'indirizzo di un altro uomo che si trovava all'interno del fondo. In quel preciso istante, è scattata l'irruzione all'interno dell'immobile. Gli uomini della volante si sono posti all'inseguimento dei due stranieri che, invano, hanno cercato di darsi alla fuga e di distruggere le prove. Infatti, mentre uno dei due spacciatori tentava di darsi alla fuga da una porta secondaria, venendo però bloccato, l'altro ha cercato di eliminare un ingente quantitativo di sostanza, scaricandolo nel wc. Nel frangente, è stato fermato da un agente che, successivamente, ha recuperato cocaina dal fondo del water.
Bloccati i due soggetti, il locale è stato perquisito. All'interno gli agenti hanno potuto appurare, sin da subito, la meticolosa organizzazione della piccola centrale di spaccio. Nel vano principale dell'immobile, al di sopra di un tavolo, i poliziotti hanno rinvenuto e sequestrato migliaia di ritagli di cellophane circolare, comunemente usati per il confezionamento della sostanza, un coltello e carta stagnola per la termosaldatura. Addosso ai due soggetti e all'interno di una scarpa, sono stati trovate 125 dosi di eroina appena confezionate, e altri due agglomerati di eroina destinati alla produzione di almeno 400 dosi, per un sequestro complessivo di quasi un etto. Nell'abitazione sono stati trovati e sequestrati, 90 euro in banconote di vario taglio. I due, con precedenti specifici, sono stati tratti in arresto con l'accusa di detenzione con finalità di spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza a pubblico ufficiale.
Il più giovane tra i due era già stato tratto in arrestato la notte di Capodanno quando, nelle strade colme di persone intente nei festeggiamenti, era stato sorpreso a spacciare dai militari dell'arma dei carabinieri in zona Vettovaglie. Il giorno dopo, a seguito della direttissima, era stato rimesso in libertà dal giudice, con il divieto di dimorare nel Comune di Pisa. A seguito dell'ultimo arresto, il pubblico ministero di turno ha disposto il carcere per entrambi, in attesa dell'udienza di convalida.

 

Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 8

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466