Cuoio in Diretta

feed-image Voci Feed
A+ A A-

Usura, contraffazione e abusivismo nelle aziende di Pisa

Vota questo articolo
(0 Voti)

ediliziaUsura, contraffazione e abusivismo commerciale. Le segnalano le aziende della provincia di Pisa, preoccupate per un'illegalità che distorce il mercato, svilendo il lavoro, mortificando gli investimenti, distruggendo la proprietà intellettuale, ostacolando il credito, intimidendo la libertà di impresa. I dati emergono da un'indagine condotta dalla Camera di Commercio di Pisa su un campione di 400 imprese della provincia nell'ambito dell'Osservatorio sull'accesso al credito.

L'usura è tra i fenomeni più difficili da inquadrare, perché i criminali contano sull'imbarazzo sociale delle vittime e, quindi, sul loro silenzio: il numero di denunce all'autorità giudiziaria risulta molto esiguo (appena 13 dal 2010 al 2013 a Pisa). L'indagine condotta dalla Camera di Commercio conferma che questo fenomeno non è particolarmente allarmante in provincia: la quota di imprese che ritengono il fenomeno usura "reale ed esteso" passa dall'8% del 2013 al 5% del 2015. Valori leggermente superiori alla media, nel 2015, si registrano tra le aziende del Commercio e turismo e degli altri servizi che raggiungono il (7%) mentre per agricoltura, edilizia e industria il fenomeno parrebbe praticamente assente, almeno nella sua accezione più preoccupante. Sul fronte della difficoltà finanziaria, al contrario, fa suonare un campanello di allarme il numero delle imprese segnalate alla centrale dei rischi, cioè quelle che non riescono a far fronte ai propri impegni con gli istituti di credito e quindi maggiormente sottoposte al rischio usura: secondo i dati della Banca d'Italia, sono passate dalle quasi 2mila unità del 2009 alle 3.401 di fine giugno di quest'anno.

 

Contraffazione
La crisi ha dato una spinta ai fenomeni della contraffazione perché nelle fasi di recessione il consumatore può essere spinto a cercare di ottenere prezzi inferiori rinunciando al canale distributivo regolare. Negli ultimi sette anni (2008-2014) in provincia di Pisa ci sono stati 766 sequestri di prodotti contraffatti, vale a dire quasi 5,7 milioni di pezzi per un controvalore che supera i 33milioni di euro. I dati dell'indagine mettono in evidenza come il 19% delle aziende pisane ravvisi la presenza "reale ed estesa" del fenomeno. Tra queste, la percezione più elevata (30%) è riscontrata tra gli operatori del settore Commercio e turismo (dettaglianti, ristoratori, albergatori ed altri servizi turistici). Forte, pur su livello più contenuti, anche la percezione nell'Industria (qui la percentuale si assesta al 14% delle aziende) seguita dall'Agricoltura (un discreto 12%, riconducibile verosimilmente alle frodi alimentari) e dagli Altri servizi (10%).

Abusivismo 
L'abusivismo commerciale va a braccetto con la contraffazione. I dati dell'indagine segnalano come 19 imprese su 100 ritengano presente questo comportamento. Pesa probabilmente, su questi risultati, anche il cosiddetto abusivismo "legalizzato": vale a dire la concorrenza da parte di alcuni regimi agevolati, come le fiere, le sagre, le feste di paese, i mercatini vari. Passando ai settori, valori sopra la media, in ragione della maggiore esposizione al fenomeno, si registrano per il Commercio e il turismo (25%). Quote rilevanti, il 18%, anche per le aziende operanti nell'edilizia e nell'agricoltura dove il lavoro nero gioca senz'altro un ruolo non secondario sull'opinione degli imprenditori. "I dati dell'indagine – per il presidente Tamburini - segnalano come gli imprenditori pisani percepiscano, talvolta anche in modo rilevante, la presenza di fenomeni illeciti. La Camera di Commercio lavora da tempo, in sinergia con le associazioni di categoria e le istituzioni del territorio, per contrastare e prevenire l'illegalità in tutte le sue manifestazioni. Per combattere l'abusivismo nella mediazione immobiliare e fornire ai cittadini idonei strumenti di verifica e controllo, a breve firmeremo un apposito protocollo con le associazioni imprenditoriali e dei consumatori mettendo a disposizione uno sportello a cui chiunque potrà segnalare situazioni di irregolarità presunta. Sulla contraffazione lo sforzo della Camera si concentra sull'educazione alla legalità dei giovani con seminari informativi e incontri nelle scuole superiori. Quanto al fenomeno dell'usura da alcuni anni la Camera fa parte di una rete di sportelli dedicati all'ascolto e al sostegno dei soggetti che versano in situazioni di disagio originate da motivi economici".

Ultima modifica il Mercoledì, 25 Novembre 2015 13:47

Devi registrarti per poter lasciare un commento.

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
http://www.comune.santamariaamonte.pi.it/news.php?id=3169
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il Mercato

An error occured during parsing XML data. Please try again.
Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466