Cuoio in Diretta

feed-image Voci Feed
A+ A A-

Negozi aperti nei festivi, è sciopero

Vota questo articolo
(1 Vota)

scioperofisascatNon solo protesta per il mancato contratto dei lavoratori della grande distribuzione. Anche la liberalizzazione delle aperture finisce nel mirino dei sindacati, all'indomani di uno sciopero che ha riscontrato, a detta delle sigle, una buona adesione. E sciopero sarà anche per le giornate di domani (24 dicembre), lunedì 25 e l'1 gennaio.

"Anche quest'anno arriviamo al periodo natalizio - dicono Filcams, Fisascat e Uiltucs - senza che la legge sulle liberalizzazioni sia stata modificata. Giace in parlamento senza che il governo e i partiti facciano passi decisivi per dare risposte alle richieste degli oltre due milioni di lavoratori del commercio che chiedono di modificare la legge che ha introdotto il sempre aperto, 365 giorni l'anno, 24 ore su 24. Ritornando a mettere regole a un settore, il commercio, che è l'unico in Italia che non ne ha. Il decreto Monti contrariamente a quanto “venduto”, non ha portato né occupazione, né incrementi delle vendite, né salari più alti, anzi sono diminuiti i salari perché la domenica è diventato spesso lavoro ordinario, sono diminuiti i posti di lavoro perché le aziende hanno licenziato e chiuso i negozi a causa della crisi dei consumi".
"Lo diciamo da sempre - proseguono i sindacati - vanno tutelati e creati i posti di lavoro e aumentati i salari, solo così si aumentano i consumi: mancano i soldi da spendere non le occasioni per farlo. Con le liberalizzazioni sono solo peggiorate le condizioni di vita e di lavoro delle lavoratrici e dei lavoratori che non riescono più ad avere una vita lavorativa che gli permetta di coltivare e realizzare una vita sociale dignitosa, che possa conciliare il lavoro con la famiglia, i figli, gli affetti. Per queste ragioni chiediamo a tutti di non fare acquisti - neppure online - nelle prossime festività. Per non alimentare un consumo senza regole sulla pelle e sulla vita di tante e tanti lavoratori". 
I sindacati, per questo, hanno dichiarato astensione e scioperoper le festività del 25, 26 dicembre e ° gennaio. "Così - chiudono i sindacati - sottolineiano quanto molte sentenze hanno sancito: il lavoro nelle festività civili e religiose individuate dal contratto nazionale non è un obbligo e il lavoratore non può essere comandato al lavoro senza il proprio assenso".

 

Devi registrarti per poter lasciare un commento.

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il Mercato

An error occured during parsing XML data. Please try again.
Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466