Cuoio in Diretta

Errore
  • JFolder: :files: Il percorso non è una cartella. Percorso: /web/htdocs/www.ilcuoioindiretta.it/home/images/epax/seggiolai
Notice
  • There was a problem rendering your image gallery. Please make sure that the folder you are using in the Simple Image Gallery Pro plugin tags exists and contains valid image files. The plugin could not locate the folder: images/epax/seggiolai
feed-image Voci Feed
A+ A A-

Imu e Tasi a Castelfranco: recuperati 600mila euro dagli evasori

Vota questo articolo
(0 Voti)

Comune CastelfrancoGli accertamenti non sono ancora finiti, ma sono già state emesse multe e richieste di rimborso per oltre 600mila euro dall'organismo incaricato dal comune di Cstelfranco di Sotto di riscuotere l'Imu dagli evasori ovvero a quei cittadini che non hanno pagato. Il periodo preso in esame è il quello compreso tra il 2012 e il 2015.

Nel frattempo il comune sta portando avanti anche gli accertamenti e le procedure di recupero sempre attraverso un soggetto terzo sulla Tasi.
"Il supporto di una società esterna, - spiegano la comune di Castelfranco - regolarmente iscritta all'albo dei soggetti abilitati alla riscossione, liquidazione ed accertamento dei tributi, si è resa necessaria anche di fronte a vincoli legislativi che impongono una costante riduzione della spesa in materia di personale e che non permettono, in sostanza, di conseguenza l'acquisizione di ulteriore adeguate professionalità. Si tratta di una società autorizzate regolarmente iscritte all'albo dei soggetti autorizzati.
"Continua ad essere un nostro obiettivo primario la realizzazione di una politica fiscale equa che risponda ad un criterio di giustizia sociale. In questo senso uno dei punti che seguiamo con forza è il recupero dell'evasione nella tassazione locale –ha spiegato il sindaco Gabriele Toti-. Tra l'altro avevamo previsto anche la possibilità per i soggetti che si trovavano in stato di difficoltà di poter dilazionare quanto dovuto. Questo per dare un aiuto a chi si è venuto a trovare in situazioni difficili che sono purtroppo sempre presenti in periodi di crisi come quello attuale".
"Già nella individuazione delle tariffe dei servizi a domanda individuale - conclude Toti - avevamo introdotto come criterio generale per stabilire la compartecipazione degli utenti, si seguire il sistema dell'isee, che tiene conto di una serie di parametri oltre al reddito tra cui i componenti il nucleo familiare ed alcune clausole come non aver acquistato auto di lusso nell'ultimo anno e, nel caso dei servizi scolastici, anche di poter avere un isee corrente, come segno di attenzione di chi si è trovato a perdere il posto di lavoro ed ha visto modificare la propria situazione personale in modo repentino".

 

Ultima modifica il Mercoledì, 17 Agosto 2016 20:23

Devi registrarti per poter lasciare un commento.

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466