Cuoio in Diretta

feed-image Voci Feed
A+ A A-

Spaccio e criminalità, Villa Campanile lancia la petizione

Vota questo articolo
(4 Voti)

incontro VillaUna raccolta firme per chiedere più attenzione, per reclamare un occhio di riguardo ad una terra di confine dove spaccio e criminalità sembrano trovare terreno più fertile che altrove. Il tutto unito ad un maggior impegno da parte dei cittadini, decisi a tenersi in contatto attraverso chat e social per scambiarsi informazioni e contribuire a quella "vigilanza" diffusa che in alcuni casi può fare la differenza. Sono queste le due iniziative principali condivise nell'incontro sulla sicurezza che si è tenuto pochi giorni fa a Villa Campanile.

L'appuntamento era organizzato dai gruppi di opposizione in consiglio comunale: movimento 5 Stelle, Castelfranco sopra a tutto e lista Comunità e Futuro, rappresentati dai consiglieri Luca Trassinelli, Cristina De Monte, Aurora Rossi e Glenda De Nisi. All'origine dell'incontro il doppio furto con scasso al bar "C'era una volta", nel cuore della frazione castelfranchese, dove i ladri sono tornati a colpire per due volte nell'arco di appena una settimana. "Una serata movimentata" la definiscono gli esponenti del movimento 5 Stelle di Castelfranco. Una serata che ha fornito, tuttavia, anche alcuni spunti e idee. "La mancanza di sicurezza nella frazione di Villa Campanile è purtroppo un problema condiviso da tutti i cittadini – dicono dal movimento -. È necessario portare proposte all'attenzione dell'amministrazione comunale, delle forze dell'ordine ma anche azioni di monitoraggio del territorio da parte dei cittadini stessi. Le idee non mancano e molte di queste sono percorribili. I consiglieri comunali di opposizione presenti, quindi, faranno le loro richieste in sede comunale".
I cittadini, dal canto loro, si impegnano ad essere più vigili e monitorare maggiormente il territorio anche con l'uso dei social. A questo si aggiungerà una raccolta firme, "per chiedere che questo territorio di confine – dicono i 5 Stelle - sia più controllato dalle forze dell'ordine. Perché alla fine di questo si parla: di una terra troppo lontana dalla centrale operativa di riferimento che è San Miniato. Un territorio male controllato, chiaramente, si presta di più anche allo spaccio e alla malavita: Orentano e Villa Campanile ne sono la prova. I cittadini lamentano e denunciano zone situate nei boschi limitrofi alle due frazioni ben note per lo spaccio. Chiaramente anche questo porta i cittadini a non sentirsi sicuri".
La raccolta firme inizierà a giorni e sarà possibile firmare al bar di Villa: "Vi terremo informati – aggiungo i 5 Stelle - sulla data esatta in cui è possibile recarsi per apporre la propria firma. Nel frattempo ringraziamo veramente tutti per la partecipazione attiva e propositiva. Ci auguriamo che questo sia solo l'inizio di un percorso di partecipazione dei cittadini alla vita a al bene comune del proprio territorio".

 

Ultima modifica il Martedì, 13 Giugno 2017 17:01

Devi registrarti per poter lasciare un commento.

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466