Cuoio in Diretta

feed-image Voci Feed
A+ A A-

Castelfranco ricorda Istria e le foibe: 2 eventi per capire

Vota questo articolo
(1 Vota)

51780486 2160054737351290 5032075866876674048 oUna serie di pannelli nel comune di Castelfranco di Sotto ricostruiscono, attraverso foto d'archivio e documenti, gli eventi storici che attraversarono il nostro Paese in uno dei suoi periodi più bui, in un preciso e chiaro resoconto dei fatti che ripercorre "Le tragedie del confine orientale" e all'ingresso della biblioteca sono stati selezionati volumi dedicati all'argomento, sia romanzi che dossier storici, per incentivare il pubblico di lettori ad approfondire il tema e saperne di più.

Così Castelfranco di Sotto celebra il Giorno del Ricordo, dedicato alle vittime delle foibe, dell'esilio dalmata, dei campi profughi di italiani per italiani. Castelfranco di Sotto ha scelto di ricordare con due appuntamenti: la mostra "1918-1956 Fascismo Foibe Esodo" della Fondazione Memoria della deportazione al primo piano dell'edificio comunale e una vetrina tematica nella biblioteca comunale. Una storia, quella degli italiani senza patria nella seconda guerra mondiale e subito dopo, che deve essere letta e compresa, non solo per i morti, il sangue, la violenza che ha prodotto ma anche per comprendere la profonda sofferenza di chi d'improvviso non è più a casa in casa sua, non ha più un'identità e guarda il suo mare, la sua collina, la sua montagna per l'ultima volta.
"Il Ricordo è un dovere che va rinnovato in nome della verità – secondo il sindaco di Castelfranco di Sotto Gabriele Toti -. Per sconfiggere aberranti negazionismi storici, per combattere contro le ingiustizie che purtroppo ciclicamente riemergono nella nostra società, per tutelare le nuove generazioni dal pericoloso cancro dell'inciviltà. La Memoria è l'unico antidoto che abbiamo per difenderci da futuri soprusi. Per questo motivo abbiamo deciso di celebrare il Giorno del Ricordo facendo luce sugli eventi storici accaduti non molti anni fa in Istria, una tragedia per molto tempo dimenticata e che ancora oggi viene ricordata in modo strumentale". Per citare il presidente Mattarella: "Non si trattò come qualche storico negazionista o riduzionista ha provato a insinuare, di una ritorsione contro i torti del fascismo. Perché tra le vittime italiane di un odio, comunque intollerabile, che era insieme ideologico, etnico e sociale, vi furono molte persone che nulla avevano a che fare con i fascisti e le loro persecuzioni. Tanti innocenti colpevoli solo di essere italiani".

 

Ultima modifica il Martedì, 12 Febbraio 2019 10:42

Aggiungi commento

Riempi tutti i campi affinchè il tuo commento venga approvato in fase di moderazione. Grazie, la redazione.


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466