Cuoio in Diretta

feed-image Voci Feed
A+ A A-

WP 20150220 003Rimborsi forfetari sulla spesa sostenuta per il pagamento delle bollette dell'acqua. Li ha previsti il comune di Castelfranco di Sotto per agevolare le utenze più deboli. L'Autorità Idrica Toscana ha infatti assegnato alla Società della Salute Empolese Valdarno Valdelsa le risorse per la gestione della procedura di assegnazione dei contributi per sgravi e rimborsi economici di tariffa del servizio idrico.

Pubblicato in Castelfranco di Sotto

acque spa

Un fondo nato per sostenere le utenze deboli e garantire l'accesso al servizio. Questa la filosofia con la quale l’Autorità Idrica Toscana istituito nel 2009 un fondo di solidarietà per le condizioni di particolare disagio, necessitanti di sgravi sulle bollette dell’acqua. Per l’anno 2016, il fondo da erogare da parte di Acque SpA ai comuni del territorio gestito, secondo la ripartizione basata sul numero delle utenze (tenuto conto anche dei residui non assegnati negli anni precedenti), ammonta a 467.099 euro.

Pubblicato in in Azienda

Fognatura-3E' una piccola rivoluzione quella che dal 18 marzo ha cominciato a prendere piede nella rete fognaria fra Calcinaia e Pontedera, in particolare nelle zone di Oltrarno e del Chiesino, dove si andranno ad estendere e dividere le fognature, oggi miste. Ben 9500 utenze coinvolte per oltre 3milioni e 250mila euro di investimenti, per lavori che si protrarranno, compreso il consueto iter autorizzativo e di collaudo, sino alla fine del 2017.

Pubblicato in Dalla provincia

Luca Scarselli 2

E' guerra di cifre e di date fra comune di Santa Croce e Unione Inquilini in merito alle fibre d'amianto nelle acque della rete idrica. Dopo l'innesco della questione ad opera dell'Autorità Idrica Toscana, che aveva evidenziato come in uno dei punti di analisi a Santa Croce si fosse, in luglio, registrata la presenza di oltre 70mila fibre d'amianto per litro, secondo dato in Toscana, il sindacato degli inquilini ha lanciato una raccolta firme per chiedere monitoraggio delle acque e sostituzione dei vecchi tubi (leggi anche: Amianto nelle acque Unione inquilini lancia petizione).

Pubblicato in Santa Croce sull'Arno

tubi amianto

Nuovo capitolo nella vicenda delle fibre d'amianto nell'acquedotto santacrocese. Dopo la pubblicazione dei dati dell'Autorità Idrica Toscana, che avevano evidenziato una presenza notevole di fibre d'amianto nelle acque del comune, i grillini chiedono la mappatura dettagliata delle tubature, ivi comprese quelle di vecchia generazione, oltre alle dimissioni dell'assessore. "Succedeva soltanto due mesi a: nel consiglio comunale del 30 settembre a Santa Croce sull’Arno fu discussa una nostra interpellanza, che interrogava il sindaco e la giunta in merito alla rilevante presenza nella rete di condotte idriche di tubature in cemento-amianto nel nostro comune (ne esistono ben 31 km, sugli 85 km totali)" dice il Movimento 5 Stelle di Santa Croce. "Con l’interrogazione intendevamo semplicemente conoscere nell’interesse di tutti i cittadini, la collocazione sul territorio di queste tubazioni, e cosa questa giunta avesse intenzione di fare a proposito di questo problema. 

Pubblicato in Santa Croce sull'Arno

acque lavoriCondutture in amianto nel comprensorio del Cuoio. Il tema aveva destato l'attenzione di cittadini e autorità tra la fine dello scorso anno e l'inizio di questo 2015, dopo che l'Autorità idrica toscana rese noto che una buona percentuale di condotte idriche era stata realizzata con l'utilizzo di cemento amianto.

Pubblicato in Santa Croce sull'Arno

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
http://www.comune.santamariaamonte.pi.it/news.php?id=3169
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466