Cuoio in Diretta

feed-image Voci Feed
A+ A A-

4c34232f-bbfb-4a05-8f25-300ae3afbaf3"Non c'è verso, non vogliono o fanno finta di non capire che i loro amministrati si aspettano altro. E invece no: tutti uniti per integrare". Lo dice la Lega di Castelfranco di Sotto riferendosi agli amministratori di centrosinistra. "Per l'imprenditore che si è tolto la vita (Trovato morto vicino al furgone aperto, tragedia a Montopoli) - continuano, per le famiglie che con fatica arrivano (quando ci riescono) a fine mese, per un lavoro sempre più precario anche qui da noi, nulla. Loro prima 'passeggiano' poi 'cenano' infine 'dibattono' sull'integrazione".

Pubblicato in Politica

"Il 24 luglio ci butteranno fuori di casa, non sappiamo dove andare". Chiede aiuto Giuseppe Giuseppe BuffolinoBuffolino, 45 anni, residente a Castelfranco di Sotto, che dopo un periodo di difficoltà si ritrova oggi a fare i conti con l'ufficiale giudiziario. Una storia come ce ne sono tante, in questi anni di crisi, anche in una regione come la Toscana dove un tempo non ci si era abituati. Storie che iniziano o finiscono, a seconda di come le si guarda, tutte sempre con la stessa parola: lavoro.

Pubblicato in Castelfranco di Sotto

servizio di Nilo Di Modica
sede NGM

Sedici licenziati entro il mese di aprile ed altri, probabilmente 10, che potrebbero seguirli a breve. E' questo lo sviluppo della vertenza dei lavoratori della nota ziende hitech di montopoli che sta girando nelle ultime ore. Una notizia che parte da una consapevolezza per i cittadini di Montopoli quella che in uno dei  “gioielli” della zona industriale, l'azienda produttrice di telefoni cellulari Ngm (New Generation Mobile), la crisi si era insinuata da tempo.

Pubblicato in Montopoli in Valdarno

20525406 1655865771114142 8495196681770285435 nServiva un alloggio temporaneo. Di emergenza, per quel periodo orrendo che va dallo sfratto all'attivazione delle procedure dei servizi sociali. Così la famiglia di Castelfranco di Sotto, a fine 2017, si è trovata ad alloggiare alla Locanda San Lorenzo, ristorante e affittacamere tra Ponte a Egola e San Romano. Al termine della permanenza, però, i gestori non hanno voluto essere pagati. 

Pubblicato in Castelfranco di Sotto

26030695 10214957863364309 1376278924 nNella notte fra 24 e 25 Babbo Natale porta doni ai bambini, “di giorno, invece, sta con i lavoratori”. Barba bianca e abito rosso nella giornata di oggi, 23 dicembre, hanno infatti attirato l'attenzione dei pontederesi impegnati negli acquisti sul corso, per dare sostegno alla lotta degli operai della storica fabbrica di marmitte Tmm che dal presidio di fronte all'azienda si sono spostati fra la gente e l'attenzione.

Pubblicato in in Azienda

market4Ieri si è svolto l'incontro al ministero dello sviluppo economico sulla vicenda Dico/Tuodì, un gruppo che occupa complessivamente circa 4.000 lavoratori fra diretti e indiretti e diversi punti vendita anche in Toscana e nella provincia di Firenze. E - da quanto spiega Fabio Fantini della Filcams Cgil Firenze- la situazione non è delle più rosee, perchè rimangono a rischio decine di posti di lavoro. Una nuova flebile speranza è rappresentata dal nuovo incontro al ministero previsto per il 19 settembre. 

Pubblicato in Fucecchio

azienda1

Naspi e cause individuali. E' questo il futuro della vertenza alle Officine Ristori di Montecalvoli, dopo che il Ministero del Lavoro, sollecitato dalla Regione, nei giorni scorsi ha rigettato la messa in mobilità di 44 lavoratori. Ad annunciarlo la Cgil, spiegando come la decisione del Ministero abbia invalidato, con la messa in mobilità, anche il procedimento stesso di licenziamento collettivo.

Pubblicato in Santa Maria a Monte

stadio porta elisaNon è certo il miglior momento storico per la Lucchese, avversaria di oggi (28 gennaio) per il Tuttocuoio. Solo ieri a mezzanotte la speranza di sopravvivere per la società rossonera si è allungata di un mese. Sono stati i soci di Lucchese Partecipazione, infatti, a opzionare le quote inoptate dal presidente Bacci e dalla sua Coam in sede di ricapitalizzazione e copertura perdite. E ora ci sono da versare circa 450mila euro entro il 27 di febbraio per evitare la liquidazione. Un mese di tempo anche per trovare soluzioni di più lungo periodo, che superino l'emergenza e permettano di guardare un po' più in là.
Mister Galderisi, in sede di presentazione della partita, a margine della "prima" di tre nuovi giocatori della rosa, il difensore Tavanti e gli attaccanti D'Auria e Raffini, ha parlato chiaramente di obiettivo salvezza. D'altronde sono partiti dei pezzi da novanta come Forte (in gol in serie B al Perugia all'esordio) e Terrani ed altri elementi per sfoltire la rosa fra i quali l'altro attaccante Martinez, il difensore Ashong e ancora Florio, Melli e Longobardi.

Pubblicato in Sport

azienda2

Vertenza Ristori a tinte sempre più fosche a Montecalvoli, dove sempre più concreto si fa il rischio licenziamento per 59 lavoratori. La volontà da parte dell'azienda di non prolungare il contratto di solidarietà fino a settembre sarebbe emersa alla fine di lunghe trattative che hanno visto i sindacati impegnati con i rappresentanti dell'Unione industriale pisana nei giorni scorsi.

Pubblicato in Santa Maria a Monte

negozio chiuso“Si spende più a fare un mercante che un dottore” diceva un vecchio detto popolare. Da qualche tempo però queste parole sembrano assumere una decisiva attualità nei tanti centri storici del Comprensorio che cercano, a fatica, di tirare avanti malgrado la crisi. Un quadro nel quale il titolo di “grande malato del distretto” rischia, in questi sgoccioli di 2016, di guadagnarselo Castelfranco Di Sotto, dove il bilancio è pesantissimo: tre negozi chiusi nel giro di pochi mesi e uno in chiusura.

Pubblicato in Castelfranco di Sotto
Pagina 1 di 2

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466