skintartufesta2019

Cuoio in Diretta

feed-image Voci Feed
A+ A A-

presidente grassini"Fare gli imprenditori oggi? Una vera pazzia. Quante sono le norme vigenti Nessuno lo sa, le statistiche non danno un dato oggettivo che lo certifichi e le fonti ufficiali oscillano tra le 20 mila e le 150 mila.

Pubblicato in in Azienda

magazzino conceria incas 4E' un quadro tendenzialmente positivo quello che emerge dall'analisi Trend della Cna per il primo semestre del 2015 dell'andamento dei vari settori produttivi della provincia di Pisa.

Pubblicato in in Azienda

Un piano di sviluppo fondato su innovazione ed economia digitale. Potrebbe essere questo il futuro della Toscana costiera secondo quanto illustrato da Paolo Dario, professore ordinario all'Istituto di Bio-Robotica alla Scuola Sant'Anna di Pisa, alla commissione istituzionale per la ripresa economico-sociale della Toscana costiera.

Pubblicato in Dalla provincia

lavorazione scarpe"Sono numero importanti, superiori a quanto ci si potesse aspettare". Loris Mainardi, segretario della Filctem-Cgil Pisa, commenta così i dati illustrati da Irpet sullo stato di salute dell'occupazione nel distretto del Cuoio: "Dimostrano che tante piccole aziende sono sparite e stanno continuano a sparire", afferma il sindacalista. È una situazione di difficoltà, infatti, quella fotografata dai numeri Irpet, che parlano di una perdita (per la filiera moda) di circa 800 posti in 7 anni, fra 2008 e 2015, nelle aziende dei 6 comuni del distretto. Di questi, 200 nel settore della calzatura e altri 600 nel conciario. Ed è soprattutto questo il dato che fa più scalpore (leggi qua Conciario, 600 posti di lavoro persi. L'analisi di Irpet).

Pubblicato in in Azienda

economia genericaE' un trimestre che poggia tutta la sua crescita sul solo settore meccanico quello evidenziato dalla Camera di Commercio di Pisa. In un quadro complessivo nel quale la meccanica traina la provincia e le fa segnare un +3,4%, nel sistema moda, a fronte di una crescita dell’abbigliamento (+20,2%), arretrano le calzature (-17,5%), che accusano perdite in Usa, Russia e Germania.

Pubblicato in Dalla provincia

agricoltura trattore"Nel comprensorio del Cuoio il sentimento più comune tra gli imprenditori agricoli è quello della preoccupazione e dell'incertezza per il futuro. Incertezze e preoccupazioni che costituiscono il freno principale agli investimenti e alla riconversione delle aziende verso le nuove esigenze di mercato". Il 2016 inizia con il freno a mano per gli imprenditori del comprensorio, così come c'era finito il 2015 e stando al bilancio della Cia Pisa, diretta da Stefano Berti e presieduta da Francesca Cupelli.

Pubblicato in Santa Croce sull'Arno

20151223025112

I dati sull'occupazione nel Valdarno consegnano un quadro apparentemente contraddittorio, dove all'incremento di contratti stabili corrisponde al tempo stesso un aumento di persone in cerca di lavoro, così come crescono le domande di mobilità e quelle di disoccupazione. A dirlo sono i numeri del centro per l'impiego di Santa Croce, aggiornati per adesso al 30 di settembre 2015, che secondo l'analisi della Cgil di zona tracciano una fotografia tutt'altro che rosea.

Pubblicato in in Azienda

sede santa croceUna giornata diversa, per sentirsi più parte del territorio. Il consiglio della Camera di Commercio di Pisa, il 18 dicembre, si riunisce a Santa Croce sull'Arno.

Pubblicato in Santa Croce sull'Arno

franco donatiUna vita passata a far crescere il distretto, lavorando nell'interesse collettivo del mondo imprenditoriale dei conciatori, raccogliendo le sfide del mercato e dei clienti, cercando di trasformare quella che per molti anni è stata un'attività semi artigianale in un processo industriale in grado di fare numeri importanti, tanto da arrivare ad essere forse il principale indotto dell'economia della provincia di Pisa. Oggi il mondo propone nuove sfide: quella ambientale, quella della sicurezza, vista la recrudescenza dei furti, e quella di riuscire ad interloquire con un mercato sempre più sofisticato e assetato di innovazioni com'è il mondo del lusso. Franco Donati, da anni alla guida dell'Assoconciatori come presidente, dà l'idea di non avere ancora finito il proprio lavoro, perché vuole fare ancora molte cose. E' pronto a cogliere tutte queste sfide con la consapevolezza di chi ha visto crescere il distretto conciario, trasformarsi e diventare ciò che oggi è. Parlando con Franco Donati, l'impressione è che non vi sia cosa su cui si sottragga al confronto, con il piglio di chi ha ancora voglia di fare ed è fermamente convinto che si possa sempre migliorare. In questa intervista, a Il Cuoio in Diretta racconta l'anno che sta per cominciare, dando il punto di vista della più importante associazione di categoria del comprensorio su vari temi.

Pubblicato in in Azienda

manufatturieroPeriodo nero per l'industria pisana, con l'export unico trainante della situazione economica. A dirlo è la Camera di Commercio di Pisa, che ha analizzato l'andamento dell'economia negli ultimi mesi di dicembre. Nel terzo trimestre 2015 l’andamento della produzione manifatturiera italiana (+1,7%) risulta decisamente più vivace rispetto a Germania (+0,7%) e Francia (+0,5%). La crescita del Belpaese, tuttavia, è però fortemente “auto-centrica”: a fronte di cali tendenziali consistenti nei tradizionali settori del Made in Italy, è infatti l’auto (+49,2%!) ad incidere sul dato complessivo.

Pubblicato in Dalla provincia

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466