skinterrapisa2019

Cuoio in Diretta

feed-image Voci Feed
A+ A A-
Venerdì, 28 Settembre 2018 20:59

Incendio, fiamme riprendono a Noce a Caprona

incendio monte serra 24 9 18I vigili del fuoco di Pisa stanno tornando nella zona di Caprona e nella piana di Noce per due riprese di incendio bosco legate agli eventi dei giorni scorsi. Le fiamme sono state viste levarsi nella serata di oggi 28 settembre. 

 

Pubblicato in Cronaca

agri2 1Il fronte di fuoco è spento. Gli occhi di operatori e volontari, però, restano ben puntati sui monti pisani, perché non è escluso che qualche focolaio possa riprendere vigore fino a che la bonifica non sarà del tutto terminata. Fino a stamattina, sul posto è rimasto un elicottero della Regione e un canadair dei vigili del fuoco oltre a squadre dei comandi di Lucca, Siena, Prato, Livorno, Massa, 25 persone e 3 squadre di Pisa con Ucl, carro mensa con 16 unità. Venti squadre dell'organizzazione regionale antincendi boschivi sono, poi, dislocate nei punti cruciali su 20 chilometri di diametro. Alcuni volontari osservatori, posti su punti panoramici, sono pronti a segnalare ogni possibile eventuale nuova fumata perché si possa intervenire tempestivamente. Adesso, domata la bestia, c'è da ripartire, un passo alla volta.

Pubblicato in Dalla provincia

cec9efa7-558d-4741-b455-d50d89c9aa3c"L'incendio ha avuto una breve durata e non ha causato - per quanto rilevato - particolari criticità ambientali". E' questo l'esito delle indagini di Arpat sull'incendio avvenuto due notti fa alla Waste Recycling (Vasto incendio alla Waste Recycling). Un incendio sul quale i vigili del fuoco sono intervenuti con ben 5 squadre, rimaste sul posto da prima delle 24 alle 2. I vigili del fuoco hanno allertato i tecnici reperibili Arpat, arrivati intorno alle 2 della notte del 27 settembre. L'incendio si è sviluppato nell'impianto di gestione di rifiuti solidi e liquidi pericolosi e non pericolosi della Waste Recycling, nel comune di Castelfranco di Sotto.

Pubblicato in Castelfranco di Sotto

5f3f0507-fa6a-4af7-8fa3-830283955fc5Aveva ripreso vigore nella notte tra il 26 e il 27 settembre. Il focolaio a Lugnano, sopra Noce, questa mattina è quasi spento. Sul posto stanno operando le squadre vigili del fuoco e volontari e sono stati attivati i mezzi aerei per un rapido intervento. Ha ripreso ad ardere, intanto, un altro focolaio sopra Le Mandrie a Fonte Lupeta: i mezzi antincendio stanno già provvedendo a spengerlo. Il Monte Serra come tutta la zona battuta dall'incendio è sotto costante osservazione proprio per questo: non è difficile che focolai riprendano vigore. Il vento che si è calmato aiuta i soccorsi, l'attenzione resta massima e uomini e mezzi sono pronti a intervenire in qualsiasi momento. Sono 35 le squadre dei vigili del fuoco presenti in zona e da stamani mattina stanno operando due Canadair e tre elicotteri della Regione che hanno fermato il fronte di fiamma nella zona di Noce. Sono inoltre in corso attività di bonifica e verifiche nelle abitazioni e gli impianti di gas per consentire il rientro in sicurezza della popolazione.

Pubblicato in Dalla provincia
Mercoledì, 26 Settembre 2018 23:53

Vasto incendio alla Waste Recycling

b6a082a7-6df2-40f8-a0e7-df9fc0bb04aeL'incendio è scoppiato nella tarda serata di oggi 26 settembre. Le fiamme, in poco tempo, hanno distrutto un edificio nell'area industriale compresa tra il comune di Santa Croce sull'Arno e quello di Castelfranco di Sotto. L'edificio fa parte del complesso della Waste Recycling, l'azienda di smaltimento rifiuti. Il vento, per un periodo ha spinto il fumo verso l'abitato di Castelfranco di Sotto.

Pubblicato in Santa Croce sull'Arno

ministro a calciIl ministro dell'Agricoltura Gian Marco Centinaio è arrivato a Calci per rendersi conto dell'accaduto e assicurare l'intervento del Governo (Serra e Avane in fiamme, stop alla caccia e divieto di accendere fuochi fino a ottobre. Il bosco brucia ancora). Lo hanno accolto i sindaci di Calci Massimiliano Ghimenti, che da due giorni è in giro per il comune e quello di Pisa Michele Conti, insieme a quello di Cascina Susanna Ceccardi. L'annuncio dell'arrivo del ministro ieri aveva colto di sorpresa il consiglio regionale, riunito in seduta.

Pubblicato in Dalla provincia

2ad02848-c6fe-4e0a-be2e-aad65599c052Non hanno lasciato il nome, ma una bella cifra, capace di pagare colazione e pranzo a quei vigili del fuoco e ad altri che arriveranno. Hanno passato la notte tra le fiamme, le loro divise lo dicono chiaramente. Quella donna entra, li guarda, si avvicina al titolare e gli lascia i soldi per pagargli la colazione. Non gli lascia il nome, non è questo l'importante. L'importante è che quei 5 vigili del fuoco e tutti gli altri per estensione, si sentano amati. Una sorta di caffé sospeso, ma più grosso. "Mi ha detto che ne avrebbe aggiunti altri se non fossero bastati. Dopo di lei - racconta un concitato e commosso titolare - un'altra signora ha fatto lo stesso. E' bello sapere di essere in una comunità così, mi hanno lasciato un cifra generosa". Se proprio bisogna trovare eroi in questa circostanza, allora sono loro, persone comuni con una sensibilità fuori dal comune.

Pubblicato in Dalla provincia

bd1fa4b2-8eac-485b-a0ca-b7640fcbe7dfC'è un momento in cui il durante e il dopo si incontrano. Oggi è il giorno dopo l'inferno nel quale si è svegliata la provincia di Pisa ma è anche un nuovo giorno di fuoco, con il vento che soffia caldo e senza neppure una nuvola che prometta pioggia. Il colpo di coda di un'estate trascorsa tranquilla è violento. Brucia, divora, butta fuori casa e lascia a bocca aperta, con la morte nel cuore e anche un po' di rabbia verso la mano che ha causato tanto scempio. Una nuova alba di fuoco ha salutato il risveglio della provincia di Pisa. Il presidente della Toscana Enrico Rossi ha emesso due provvedimenti: uno per istituire un nuovo periodo a rischio incendi valido fino al 10 ottobre a causa del vento forte previsto anche nei prossimi giorni e uno che vieta la caccia nelle aree battute dal fuoco e in quelle limitrofe, dove potrebbero essersi rifugiati gli animali in difficoltà. "L'ufficio caccia della Regione Toscana - ha precisato Rossi - su mia espressa richiesta sta in queste ore predisponendo l'atto a tutela della fauna". Il presidente della Regione Enrico Rossi oggi è a Vecchiano.

Pubblicato in Dalla provincia

pony a NocePende una taglia sulla testa del piromane, quello o quelli che hanno appicato l'incendio che da ieri sera mangia la vegetazione del Monte Serra (Monte Serra in fiamme, stamattina il primo Canadeir: 700 sfollati. Rossi a Calci: “Non ci sono morti. Al resto rimedieremo”). L'ha messa il Codacons: ci sono 2mila euro per chi saprà fornire indicazioni utili alla cattura del piromane. Un'azione, fornire elementi utili, che dovrebbe essere fatta in mod gratuito, ma che magari così fa venire un po' più voglia di parlare a chi sa. D'altra parte, il buon cuore non è di tutti, tanto che nei comuni evacuati - Calci, Cascina e Vicopisano - arriva l'esercito italiano, in un'operazione anti sciacallaggio. Mentre c'è un brutto Paese che distrugge e ruba, il BelPaese è al lavoro per spegnere, salvare, aiutare e ricostruire: i sei pony salvati a Noce sono alcuni degli animali messi al sicuro in queste ore insieme alle persone.

 

Pubblicato in Dalla provincia
Martedì, 25 Settembre 2018 10:14

Monte Serra in fiamme: 700 sfollati in due comuni

d887645a-6379-4e6f-aea3-a88a22845019Sono tre le questioni aperte in questa giornata ancora difficile: la priorità è spegnere l'incendio anche perché le previsioni meteo parlano di un vento più forte dalla serata e che, comunque, in ogni momento può cambiare direzione. Poi ci sono le indagini dei carabinieri volte a individuare il responsabile dell'innesco, che sia doloso o colposo. E, infine, c'è il dopo, quello della bonifica, del rientro in casa, dei risarcimenti danno per l'agricoltura - ridotti in cenere molti olivi -: anche di questo ha parlato Rossi, che ha già interessato il Ministero. Nel primo pomeriggio il vento ha cambiato direzione e il fronte di fuoco punta verso Calcinaia. Intanto tutti i carabinieri forestali della zona sono in stato di massima allerta e vigilano su tutte le aree boscate. 

Pubblicato in Dalla provincia

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466