tatufestatestaskin

Cuoio in Diretta

La festa dopo la battaglia, longobardi invadono Staffoli

Vota questo articolo
(1 Vota)

16a6b9ca-2cc6-4ddf-9f12-9aa94453e3f3I longobardi arrivano all'assalto del villaggio, i romani aiutano gli abitanti del luogo a resistere all'avanzata della stirpe germanica e scoppia la battaglia. Poi esplode la festa. Quella Medievale di Staffoli.

Domenica 2 settembre, "Arrivano i longobardi" è il tema della manifestazione, organizzata dalla Staffoli Eventi in collaborazione con i commercianti e con il patrocinio del comune di Santa Croce sull'Arno. Tra le novità di quest'anno ci sono l'ingresso libero gratuito, un grandissimo mercatino commerciale medievale e una tavolata unica che unirà il paese da cima a fondo. "Ogni anno facciamo uno spettacolo diverso attingendo alla storia, ai costumi di quel contesto storico, ricostruendo fedelmente tutti i passaggi. Quest'anno c'è anche la battaglia con i cavalli ed è una cosa affascinante" spiega Stefania Cioffi, una delle organizzatrici della Festa Medievale.
La manifestazione è giunta all'ottava edizione. Il tema di quest'anno riguarda i primi insediamenti longobardi nelle Cerbaie dell'Alto Medioevo. La collaborazione con l'Università di Pisa che ha portato alla costituzione a Staffoli di un Centro Studi sui primi insediamenti del popolo longobardo nei nostri territori, ha suggerito agli organizzatori di dedicare a loro il 2018. In questa ottava edizione quindi sarà celebrata questa antica civiltà che si insediò fondendosi con le popolazioni locali ben 12 secoli fa.
Tra l'altro nel 2018 si celebra in tutta Italia, il millequattrocentocinquantesimo anniversario dell'invasione Longobarda in Italia. Nel Parco della Rimembranza sarà animato prima uno scontro armato tra i longobardi e la milizia tardo-romana presente sul territorio verso la fine del sesto secolo, poi successivamente gli invasori si integreranno anche condividendo usi e costumi delle popolazioni locali. Con una simulazione quindi della vera e propria vita sociale di un insediamento rurale di quel periodo storico. Dai metodi violenti all'integrazione, quindi. E la manfestazione mostrerà come questi barbari, da politeisti si convertiranno al cristianesimo sposandone in toto riti e culti sacri, come per esempio quello di San Michele Arcangelo.
La piazza Panattoni, oltre ad accogliere nella parte riservata all'animazione del villaggio medievale un vero e proprio mercatino medievale a "lume di torcia", riserverà lo spazio del tradizionale Banchetto Medievale al primo convegno sugli insediamenti longobardi nelle Cerbaie del sesto secolo a cura del Centro Studi sui Longobardi di Staffoli, che si terrà subito dopo la cena che i visitatori potranno consumare comodamente scegliendosi un posto nella fila di tavoli disposti lungo tutta la via Livornese, a cura di tutte le taverne. "Abbiamo invitato tutti i territori limitrofi per partecipare a questa Festa Medievale, che non è solo rivolta agli abitanti di Staffoli – spiega Stefania Cioffi -. I lavori per i vestiti sono finiti e ci tengo a dire che questi lavori sono stati portati tutti avanti dalle persone che vivono a Staffoli. Ci teniamo davvero tanto alla buona riuscita di questa manifestazione. Stiamo trovando i primi riscontri positivi e le prime adesioni, ci fa piacere constatare come arrivino segnali di interesse da parte dei giovani". Sarà presente anche l'associazione Benevento-Longobardi, che verrà appunto da Benevento per portare le loro testimonianze. Benevento è stata infatti una città molto importante sotto i longobardi in Italia "E questo – aggiunge Cioffi – darà ancora più lustro alla nostra manifestazione. Ci guardano infatti da tutta Italia".

 

Dalle 9 alle 12 del 2 settembre è in programma "Alla ricerca delle nostre origini" un percorso storico-naturalistico con partenza dal Centro Avis-Pro loco a cura del Centro Studi Longobardi in Toscana di Staffoli. Alle 15,30 è prevista l'apertura delle taverne lungo la via Livornese e del Mercatino tipivo Medievale nella Piazza Panattoni, davanti alla Chiesa.
Programma delle esibizioni. La manifestazione inizia alle 16,30, col ritrovo dei figuranti al Centro Avis dove potranno parcheggiare e cambiarsi d'abito utilizzando le tensostrutture bianche. Alle17, 17,15 ci sarà la partenza del corteo st,orico, che procederà verso il Parco della Rimembranza. E alle 18,15 circa avrà inizio la Battaglia di Staffili. I visitatori per assistere allo spettacolo dell'assedio e allo scontro tra le due parti, per motivi di sicurezza dovranno essere disposti a debita distanza dal personale del servizio d'ordine. Tale servizio sarà nuovamente affidato all'associazione carabinieri della sezione di Santa Croce Sull'Arno. Dopo la battaglia e le rievocazioni storiche, alle 19,30 circa è in programma la cena libera nelle taverne di via Livornese, con l'utilizzo dei tavoli disposti in fila lungo tutta la via, che sarà chiusa al traffico veicolare. Verso le 22, poi, è previsto il "Processo alla storia", un vero e proprio dibattimento con conseguente giudizio finale da parte di una giuria, che interrogherà i protagonisti della serata in costume per far capire agli astanti il ruolo svolto dai singoli e cosa si è voluto rappresentare. Oltre che ricostruire il contesto storico davanti ai visitatori. La Festa Medievale terminerà verso le 23,30.

Ultima modifica il Domenica, 05 Agosto 2018 11:47

Aggiungi commento

Riempi tutti i campi affinchè il tuo commento venga approvato in fase di moderazione. Grazie, la redazione.


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466