Cuoio in Diretta

Sede provincia di PisaRiordino delle Province, ora è ufficiale. La Toscana, infatti, è la prima Regione ad approvare una legge sul tema. E' successo stamani quando il consiglio regionale ha dato il via libera stamani con 41 voti a favore e tre astenuti alla proposta di legge scritta qualche settimana fa dalla giunta. La discussione in aula era iniziata ieri pomeriggio. "E' una legge – ricorda con soddisfazione l'assessore alla presidenza, Vittorio Bugli - che si sta diventando punto di riferimento nazionale”. Si riordinano le funzioni ma il superamento delle Province così come si intendevano diviene con questa legge anche il ridisegno di un nuovo equilibrio istituzionale: servizi che passano ai Comuni associati con fusioni e unioni che diventano essenziali, un ruolo forte per la Città metropolitana che può far da volano e una Regione più ramificata e vicina ai territori. Con il personale delle Province che si sposterà assieme alle funzioni. "Abbiamo fatto la nostra parte, nonostante i tagli che anche la Regione ha subito – ribadisce l'assessore alla presidenza Bugli – Più di questo la norma nazionale non ci permetteva. Se serve chiederemo al Governo altre risorse".

La riforma è stata commentata a margine dei lavori in consiglio regionale anche dal presidente Enrico Rossi. "Ridefiniamo oggi un profilo diverso della Regione – dice – che sarà meno ente astratto, meno 'staterello' ed ente di programmazione ma più presente sui territori con propri uffici, pronta ad occuparsi della progettazione degli interventi utili a prevenire il rischio idrogeologico, pronta a controllare con la polizia idraulica il rispetto delle regole, pronta ancora a gestire in modo diverso la formazione e l'orientamento professionale".

Tre parole chiave
"Nello scrivere questa legge abbiamo seguito tre parole chiave – spiega l'assessore Bugli -. Sono sussidiarietà, adeguatezza e differenziazione. Abbiamo infatti affidato ai Comuni tutto quello che si poteva, abbiamo lasciato alla Regione funzioni adeguate al suo livello e che altrove difficilmente potevano essere gestite. Siamo stati attenti anche a differenziare bene le competenze con una migliore definizione di chi fa cosa". Una legge che risponde all'incertezza dei lavoratori, ma anche ai cittadini per il mantenimento (e il miglioramento se possibile) di quei servizi di cui le Province si occupavano e che rimangono sul territorio.

Cosa cambia
Formazione, agricoltura e difesa del suolo sono tra le competenze di cui la Regione tornerà ad occuparsi direttamente. Si occuperà anche di caccia e pesca. Avrà competenze in materia di rifiuti, difesa del suolo, tutela della qualità dell'aria e delle acqua. Si occuperà ancora di inquinamento acustico ed energia, dell'osservatorio sociale e delle autorizzazioni come Aia, Vas, Via e Aia. Il Genio Civile sarà presente nei territori e competente per progettazione, manutenzione e polizia idraulica. Quanto alle strade regionali, progettazione e realizzazione di opere strategiche saranno regionali mentre la manutenzione rimarrà alle Province. E con le funzioni la Regione riassorbirà anche il personale che a queste era dedicato, che magari rimarrà negli uffici territoriali.

Il personale 'migra' con le funzioni
"Riporteremo in Regione tutto il personale che ci è consentito dalla legge nazionale – assicura e tranquillizza Bugli, rivolgendosi ai lavoratori - E conclusi gli accordi e fatti conti più precisi, guarderemo se sarà possibile allargare ulteriormente il perimetro". Si riorganizza la Regione come ente. Ma si riorganizzerà la Regione anche come macchina. "Dovrà crescere la produttività – spiega l'assessore -, con strutture più leggere e una maggior uso delle nuove tecnologie. Questo dovrà accadere anche alle funzioni un tempo gestite dalle Province, salvaguardando naturalmente la professionalità dei dipendenti".

Servono unioni e fusioni più strutturate
Perché il sistema funzioni al meglio, occorrerà gestire sempre più funzioni in modo associato: questione dirimente per i prossimi anni, un'altra vera sfida. "Incentiveremo le unioni più forti e le fusioni di Comuni più strutturate" dice l'assessore alla presidenza, Bugli. Sono previsti premi crescenti per le unioni e fusioni con almeno cinquemila, diecimila e quindicimila abitanti. "Si apre – ripete in aula – la stagione dell'indispensabilità del governo associato di funzioni: se prima era una scelta volontaria ora diventa qualcosa di impossibile da evitare".

Mercoledì, 25 Febbraio 2015 15:30
Pubblicato in Dalla provincia
Leggi tutto 0

La regione Toscana dispone di 1.703 case popolari sfitte, un dato molto basso rispetto alle altre regioni. La percentuale maggiore è collocata nel territorio pisano, dove sono circa 348 gli alloggi vuoti. Un dato strano, se si pensa che le persone in attesa di un alloggio popolare sono tante e spesso costrette ad affitti privati. Negli ultimi 4 anni, in Toscana, le domande per l'assegnazione di alloggi Erp sono state 30.464 e in un anno si assegnano dai 700 agli 800 alloggi. Con questi dati solo il 5% di chi fa domanda può sperare di avere una casa assegnata. "Queste sono sfitte ormai da molti anni - ha spiegato Simone Porzio (Sunia) - anche per negligenza dei Comuni che sostengono di non avere soldi per ristrutturarle e di conseguenza gli alloggi sono preda di occupazioni abusive e illegali, alla faccia di chi se ne sta legalmente ad attendere in graduatoria, è un fatto inaccettabile".

 

Mercoledì, 25 Febbraio 2015 15:10
Pubblicato in Dalla provincia
Leggi tutto 0

sequestro finanzaOcchiali, borse, portafogli, giubbotti, calzature, accessori per l'abbigliamento con marchi contraffatti delle più note griffe. E, poi, accessori per la telefonia, per i computer ed elettronici in genere, giocattoli, utensili, cancelleria, occhiali, bigiotteria, orologi, abbigliamento e cosmetici. La Guardia di finanza di Pisa ha sequestrato complessivamente circa 31.500 articoli nei controlli nelle aree cittadine più sensibili al fenomeno illecito, quale il plesso monumentale di Piazza dei Miracoli e le immediate adiacenze della stazione ferroviaria. Su parte dei prodotti sequestrati risultava del tutto assente o illecitamente apposta la marcatura Ce, priva delle indicazioni obbligatorie per la corretta informazione del consumatore: per questi, i titolari delle attività commerciali che li detenevano sono stati multati per 10mila euro.

Mercoledì, 25 Febbraio 2015 12:25
Pubblicato in Dalla provincia
Leggi tutto 0

Giunta pisaOggi, martedì 24 febbraio, la nuova giunta Filippeschi si è riunita per la prima volta, con i due nuovi assessori Giuseppe Forte e Andrea Ferrante. I due sono entrati a sostituire i dimissionati Danti e Gay.

Mercoledì, 25 Febbraio 2015 12:08
Pubblicato in Dalla provincia
Leggi tutto 0

rame fuocoEra notte. Ma il fumo nero non è sfuggito a una pattuglia del nucleo operativo e radiomobile, in turno nella notte tra lunedì e martedì. I carabinieri stavano passando sulla strada statale Aurelia, quando hanno notato il fumo salire dall'abitato in via dell'idrovora, dove sono presenti le villette concesse dal Comune ad alcune famiglie di Rom della Macedonia.

Mercoledì, 25 Febbraio 2015 11:47
Pubblicato in Dalla provincia
Leggi tutto 0

Più di 100 produttori cinematografici arriveranno a Pisa da tutto il mondo. Per "preparargli la strada", a Pisa è già arrivato il regista francese Ronan Girre, presidente di Ateliers du Cinéma Européen. In attesa della convention annuale di aprile, Girre ha effettuato una serie di sopralluoghi, durante il quale sono state visionate una serie di location cittadine individuate come possibili set cinematografici per future produzioni internazionali. In particolare il Parco Naturale di San Rossore. Dall'8 al 12 aprile, in città ci saranno seminari, laboratori di cinema, concerti, spettacoli, mostre.

Mercoledì, 25 Febbraio 2015 10:56
Pubblicato in Dalla provincia
Leggi tutto 0

municipale pisaLa polizia municipale di Pisa ha indetto un concorso pubblico per selezionare un dirigente a tempo determinato. La domanda deve essre presentata entro il 26 marzo all'ufficio relazioni con il pubblico, Lungarno Galilei, 43 a Pisa, dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 12,30 e martedì e giovedì dalle 15 alle 17.

Martedì, 24 Febbraio 2015 18:59
Pubblicato in Dalla provincia
Leggi tutto 0

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466