Cuoio in Diretta

Un navigatore per viaggiare con le tartarughe

Vota questo articolo
(0 Voti)

tartaruga caretta carettaUn "navigatore satellitare" per studiare le rotte dalle tartarughe caretta caretta, che frequentano le acque della Toscana. Tecniche di telerilevamento satellitare saranno possibili grazie al progetto Caresat dell'Università di Pisa, finanziato dalla Regione Toscana nell'ambito del programma Go Green Mare 2014. Per circa due mesi il gruppo di ricerca dell'Ateneo pisano, guidato da Paolo Luschi, ha studiato gli spostamenti di un piccolo esemplare di 38 centimetri che era stato ritrovato dal Corpo forestale dello Stato nei pressi dell'isola di Montecristo ed è stato poi curato e riabilitato dal Centro Recupero Tartarughe Marine di Talamone.
"È la prima volta in Italia che vengono studiati gli spostamenti di un esemplare così piccolo - ha spiegato Luschi - perché al momento del rilascio la tartaruga aveva una lunghezza di soli 38 centimetri e proprio per questo abbiamo applicato al carapace una trasmittente speciale, di soli 49 grammi di peso, che ha comunque fornito localizzazioni frequenti e di buona qualità, consentendoci di ricostruirne la rotta".
La tartaruga, in due mesi ha percorso quasi 30 chilometri al giorno, a una velocità media di oltre un chilometro all'ora. 

Ultima modifica il Martedì, 10 Febbraio 2015 19:09

Devi registrarti per poter lasciare un commento.

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466