Cuoio in Diretta

Plastica nel cibo nella mensa, esposto del Comune che teme il sabotaggio

Vota questo articolo
(0 Voti)

Un pezzo di plastica nel tacchino della mensa scolastica. E, poi, un pezzo di gomma nella minestra, cosette nella pasta e altro ancora. Insomma, cinque casi in neppure tre mesi hanno convinto il comune di Pisa a depositare un esposto contro ignoti alla procura della Repubblica, ipotizzando tra le altre cose, che si tratti di "un sabotaggio" nei confronti della ditta incaricata del servizio di refezione scolastica.

"A Pisa - spiega l'assessore comunale alle attività educative Marilù Chiofalo -, abbiamo costruito una maggiore partecipazione e sensibilità, con più trasparenza e comunicazione e non possiamo escludere che gli episodi siano frutto di emulazione o di gioco incosciente. Ma, a un anno dalla nuova gara (prevista a giugno 2016), si delinea anche un'ipotesi sabotaggio. Vogliamo evitare potenziali danni agli utenti anche perché la maggior parte dei ritrovamenti non sono riconducibili a un problema derivante dalla cucina e dalla preparazione dei pasti". Oltre a Pisa, la ditta incaricata serve altri 180 comuni e afferma che da nessun'altra parte ci sono tante segnalazioni come qui. Nel 2011, a pochi mesi dall'affidamento, si verificò un'analoga serie di casi. Dopo l'esposto del Comune finì tutto.

Devi registrarti per poter lasciare un commento.

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466