Cuoio in Diretta

Appello ai sindaci: "Lotti deboli in unica gara"

Vota questo articolo
(0 Voti)

IMG-20150313-WA0003 1"Chiediamo con forza che la gara sui cosiddetti lotti deboli venga espletata tramite un unico bando che riunisca in un solo lotto tutte le linee interessate". L'appello ai sindaci dei comuni di Basso Valdarno, Valdera, Volterra e Val di Cecina arriva dai sindacati dei lavoratori del settore trasporti. Filt Cgil, Fit Cisl e Faisa Cisal, con una lettera ai comuni, si dicono preoccupati per l'assegnazione dei servizi nelle aree a domanda debole e per la relativa gara.

I lotti deboli, sono la parte di percorso, diciamo residuale, non inserito nell'affidamento del bando regionale sul Trasporto pubblico locale. Una parte di percorso, cioè, che dovrebbe rimanere in carico ai comuni, ma che, secondo i lavoratori, rischia di offrire servizi differenti in territori limitrofi. Tra l'altro a prezzi differenti per chi espleta il servizio e, magari, a condizioni differenti per i lavoratori. Secondo le organizzazioni sindacali la soluzione c'è ed è facile da percorrere: "Riunendo tutte le linee in un unico lotto di 1 milione e 250mila chilometri – spiegano - si verrebbe a creare un oggetto fortemente appetibile anche per le aziende di trasporto di dimensioni maggiore già presenti sul territorio e ivi strutturate. Una soluzione del genere è la sola in grado di garantire la partecipazione alla gara delle suddette aziende, prima fra tutte quella che si aggiudicherà il così detto lotto forte, che sono le sole in grado di garantire un servizio di alta qualità e che possano garantire al personale la corretta applicazione dei contratti di categoria". Le segreterie provinciali, fiduciose, si dichiarano disponibili a incontri e confronti: "Siamo certi che terrete nella debita considerazione quanto da noi affermato". Anche se un percorso simile si preannuncia lungo.

 

Ultima modifica il Giovedì, 07 Maggio 2015 10:52

Devi registrarti per poter lasciare un commento.

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466