Cuoio in Diretta

Empoli, il pensiero di Simone De Beauvoir al Cenacolo degli Agostiniani

Vota questo articolo
(4 Voti)

Simone-De-Beauvoir

Non ho mai nutrito l'illusione di trasformare la condizione femminile, essa dipende dall'avvenire del lavoro nel mondo e non cambierà seriamente che a prezzo di uno sconvolgimento della produzione. Per questo ho evitato di chiudermi nel cosiddetto «femminismo»." Basta leggere un passo a caso della vastissima produzione letteraria di Simone De Beauvoir per comprenderne tutta la complessità di pensiero. Una protagonista del '900 che sarà al centro di un appuntamento domani, venerdì 29 aprile, del consueto “Caffè letterario” organizzato dalla biblioteca Renato Fucini di Empoli nella sala del Cenacolo degli Agostiniani, a cura dell'associazione culturale ‘L’acqua in gabbia’.

Titolo dell’incontro ‘Leggere Simone de Beauvoir, oggi’ con Enza Biagini: un ‘Caffè’ dedicato a una delle principali intellettuali del XX secolo, nel quale si parlerà della vicenda esistenziale, dell’opera e del pensiero di una protagonista indiscussa della cultura filosofica e politica del Novecento. Letture a cura di Angela Giuntini, introduce Laura Beconcini. L’ingresso è libero, ma si consiglia la prenotazione.

Simone De Beauvoir - Filosofa esistenzialista e scrittrice, ricordata da chi non la conosce come "la compagna/moglie di Jean-Paul Sartre", Simone de Beauvoir è considerata la madre del pensiero femminista contemporaneo. Autrice del celebre “Il secondo sesso" ha coniato una delle frasi più travisate della storia: “Donne non si nasce, si diventa”, utilizzata spesso a sproposito da molti non femministi. Simone de Beauvoir non è soltanto questo. È soprattutto una delle più grandi intellettuali del XX secolo, complessa e ambivalente, madre del femminismo ma soprattutto della libertà, di pensare con lei o contro di lei, di decostruire il “maschile” e il “femminile” per poter finalmente accedere al “neutro”. La ragione, infatti, non ha sesso e la tradizione millenaria secondo cui le donne non siano capaci di argomentare è confutata da questa consapevolezza.

Enza Biagini - Professoressa ordinario di Teoria della letteratura all’Università di Firenze. Attualmente dirige, insieme ad Ernestina Pellegrini, la collana “Profili di donne” ed è presente nei comitati delle riviste «Letteratura italiana» ed «Ermeneutica letteraria». Ha collaborato a volumi miscellanei, pubblicando su riviste italiane francesi, con saggi su diversi argomenti tematici o teorici (sul sogno, sul notturno, sulle teorie dell’immaginazione, dell’imitazione, della parodia e dell’umorismo, della follia, della traduzione, della fotografia, del journal intime, della lettera, del monologo interiore, del commento).

Devi registrarti per poter lasciare un commento.

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466