Cuoio in Diretta

Si tuffa in Arno per sfuggire agli agenti: in manette

Vota questo articolo
(1 Vota)

polizia volante 3E' una vecchia conoscenza della polizia. Nato in Algeria 44 anni fa, aveva un curriculum di tutto rispetto. Lo straniero era stato infatti più volte denunciato per spaccio di stupefacenti, falso, furto, ricettazione e altro. Alcuni anni fa era stato pure condannato dal tribunale di Sanremo per la falsificazione di un permesso di soggiorno. Ma ieri, a Pisa, la Polizia Stradale lo ha intercettato. Era in sella ad uno scooter, poi risultato rubato. Alla vista dei poliziotti ha tentato di scappare, immettendosi su via Livornese. Ha imboccato lungarno Leopardi, cambiando continuamente traiettoria per seminare la pattuglia che, nell'inseguimento, si è schiantata contro un platano. Gli agenti hanno proseguito a piedi, lungo l'argine dell'Arno, dove si era diretto l'uomo che, braccato, si è giocato l'ultima chance tuffandosi in Arno, sicuro che i poliziotti non si sarebbero mai immersi nel fiume, ove l'acqua in quel tratto scoraggerebbe chiunque.

Ma l'uomo, questa volta per sua sfortuna, ha giocato la carta sbagliata. I due agenti della Polstrada di Pisa si sono buttati nel fiume, catturando lo straniero e evitandogli brutti guai, poiché la forte corrente lo stava trascinando via. L'uomo è stato arrestato: aveva ancora da scontare 5 mesi e 4 giorni, per una condanna inflitta dal tribunale di La Spezia nel 2012. Gli investigatori hanno rinvenuto sotto la sella del mezzo 2 coltelli, 3 forbici, 7 chiavi per moto, un portafoglio e un gruzzolo di monete, per un totale di circa 170 euro. Il 44enne, fermato dalla Polstrada, dopo il bagno in Arno ora si trova nel carcere Don Bosco di Pisa. Il proprietario dello scooter, contattato dagli agenti, li ha ringraziati: non sperava più di riaverlo dopo oltre due anni dalla denuncia di furto.

 

Ultima modifica il Giovedì, 19 Maggio 2016 12:06

Devi registrarti per poter lasciare un commento.

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466