Cuoio in Diretta

“Peace&Olives”: associazioni della Valdera in aiuto alla Palestina per ricordare Romboli

Vota questo articolo
(1 Vota)

romboli

"Mercoledì 15 Novembre, a meno di una settimana dalla scomparsa di Paolo Romboli, un folto gruppo di associazioni della Valdera si è ritrovato presso il Baobab di Perignano spinto dall'esigenza di fare qualcosa insieme, costruire un progetto, un percorso, nel nome di Paolo". Inizia così un intervento congiunto di varie associazioni che nei prossimi mesi, in Valdera, daranno vita ad alcune iniziative di solidarietà per ricordare lo storico militante ambientalista e della sinistra scomparso alcuni giorni fa (leggi).

"L'invito è stato rivolto inizialmente ad un primo nucleo di realtà associative nelle quali Paolo ha militato o comunque per le quali ha simpatizzato, ma si è subito allargato coinvolgendo altri singoli o enti collettivi, a dimostrazione di quanto la figura di Paolo abbia fatto e possa fare ancora da collante, spingendo concretamente verso la realizzazione di un percorso comune che abbia però finalità concrete" scrivono congiuntamente le associazioni, fra cui si annoverano l'associazione politico culturale 'La Rossa' Lari, Brigate di Solidarietà Attiva - Ponsacco, Coordinamento Antifascista della Valdera, Comitato No Geotermia Valdera, Chiodofisso – Perignano, Libera contro le mafie – Pisa, Legambiente Valdera, Arci Valdera, Associazione teatrale "Cantieri Osso del Cane" – Pontedera, Forum Acqua Valdera, Rete per l'Economia Solidale della Valdera, Circolo Arci Lari, Circolo Arci Il Botteghino – Pontedera, Laboratorio Sociale Ujamaa, Gruppo di Acquisto Solidale "GASpacho" – Lari. "Paolo, per tutti noi, è stato un amico, un compagno, un sognatore, un idealista, un lottatore. Abbiamo condiviso tante battaglie insieme e lui è sempre stato in prima linea quando si trattava di solidarietà, di rivendicazioni sociali, civili, lavorative, ambientali e sempre pronto a portare aiuti concreti. Ma più che altro è stato un uomo generoso, intelligente, colto, appassionato, mai banale e di una sensibilità unica, con il quale scambiare impressioni era sempre piacevole e allo stesso tempo formativo. Un esempio di coerenza pensiero-azione come pochi altri oggi, una fortuna per tutti noi aver avuto l'opportunità di condividere almeno un pezzo di strada insieme.

Per queste ragioni, spinti anche dalla volontà di Monica, moglie e compagna di tutta una vita, abbiamo voluto dare concretezza "e gambe", come avrebbe detto lui, ad un progetto che Paolo avrebbe senz'altro sostenuto e supportato, perchè tiene insieme alcune delle sue grandi passioni: l'amore per la Palestina e la lotta per la sua indipendenza, gli ideali di giustizia, il supporto concreto e diretto a chi lavora a ama la terra, le piante di olivo. Il progetto si chiama "Peace&Olives": attraverso l'adozione di una pianta d'olivo (al costo di € 20) si può sostenere l'acquisto, il trasporto e la messa a dimora di una nuova piantina nei terreni agricoli dei contadini che ogni giorno subiscono l'occupazione israeliana in Cisgiordania e a Gaza. Le piantine acquistate e messe a dimora saranno accompagnate da una targa, come riconoscimento del sostegno alla campagna e come testimonianza del legame di solidarietà che tutti noi e Paolo in particolare, abbiamo sempre avuto con il popolo palestinese, da decenni in lotta per la propria indipendenza".

 

Per chi volesse avere maggiori informazioni si riporta anche il link dell'associazione palestinese referente sul posto e il link con le info sul villaggio individuato per la piantumazione che verrà fatta in nome e per conto di Paolo Romboli: http://www.jai-pal.org/en/. Informazioni sul paese palestinese a cui sarà dato sostegno sono reperibili all'indirizzo https://www.welcometopalestine.com/destinations/bethlehem/wadi-fukin/ . "Cogliamo l'occasione inoltre per lanciare la proposta di una grande giornata di raccolta fondi da tenersi in primavera - concludono le associazioni - dove il progetto "Paolo Romboli per Peace&Olives" sarà presentato ufficialmente. Ancora grazie Paolo, continueremo il percorso da te tracciato: 'uniti siamo tutto, divisi siam canaglia'". (ndm)

Ultima modifica il Mercoledì, 22 Novembre 2017 12:50

Devi registrarti per poter lasciare un commento.

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466