Cuoio in Diretta

Butta a mare il marinaio irregolare, comandante nei guai

Vota questo articolo
(1 Vota)

460bc64b-ea7c-40db-bc52-5c9844fe7345Arrestato il comandante di un motopeschereccio livornese che, per sfuggire ai controlli, gettò in mare un marinaio extracomunitario che aveva arruolato abusivamente. L'episodio è successo davanti alla foce del Calambrone. Al livornese di 46 anni, la Procura contesta i reati di violenza privata, violenza o minaccia per costringere a commettere un reato e caporalato. Il comandante di un peschereccio della marineria locale è stato arrestato dai carabinieri del comando provinciale e dalla guardiacostiera di Livorno.

I militari dei due comandi hanno infatti dato esecuzione questa mattina 5 dicembre a un'ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Gip del Tribunale di Livorno attendendo il rientro dalla battuta di pesca del pescatore, ormeggiatosi con l'imbarcazione nell'abituale posto d'ormeggio in banchina in darsena vecchia.
L'indagine aveva tratto origine da un salvataggio in mare, nel tardo pomeriggio dell'8 giugno del 2016, operato a favore di un cittadino senegalese nello specchio acqueo di Calambrone a qualche centinaio di metri dalla costa. L'uomo, salvato da un bagnino che si era accorto di lui vedendolo annaspare nell'acqua, nella circostanza raccontò allo stesso assistente bagnante che per paura di un controllo della Guardia Costiera che in quel momento stava effettuando controlli, il comandante di un peschereccio, per il quale lavorava in maniera irregolare, lo aveva spinto in mare, pur consapevole che non avesse le capacità di nuotare per mettersi in salvo.
Le successive indagini hanno fatto luce su uno sfruttamento continuo, non solo del senegalese, ma anche di altri cittadini extracomunitari per lo svolgimento di varie mansioni a bordo dell'imbarcazione. Persone che avendo necessità di lavorare venivano costrette a turni massacranti, per un compenso di 10 euro a volta e una modesta quantità di pesce, offesi ripetutamente quando non eseguivano a dovere gli ordini.

Ultima modifica il Martedì, 05 Dicembre 2017 20:46

Aggiungi commento

Riempi tutti i campi affinchè il tuo commento venga approvato in fase di moderazione. Grazie, la redazione.


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466