Cuoio in Diretta

Studia da erborista e spaccia: in auto con mezzo chilo di Erba

Vota questo articolo
(1 Vota)

FIRENZE - Studente di erboristeria sorpreso con del fumo dalla Polstradaa lo spacciatore. FOTODi notte è più facile, avrà pensato. Più facile forse, ma non così tanto, visto che la sua auto è stata fermata da una pattuglia della sezione della polizia stradale di Firenze. Nell'auto del ragazzo di 29 anni, originario di Torino ma domiciliato a Pisa, hanno trovato mezzo chilo di erba. Non di quella, però, che il ragazzo studia per il corso su prodotti di erboristeria all'Università. Il ragazzo è stato fermato sull'Autopalio, vicino San Casciano. Ci è voluto poco per legare la provincia di Siena a Pisa.

Gli agenti, infatti, hanno arrestato un uomo di 40 anni, originario del casertano, che aveva messo in piedi una fiorente attività per piazzare hashish e marijuana tra amici e conoscenti. L'uomo, che risiede a Colle Val d'Elsa dove si occupa di lavori edili, per gestire meglio i suoi loschi traffici si avvaleva dell'aiuto del 29enne. Quando gli agenti lo hanno fermato, il ragazzo aveva da poco lasciato la casa del 40enne con mezzo chilo di erba, dal valore di circa 2.500 euro. Gli investigatori hanno lavorato diverse ore per ricostruire la filiera dello spaccio, individuando poi la casa del 40enne e appostandosi lì sotto. La mattina dopo i poliziotti, insieme ai loro colleghi della sezione di Siena e del commissariato di Poggibonsi, sono entrati nell'abitazione, ma prima hanno atteso l'arrivo di Mia e Ampere, gli infallibili cani antidroga della Questura di Firenze che, con i loro conduttori, sono ormai il terrore di tutti gli spacciatori.
Infatti, i poliziotti a quattro zampe ci hanno messo poco a scoprire in una cantina altri 200 grammi di droga, oltre a una bilancina di precisione, sacchetti di cellophane, coltellini per tagliare le dosi e un contenitore di cioccolata da tre chili, usato per conservare le dosi e depistare gli odori. Tutto inutile, poiché il muratore è stato arrestato per spaccio di droga, poi sequestrata insieme al kit usato per confezionare le dosi. Lo studente di erboristeria è stato denunciato a piede libero dalla Polstrada, che gli ha sequestrato l'auto e ha avviato la procedura per sottoporre a revisione le patenti dei due.

Ultima modifica il Venerdì, 08 Febbraio 2019 16:25

Devi registrarti per poter lasciare un commento.

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466