Cuoio in Diretta

Uniti per Calcinaia, al via la campagna della sinistra “aperta” di Alderigi

Vota questo articolo
(3 Voti)

3fb016b4-ab7a-49ac-bdc5-dbd7a87983ba

"Per la prima volta uniti, dopo oltre 20 anni, non era scontato". E' questo il messaggio più forte che ha accompagnano l'inizio della campagna elettorale di Cristiano Alderigi, già assessore ad ambiente ed urbanistica, bilancio e innovazione tecnologica, che ieri mattina si è presentato ufficialmente al Circolo Operaio a Fornacette in compagnia di Flavio Tani, già candidato della sinistra per la lista "Calcinaia Bene Comune" prima che un lungo e faticoso percorso di avvicinamento delle due realtà non ne reintrecciasse i destini in un unico progetto: Uniti per Calcinaia.

"Questi ultimi anni di lavoro e di conoscenza reciproca in consiglio comunale hanno portato ad una convergenza di valori e prospettive fra le due liste, fortemente richiesto da molti cittadini oltre che dal mondo associativo – ha voluto spiegare il candidato alla successione di Lucia Ciampi. – Un confronto lungo un anno per giungere ad un unico progetto che faccia della trasparenza, della competenza e dell'innovazione le sue caratteristiche fondanti, con un occhio di riguardo a cultura e allo sviluppo del territorio, a cominciare dai centri urbani e dal loro commercio".

Un governo, quello che propone la lista di centrosinistra, che "vuole muoversi in continuità con il lavoro fatto", come ha dichiarato il candidato sindaco, "investendo ancora di più nel campo del sociale e della lotta alla povertà" come più volte ha voluto invece precisare Flavio Tani, figura che molte voci di corridoio danno in questi giorni come possibile vicesindaco, previa massiccia conferma delle urne. "Alderigi è il nostro candidato, un esponente del Partito Democratico che in questi anni anche all'interno della sua maggioranza si è distinto per impegno sul fronte di valori che noi condividiamo di più – ha dichiarato Tani. – Ritirando la mia candidatura avrò comunque un ruolo centrale in un progetto che ci vede presentarci dopo molti anni senza divisioni a sinistra, cosa non scontata. Una nuova storia per il nostro paese che vogliamo costruire insieme a tutti i cittadini e le associazioni che che si riconoscono in una sinistra democratica". Unità su cui insistono molti elementi del simbolo, presentato sempre nell'incontro di ieri: una base rossa nella parte inferiore del cerchio, una bandiera arcobaleno ed una tricolore «a simboleggiare le due culture politiche che si uniscono, che hanno da sempre un fondamento comune» ha precisato Alderigi. Valori che nel concreto sono stanno entrando in concretamente in un programma ancora “in itinere”, ma che il candidato sindaco presenta per punti, forte di un'esperienza di governo che traspare.

"Ciò che abbiamo fatto in questi anni rappresenta il principale lavoro di un amministrazione: trovare quanti più finanziamenti possibili per il territorio – ha dichiarato. – Un comune, il nostro che quest'anno vede nel bilancio ben 15 milioni di investimenti, cifra ottenuta partecipando a tutti i bandi nazionali e regionali. I risultati sono sotto gli occhi di tutti con i tanti lavori pubblici, come le nostre priorità in questi anni, con le due nuove scuole". Temi caldi, poi, il consumo di territorio, la sicurezza e la viabilità, che specie nella frazione di Fornacette genere più di un grattacapo. "Il comune di Calcinaia che ha attualmente 12.750 residenti per una presenza di ben 850 abitanti per metro quadrato, non può crescere ancora tanto. Dobbiamo puntare sul recupero dei centri storici aiutando i commercianti esistenti e promuovendo nuove aperture attraverso bandi specifici, volti a valorizza il ruolo fondamentale delle nostre botteghe, che non è solo economico ma è anche sociale – ha detto Alderigi sollecitato da alcuni cittadini in platea. – Quanto alla viabilità, c'è in studio un accordo con i privati per migliorarla, accordo che scade l'anno prossimo e che cercheremo in ogni modo di far rispettare". Sulla sicurezza, poi: "abbiamo investito oltre 100mila euro su telecamere, apparecchiature  di rilevamento targhe e via dicendo e non è finita. Ma il problema va declinato anche attraverso un maggiore impegno sull'inclusione sociale e sulla lotta alla marginalità attraverso politiche sociali".

Nilo Di Modica

Ultima modifica il Giovedì, 14 Febbraio 2019 18:15

Devi registrarti per poter lasciare un commento.

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466