Cuoio in Diretta

Barnini: “Rafforzare Zone Distretto e Società della Salute”

Vota questo articolo
(1 Vota)

consiglio comunale sanita 25 2 2019 1"Guardando al futuro, vedo una Società della Salute e Zone Distretto con più risorse, competenze e professionalità per gestirle e investire nei Comuni di questa area". Lo ha detto il sindaco di Empoli Brenda Barnini durante un consiglio comunale aperto sulla riforma sanitaria che si è tenuto ieri sera 25 febbraio fino a tarda notte.

"Dobbiamo - ha detto - costruire un sistema che certamente sia in grado di rispondere alla domanda di sanità dei cittadini, ma che guardi anche al futuro e al lungo periodo. L'Asl e insieme ad essa la Regione Toscana, deve pensare alle grandi sfide che potranno portare la popolazione a invecchiare in salute. Ci sono sufficienti strumenti scientifici su cui investire già da ora in ricerca e tecnologia. Insieme a questo penso e auspico, per una realtà come la nostra, mi riferisco all'Empolese Valdelsa e al Valdarno Inferiore, il territorio della vecchia Asl 11, una sanità territoriale più forte e autonoma. Penso a un rafforzamento delle Zone Distretto e della Società della Salute. Il futuro della sanità empolese guarda a investimenti che diamo ormai per scontati come quello sull'Hospice, sul personale, sulla Casa della Salute in piazza XXIV luglio".Da parte sua, l'Azienda Usl Toscana centro ha parlato di un territorio forte a supporto di un ospedale in continua evoluzione.
La direzione generale ha evidenziato che "l'impegno per la realizzazione delle Case della Salute (CdS) prosegue: attualmente sono dieci con 66 Medici di Medicina Generale, 34 infermieri 11 assistenti sociali che assistono una popolazione di circa 82.000 abitanti. Trenta amministrativi garantiscono invece tutte le attività di front office.
Nel mese di aprile le CdS diventeranno 11 con l'inaugurazione di quella di Gambassi Terme. Otto CdS sono provviste di diagnostica ecografica di primo livello, di ambulatori specialistici e in cinque è presente la Continuità assistenziale (guardia medica). Le Cds sono aperte 5 giorni su 7 e in alcune realtà anche 7 giorni su 7.
Il vantaggio principale del territorio empolese è la presenza dei medici di famiglia nelle CdS che si alternano nell'attività e sono supportati dalla diagnostica ecografica, elettrocardiografica e dalla sanità di iniziativa.
Per la presa in carico dei pazienti in dimissione dagli ospedali, il territorio ha attivato, come previsto dalla riforma, l'Agenzia di Continuità Ospedale Territorio che a oggi ha preso in carico quasi 1200 pazienti in varie strutture.
Entro il 2019 sarà aperto l'Hospice di Empoli (10 posti) nella ex Rsa di via Volta, attualmente i posti letto complessivi di Rsa sul territorio sono 796 a ciclo continuo e 121 a ciclo diurno. Sarà realizzato il reparto di cure intermedie nel presidio ospedaliero di San Miniato (13 posti), aperto il nuovo reparto di preospedalizzazione nel presidio ospedaliero di Fucecchio con il fine di supportare lo sviluppo dell'attività del Centro Artoprotesico e al San Giuseppe verranno attivati 12 nuovi posti letto per la dialisi e istallata la nuova T.
Dal 2015 al 2018 sono state acquistate apparecchiature biomedicali per oltre 2milioni di euro anche con l'obiettivo di incrementare le risposte sui tempi di attesa relativi alle indagini diagnostiche.
Per quanto riguarda l'ambito ospedaliero, nelle strutture complesse in cui sono riscontrate situazioni di carenza sono stati attivati bandi di concorso nazionale per impiegare figure essenziali, non solo in ambito tecnico professionale ma anche organizzativo. L'Ospedale di Empoli è stato oggetto di confronto con altri ospedali di livello provinciale, finalizzato a verificare che sia gli ambiti organizzativi che le modalità di servizio fossero adeguati e coerenti con l'Azienda nel suo complesso.
Particolare attenzione è stata riservata al Pronto Soccorso diversificando la complessità nella gestione dei pazienti e per quanto riguarda la tipologia di ricovero, in parallelo con altri presidi l'Azienda sta procedendo alla realizzazione del day service, week hospital, day hospital, finalizzata ad utilizzare al meglio gli spazi in particolare per risolvere le problematiche dei pazienti che accedono al PS o in attività programmata.
Un'attenta valutazione è stata riservata al dipartimento infermieristico per quanto riguarda il numero del personale addetto all'assistenza (infermieri e oss). L'Azienda compatibilmente con la disponibilità di graduatorie o facendo ricorso a forme interinali cerca di rispettare il dimensionamento per mantenere attivi i servizi.
Riguardo la componente dei medici specialisti sono ormai note le difficoltà, anche a livello nazionale, legate alla disponibilità di, anestesisti, radiologi, pediatri, ginecologi ginecologia. L'Azienda si sta impegnando a risolvere le carenze del personale non solo attraverso gli strumenti contrattuali disponibili, ma anche investendo su borse di specializzazione con l'obiettivo di far svolgere attività formativa per poi procedere con incarichi di ruolo.
Il personale è stato comunque incrementato con 134 assunzioni nel 2017 e 117 nel 2018.
Da sottolineare che per quanto riguarda la prevenzione in particolare per lo screening mammografico il territorio empolese esprime valori di estensione (98% contro la media regionale del 95%) ed adesione (78% contro la media regionale del 70%) molto importanti".

 

Ultima modifica il Mercoledì, 27 Febbraio 2019 12:16

Devi registrarti per poter lasciare un commento.

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466