Cuoio in Diretta

Furti negli agriturismo, i consigli dei carabinieri

Vota questo articolo
(1 Vota)

d53585d4-de50-4128-af77-828458fafd08Chiudere bene le porte e prestare attenzione a chi si aggira intorno alle strutture. Regole che vanno bene anche a casa e che sono tra i consigli che i carabinieri della compagnia di Empoli hanno dispensato in un incontro con i gestori delle strutture ricettive del territorio per parlare del fenomeno dei furti e organizzato insieme alla locale amministrazione comunale.

Alla riunione a Montaione hanno partecipato il comandante della compagnia di Empoli Giorgio Guerrini e della stazione di Montaione Romano Trunzo, il sindaco Paolo Pomponi e il coordinatore dei nuclei territoriali della polizia locale dell'Empolese Valdelsa Massimo Luschi. I militari dell'Arma, nell'ambito della campagna per la prevenzione dei furti in abitazione, hanno dispensato consigli su come cercare di prevenire o, quantomeno, limitare il fenomeno negli agriturismi del territorio. Innanzitutto è fondamentale l'installazione di difese passive, come allarmi (possibilmente collegati al 112) e grate alle finestre. I sistemi di videosorveglianza, sia privati che della pubblica amministrazione, possono essere molto importanti nella fase delle indagini. A ciò deve aggiungersi anche l'educazione degli ospiti: molto spesso i furti negli agriturismi vengono commessi durante la notte con porte o finestre lasciate intenzionalmente aperte.
Anche l'utilizzo delle casseforti, quasi sempre presenti nelle abitazioni, può, quantomeno, limitare i danni economici e, in qualche caso, anche i furti di autovetture. Diversi gli episodi in cui i malviventi si sono allontanati dopo il furto utilizzando le autovetture delle vittime, le cui chiavi erano state lasciate sui tavoli. Particolare attenzione deve essere rivolta anche a soggetti che si aggirano nei pressi delle strutture senza averne titolo: in questi casi il consiglio è di cercare di acquisire più dettagli possibili (fattezze del soggetto, abbigliamento, eventuale modello, colore e numero di targa del mezzo usato) e, nell'immediatezza, di avvisare le forze di polizia. Ogni dettaglio è importante per risalire, anche a distanza di tempo, agli autori dei furti. A tutto questo si aggiungono i servizi svolti dai militari dell'Arma che, quotidianamente, svolgono specifici servizi per la prevenzione e repressione dei furti.

Ultima modifica il Venerdì, 10 Maggio 2019 14:49

Devi registrarti per poter lasciare un commento.

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466