skinterrapisa2019

Cuoio in Diretta

“Abbiamo salvato 99 anni di storia”, il Ponsacco resta in D

Vota questo articolo
(1 Vota)

2ec91acc-b366-4ead-b7e4-17af5bcc144dIl Ponsacco resta in serie D. "Da oggi giovedi 12 luglio siamo regolarmente iscritti al campionato, un'impresa che siamo riusciti a centrare grazie all'impegno di tutti perché il calcio ponsacchino, prima squadra e settore giovanile, è stato salvato dalla sua gente'. Così la sindaco Francesca Brogi ha dato l'annuncio, dopo aver inviato tutta la documentazione, inclusi i bonifici da 53mila euro necessari per partecipare al massimo campionato dilettantistico. 

L'inchiesta che ha coinvolto l'amministratore delegato Walter Buonfiglio (Succo di frutta biologico “falso” in un’azienda di San Miniato) quindi, non ha spento il pallone rossoblù. L'obiettivo infatti è stato centrato "grazie alla comunità ponsacchina tutta – ha proseguito il primo cittadino -, agli ultras e alle centinaia di persone che hanno partecipato alle iniziative promosse in città, agli altrettanti che hanno fatto un bonifico e alle aziende che hanno dato un fondamentale contributo per salvare il club". 254ca5dc-8387-484d-90c4-f91df8f41cbd
"I nostri predecessori saranno felici - ha detto tirando un sospiro di sollievo Pasquale Maniscalco in rappresentanza degli ultras rossoblù -, con il traguardo tagliato oggi abbiamo salvato 99 anni di storia". Da lì ha preso le mosse anche Gerardino Zarra, tesoriere del Comitato "Fc Ponsacco 1920 è una fede" e presidente del consiglio comunale per sottolineare, dati alla mano, "l'impresa che è stata compiuta: ad oggi, dopo aver completato tutte le spese per l'iscrizione, abbiamo ancora sul conto 2.200 euro e so che altri bonifici sono ancora in arrivo". Fra coloro che non hanno mai avuto dubbi c'è anche l'assessore allo sport Francesco Vanni "perché, nonostante la mazzata non eravamo alla sbando: la società, comunque, è rimasta unita, c'è stato un presidente stimato da tutti che si è prodigato al massimo per raggiungere l'obiettivo e, se permettete, anche un'amministrazione comunale che ha speso tutta la sua credibilità per salvare il calcio rossoblù".
Domani sera, venerdì 12 luglio, alle 20,30 tutti allo stadio per una cena dedicata proprio a festeggiare l'iscrizione alla serie D e con il ricavato destinato al Comitato "Fc Ponsacco 1920 è una fede" per cominciare a ricostruire l'Fc Ponsacco 1920. Poi, nei prossimi giorni, amministrazione comunale e club rossoblù consegneranno un riconoscimento a tutti coloro che, in questi giorni, hanno versato un piccolo contributo per tenere in vita il calcio ponsacchino.
Ma la società è già al lavoro per il futuro. "Abbiamo fatto un miracolo – dice senza mezzi termini il presidente Massimo Donati -, ma non possiamo fermarci adesso perché la stagione è alle porte". Almeno nell'immediato la strategia del club rossoblù seguirà un doppio binario: da un lato il lavoro congiunto, insieme all'amministrazione comunale, "per ridare una proprietà solida al club, requisito indispensabile per guardare con fiducia al futuro, dato che al momento il 98% delle quote, quelle detenute da Buonfiglio, sono sequestrate" ha sottolineato il presidente. Al riguardo la prima mossa è stata fatta: "Abbiamo chiesto al tribunale la nomina di un custode giudiziale – ha spiegato - fondamentale per continuare ad amministrare la società e per, eventualmente, valutare la possibilità di un cambio di proprietà, qualora si facciano avanti uno o più soggetti interessati ad investire nel club". Dall'altro la ricostruzione di squadra e staff tecnico: "Io rimango al mio posto, almeno fino a quando non arriverà una nuova proprietà e con me ci sarà anche Andrea Luperini che, almeno finché ci sarà il sottoscritto, sarà il direttore sportivo dell'Fc Ponsacco 1920".

Ultima modifica il Giovedì, 11 Luglio 2019 18:48

Devi registrarti per poter lasciare un commento.

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466