Cuoio in Diretta

Tentano il colpo alle Officine Garibaldi, presi due ladri

Vota questo articolo
(1 Vota)

o garibaldiSono riusciti a entrare. Hanno rubato due computer portatili, l'incasso del bar di 220 euro, altro materiale tecnico e anche una maglia della Pubblica assistenza. Poi, però, sono stati presi e portati in questura. Il tentato furto è avvenuto intorno alle 5 di oggi 6 agosto alle Officine Garibaldi di Pisa.

Due ladri si sono introdotti nella struttura di via Gioberti forzando la porta dell'ingresso posteriore con il cavalletto di una bicicletta. Il sorvegliante ha sentito dei rumori sospetti e ha subito notato due persone che, dal bar interno, si stavano recando nel locale tecnico. L'uomo ha, quindi, subito dato l'allarme alle forze dell'ordine, che immediatamente sono arrivate in via Gioberti. Sul posto sono arrivate due volanti della polizia: un'azione rapida che ha permesso agli agenti di fermare i due giovani ladri poi trasferiti in questura. La refurtiva è stata poi recuperata, ma i danni alla struttura restano: è stata danneggiata la cassa del bar, una delle porte di ingresso e anche i cassetti di sicurezza dei locali tecnici. "Questa notte due balordi sono entrati all'interno delle Officine Garibaldi cercando di rubare quanto più possibile – spiega il direttore generale di Officine Garibaldi Giancarlo Freggia –. Sono entrati molto probabilmente non sapendo che all'interno della struttura ci sono persone della sicurezza tutta la notte. Ringrazio pubblicamente le forze dell'ordine che grazie al loro intervento hanno permesso l'arresto dei due delinquenti".Alla vista degli agenti, i due hanno cercato di correre verso il muro di recinzione posteriore, dove sono stati bloccati poco prima di riuscire a scavalcarlo.
Portati in Questura e identificati tramite le impronte digitali, i due risultano già noti per reati contro il patrimonio e concernenti gli stupefacenti.
I due - un nato a Lucca nel 1985 e l'altro a Monza nel 1980 - sono di fatto senza fissa dimora. Quando gli agenti li hanno fermati, avevano capienti zaini all'interno dei quali sono stati trovati 3 computer portatili, un hard disk, un telefono cellulare cacciaviti e soldi contanti.
Addosso ai due, arrestati in flagranza per furto aggravato, sono stati trovati oggetti riconducibili ad altri furti perpetrati nelle notti passate in uffici pubblici e ditte private di Pisa per i quali, terminati gli accertamenti, saranno denunciati alla Procura della Repubblica.

 

Ultima modifica il Martedì, 06 Agosto 2019 18:38

Devi registrarti per poter lasciare un commento.

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466