Cuoio in Diretta

Spinelli scrive al Prefetto: "Lo Stato intervenga"

Vota questo articolo
(2 Voti)

Alessio Spinelli"Stiamo facendo tutto il possibile ma non abbiamo strumenti per difendere i cittadini. La rabbia della gente è la mia rabbia". Con queste parole il sindaco di Fucecchio Alessio Spinelli si è rivolto questa mattina, 14 dicembre, al Prefetto di Firenze Alessio Giuffrida, dopo la terribile e violenta rapina avvenuta ieri a Le Vedute (leggi qui Arancia Meccanica alle Vedute: aggredito da 5 uomini sulla soglia di casa. Calci e pugni a un anziano davanti alla moglie)

Una lettera, quella di Spinelli, che esprime tutto il proprio malumore per la situazione della sicurezza nella zona collinare delle Cerbaie. "In questa zona – dice Spinelli – la criminalità organizzata, già presente in settori come lo spaccio della droga e il racket della prostituzione, adesso si è fatta anche violenta. Ci sono state due rapine nelle ultime due settimane, senza contare tutti i furti e il degrado portato dallo spaccio della droga. Questa situazione non è più tollerabile. Lo dico con il massimo rispetto per le istituzioni e per le forze dell'ordine presenti sul territorio che si impegnano con professionalità e coraggio tutti i giorni. La rabbia della gente è anche la mia rabbia. I cittadini sono esasperati da questa situazione e io sono dalla loro parte. Questa mattina ho parlato a lungo con la persona rapinata ieri sera e in giornata andrò anche a trovarle personalmente. Poco fa ho scritto una lettera al Prefetto per chiedere che vengano prese tutte le misure urgenti del caso e che si convochi un comitato interprovinciale per la sicurezza, come avvenuto nel maggio scorso. Come sindaco mi sento impotente di fronte a questa situazione. Sto facendo tutto il possibile e il tema della sicurezza è al primo punto del mio impegno quotidiano: abbiamo fatto tante riunioni sul territorio con i cittadini e le forze dell'ordine, l'ultima proprio due giorni fa nella frazione di Galleno, per aiutare la gente a difendersi da possibili furti e rapine. Ho lavorato due anni assieme alla Prefettura e all'Arma dei Carabinieri per ottenere l'elevazione a Tenenza della Stazione dei Carabinieri di Fucecchio raggiungendo finalmente questo importante risultato e impegnando risorse economiche del Comune per adeguare Palazzo Landini Marchiani e renderlo idoneo ad accogliere la nuova tenenza. Ho partecipato al bando regionale per ottenere il finanziamento di 18 telecamere di videosorveglianza che saranno piazzate proprio nelle frazioni collinari adiacenti i boschi delle Cerbaie. Ho impegnato la polizia municipale in controlli e pattugliamenti e a breve inizieremo anche una collaborazione con le polizie municipali dei comuni limitrofi. Abbiamo condiviso anche con i cittadini strumenti tecnologici per il riconoscimento delle targhe di auto che potrebbero risultare rubate o di provenienza sospetta. Onestamente credo che un impegno di questa portata poche altre amministrazioni comunali siano riuscite ad eguagliarlo. Adesso però non so più cosa fare, non ho altri strumenti per intervenire. Mi auguro che il Prefetto si faccia portavoce di questa situazione anche con il Ministero dell'Interno perché io non posso sostituirmi alle forze preposte a garantire la sicurezza. Se non ci saranno miglioramenti sono disposto anche a farmi promotore di iniziative pubbliche con i cittadini per manifestare tutta la nostra preoccupazione e la volontà di porre rimedio a questa situazione".

 

Ultima modifica il Mercoledì, 14 Dicembre 2016 11:01

Devi registrarti per poter lasciare un commento.

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466