Cuoio in Diretta

Giardino come trappola, condanna di sindaco e cacciatori

Vota questo articolo
(2 Voti)

20171107101430341"E' evidente che il protagonista di questo episodio non può essere definito un cacciatore. Si tratta di una persona che non conosce assolutamente i principi etici che stanno alla base di questa disciplina. Non conosce i valori del rispetto dell'ambiente e degli animali, proprio quei valori che storicamente fanno parte del nostro territorio". Lo ha detto il sindaco di Fucecchio Alessio Spinelli condannando con forza, come anche i cacciatori, l'episodio che in questi giorni ha portato alla ribalta delle cronache un cittadino fucecchiese denunciato per aver catturato un gran numero di uccelli attraverso l'uso di reti e di richiami illegali, posizionati nel proprio giardino di casa, è stato condannato duramente dal sindaco Alessio Spinelli e dalle principali associazioni venatorie (Sentono tordo cantare: giardino è una trappola per uccelli).

 

"Un territorio - prosegue Spinelli - dove, fino a poco tempo fa, soprattutto sulle colline delle Cerbaie e nel Padule di Fucecchio, in ogni famiglia c'era un cacciatore. Come membro dell'Atc 5 Firenze Sud, voglio sottolineare con forza la distanza che c'è tra episodi come questo, seppur isolati e i comportamenti e i principi di cui sono portatori i cacciatori e tutto il mondo venatorio. Purtroppo questi fatti sono veri e propri colpi per tutta la categoria che rischia di essere messa in cattiva luce dal comportamento di un individuo che non ha niente a che fare con i cacciatori e con l'attività che essi svolgono, un'attività che è connaturata all'uomo e che si è tramandata con la storia delle civiltà. Dobbiamo combattere con forza queste persone perché il loro comportamento, oltre che essere deprecabile da tutti i punti di vista, ha effetti mediatici dirompenti nei confronti del mondo venatorio. Ringrazio la Polizia provinciale che ha scoperto e fermato questa azione di bracconaggio. Ricordiamo che la caccia è un'attività che vede partecipi ancora oggi tantissime persone, in particolar modo nel territorio dell'Atc 5 Firenze Sud, il più numeroso d'Italia con 13 iscritti e in Toscana dove ci sono ancora 80mila cacciatori".
Anche due delle principali associazioni venatorie condannano duramente l'episodio di Fucecchio: Federcaccia Firenze, col presidente Simone Tofani e Arci Caccia Firenze, col presidente Paolo Malquori.
"Questa non è caccia – dicono i due esponenti delle associazioni – questo è bracconaggio. Non solo non ha niente a che vedere con la caccia ma va contro totalmente a quelli che sono i nostri valori. La nostra condanna è totale, senza se e senza ma".

 

Ultima modifica il Venerdì, 10 Novembre 2017 16:28

Commenti   

 
0 # Dario 2017-11-10 22:53
questo articolo e giusto averlo scritto perché come dice il sindaco queste cose i veri e sottolineo veri cacciatori non fanno queste cose vergonose la caccia é un arte e una attivita tramandata nella storia..viba la caccia e chi la pratica con rispetto dell'ambiente ..da cacciatore..
Rispondi
 

Aggiungi commento

Riempi tutti i campi affinchè il tuo commento venga approvato in fase di moderazione. Grazie, la redazione.


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466