Cuoio in Diretta

Ferradini: “Il premio Onu è per loro, perché sono lavoratori”

Vota questo articolo
(1 Vota)

cc7ea97f-527f-4222-a51a-405c504c1ab2"Non ho fatto niente di straordinario. Il premio è per loro, perché sono buoni lavoratori. Le aziende non fanno beneficenza: se non fossero stati bravi, non li avremmo tenuti". Continua a essere sorpresa Patrizia Ferradini, che oggi 21 marzo a Milano ha ritirato il premio Welcome - Working for refugee integration a nome della Ferradini Bruno Srl stampatura pelli di Santa Croce sull'Arno.

L'imprenditrice di Fucecchio, fin da subito, si è detta sorpresa di ricevere il riconoscimento che l'Onu consegna alle aziende che maggiormente si sono distinte nel favorire l'inserimento professionale dei rifugiati e nel sostenere il loro processo d'integrazione in Italia (Figlio del Ministro lavora la pelle, targa Onu a Ferradini). Con lei a Milano oggi c'erano anche Djanfarou Tchatchibara e Kanoute Mande il primo partito dal Togo, l'altro dal Mali. Ad accompagnarli, a nome di tutta Fucecchio, c'erano anche il sindaco Alessio Spinelli e l'assessore al sociale Antonella Gorgerino. "Da noi hanno fatto uno stage tramite la nostra associazione di categoria - ha raccontato l'imprenditrice - di sei mesi rinnovabile per ragazzi accolti per ragioni umanitarie. Si sono dati da fare, ci sono piaciuti e gli abbiamo offerto un contratto". Nel giorno in cui l'Italia si chiede se un senegalese naturalizzato italiano può guidare un bus, questa che si sviluppa tra Santa Croce e Fucecchio è una storia che riporta ogni ragionamento alla sintesi perfetta: al mondo ci sono due tipi di persone. Che non si distinguono dal colore, ma dalla serietà e dall'onestà oppure dall'assenza di queste. Ecco, allora, che una storia ordinaria che diventa straordinaria è la speranza che questa normalità sia d'esempio. 

Ultima modifica il Venerdì, 22 Marzo 2019 10:40

Devi registrarti per poter lasciare un commento.

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466