Cuoio in Diretta

Colto da infarto alla Pubblica Assistenza, soccorsi inutili

Vota questo articolo
(3 Voti)

Antonio PetruzzoQuando è stato colto da infarto, intorno alle 10,25 di stamani, si trovava nei paraggi della Pubblica assistenza di Capanne. Antonio Petruzzo, 76 anni, ha capito subito che qualcosa non andava. Ha lasciato l'auto davanti alla struttura ed è corso all'interno per chiedere aiuto ai medici degli ambulatori. Inutile, tuttavia, l'interveto del personale sanitario.

L'uomo è stato steso sul lettino per poter eseguire un elettrocardigramma, ma appena il medico si è girato Petruzo era già privo di sensi. Immediato il tentativo di rianimazione con defibrillatore, preseguito per quasi un'ora, dalle 10,25 fino alle 11,20, mentre nel frattempo era stato allertato anche il 118.
Residente a Marti, in via Musciano, Pertuzzo aveva già subito due infarti negli anni passati, fino all'ultimo episodio di questa mattina che è risultato fatale causando in pochi istanti l'arresto cardiaco. Artigiano nel settore dell'arredamento, molto conosciuto nel territorio di Montopoli, Petruzzo lascia la moglie Carmela e i tre figli Luca, Patrik e David, quest'ultimo conosciuto anche come uno dei gestori del ristorante presso il lago Varramista. In un primo momento, si era diffusa la notizia che l'uomo, al momento del malore, stesse partecipando al cosiddetto corso Afa (Attività fisica adattata), la ginnastica dolce per gli anziani che viene organizzata alla Pubblica Assistenza di Capanne. Di fede evangelica, la cerimonia funebre si svolgerà domani alle 15 a Castelfranco, seguita dalla tumulazione della salma nel cimitero di Marti.

 

 

Ultima modifica il Venerdì, 20 Novembre 2015 19:48

Devi registrarti per poter lasciare un commento.

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
http://www.comune.santamariaamonte.pi.it/news.php?id=3169
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466