Cuoio in Diretta

Coppia di Montopoli era mandante di rapine ed estorsioni

Vota questo articolo
(10 Voti)

carabinieri luccaDue Montopolesi sono finiti nei guai con l'accusa di rapina aggravata ed estorsione messe in atto in più occasioni nel corso del 2016 ai danni di una coppia residente a Capannori in provincia di Lucca.

Due coniugi Andrea Meucci di 40 anni nullafacente e Francesca Nervo 46enne infermiera, entrambi di Montopoli, secondo le indagini del sostituto procuratore Antonio Mariotti della procura di Lucca sono risultato i mandanti di due rapine messe in atto ai danni della famiglia capannorese e di varie estorsioni ai danni di una famiglia lui muratore e lei estetista.
I fatta si sono consumati nel corso del 2016 e gli esecutori materiali sono stati tre cittadini di origine straniera residenti a Savona Garcia Escano Teofilo, Peguero Quezada José Antonio e Montero Montero Eugenio. I tre operai del porto di Savona in due occasioni si erano introdotti in casa della coppia e dopo aver picchiato e minacciato il marito si erano fatti consegnare almeno 5mila euro la prima volta e 6mila nella seconda occasione. Dalla ricostruzione dei fatti poi è risultato che laarresti montopoli apertura coppia capannorese aveva più volte fatto versamenti da 3000 euro, attraverso il circuito Money gram a favore dei due mandanti. Le indagini sono state condotte dai carabinieri e sono ancora in corso per capire il legame tra le vittime e Meucci, uno dei due mandanti che la coppia aveva, conosciuto durante un soggiorno a Santo Domingo. Meucci per quanto residente a Montopoli è stato rintracciato dai carabinieri a Cerreto Guidi.
I tre sicari, nella prima rapina risalente al marzo 2016, erano entrati in casa della coppia di Capannori all'alba, impugnando una pistola e minacciando tutti. In quel caso, erano riusciti a farsi consegnare la somma di 5mila euro ma prima di allontanarsi avevano minacciato la coppia di ritorsioni se avessero avvisato i carabinieri. Marito e moglie atterriti avevano cercato di voltare pagina per lasciarsi alle spalle quel brutto episodio che tra l'altro si era consumato davanti agli occhi dei loro bambini. Ma qualche mese dopo, a giugno, sempre nelle prime ore del mattino, i tre rapinatori - ancora a volto scoperto - si erano di nuovo presentati in quella casa, stavolta imbracciando una mazza e minacciando tutti con una bottiglia di liquido infiammabile di dar fuoco alla casa. "I soldi o appicchiamo l'incendio", avevano detto in accento spagnolo. Davanti a quelle minacce, le vittime avevano consegnato altri 6mila euro e alcuni monili in oro.
Sembrava dover essere finito tutto lì, ma qualche tempo dopo i banditi si sono fatti di nuovo vivi per telefono. Con le stesse minacce e le stesse richieste di denaro a cui la famiglia ha provveduto con diversi versamenti per un totale di 3mila euro attraverso il circuito money gram, grazie a cui i rapinatori ricevevano il denaro a S. Domingo, senza il rischio di essere identificati. Ma all'ennesima richiesta di soldi, marito e moglie sono crollati. E si sono decisi a presentarsi ai carabinieri.
Il muratore e la moglie hanno raccontato quanto accaduto loro, avanzando anche dei sospetti. L'uomo, infatti, non conosceva i suoi aguzzini ma, avendo lavorato a Santo Domingo, non aveva dubbi che fossero di quel paese. Il cerchio si era dunque subito ristretto al legame con questo paese, e durante le indagini era emerso che la vittima e Meucci avevano intrattenuto rapporti, di che natura ancora non si sa, durante il soggiorno in quel paese dei Caraibi. Da qui in poi il quadro ha iniziato a farsi lentamente più chiaro per gli inquirenti. Che hanno ipotizzato che a tirare le fila di tutto ci fossero proprio Meucci e la moglie. Attraverso i tre dominicani, conosciuti all'estero, Meucci aveva fatto calare, in qualche modo, una cappa di paura sulla famiglia capannorese.
Per l'accusa, era stato Meucci ad assoldare i banditi, convincendoli che sarebbe stato un compito facile facile. Per questo i rapinatori si erano presentati a casa della coppia di malcapitati senza travisamenti e senza troppe remore a fare minacce.
Molto più che un dettaglio, ed è questo che li ha traditi. Attraverso anche alcune indagini di natura tecnica, infatti, i carabinieri del nucleo investigativo di Lucca sono riusciti a ricostruire la loro identità e a individuare dove lavoravano: tutti e tre i dominicani sono stati arrestati in alcuni cantieri navali di Savona, dove lavoravano regolarmente.
Francesca Nervo, invece, che di lavoro fa l'infermiera, è stata trovata nella casa di Montopoli Valdarno dove fino a qualche tempo prima conviveva con il marito. Quest'ultimo è finito in manette, dopo che i carabinieri erano riusciti a rintracciarlo in un'altra casa a Cerreto Guidi.

 

Roberto Salotti

 

 

Ultima modifica il Mercoledì, 21 Giugno 2017 12:16

Devi registrarti per poter lasciare un commento.

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466