tatufestatestaskin

Cuoio in Diretta

Per i giudici mancano 700mila euro, chiesto processo per bancarotta

Vota questo articolo
(2 Voti)

aula tribunaleDal fallimento della società alla bancarotta fraudolenta e alla distrazione fondi. Queste le accuse mosse dai giudici inquirenti ai due ex amministratori di una società, la Toscana trasporti srl, con sedi a Porcari e Santa Croce sull'Arno, dichiarata fallita dal tribunale lucchese tre anni fa.

Ora i due imprenditori dovranno difendersi in aula davanti al gup, il prossimo 14 settembre, dai rilievi penali sollevati dalla procura.
Per gli inquirenti i due indagati, un 63enne calabrese residente a Capannori, in provincia di Lucca e una donna di 51 anni di origine argentina, in concorso tra loro, avrebbero distratto beni, causando la bancarotta, anche al fine di evadere le imposte. Sempre secondo l'accusa i due amministratori avrebbero alterato le scritture contabili della società per rendere impossibile la ricostruzione del patrimonio e il movimento d'affari a ridosso del fallimento. Inoltre non avrebbero consegnato al curatore un camion e un rimorchio, che ancora non sono stati rinvenuti dagli investigatori e dai giudici. E ancora, nei due anni precedenti al fallimento, stando alla ricostruzione effettuate durante le indagini, avrebbero indicato nelle rispettive dichiarazioni dei redditi un ammontare inferiore a quello effettivo.
In particolare mancherebbero per i giudici circa 400mila euro per il 2013 e circa 300mila per il 2014, tra Iva e Ires, mai versate. Queste le accuse degli inquirenti per i due amministratori della società di autotrasporti che avranno modo di difendersi davanti al gup durante l'udienza preliminare. L'uomo e la donna per i quali la procura ha chiesto il rinvio a giudizio erano rispettivamente l'amministratore di fatto e di diritto della società fallita nel 2015. A settembre l'udienza preliminare.

 Vincenzo Brunelli

Ultima modifica il Venerdì, 10 Agosto 2018 20:59

Aggiungi commento

Riempi tutti i campi affinchè il tuo commento venga approvato in fase di moderazione. Grazie, la redazione.


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466