Cuoio in Diretta

Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 92
feed-image Voci Feed
A+ A A-

comune San Miniato2Il comune di San Miniato apre al canone concordato. Sarà intrapreso, molto presto, l'iter per la sottoscrizione di un accordo con le organizzazioni degli inquilini, dei locatari e dell'edilizia per aderire al canone concordato degli affitti.

Sabato, 28 Marzo 2015 18:23
Pubblicato in San Miniato
Leggi tutto 0

agricolturaUna giornata per riflettere su alimentazione e agricoltura nei Paesi in via di sviluppo e sull'impegno degli enti e delle associazioni Toscane nella lotta contro la fame. A Firenze, prima di Expo 2015, la organizzano il Movimento Shalom Onlus, l'associazione Il Mondo che Vorrei e l'assessorato all'Agricoltura della Regione Toscana.

Sabato, 28 Marzo 2015 12:46
Pubblicato in San Miniato
Leggi tutto 0

ricamoUn anno di Ago, filo e pennello. Le signore che fanno parte del progetto, però, ora sono pronte a esporre i propri lavori. La mostra, nei locali della Misericordia di San Miniato Basso, è domani domenica 29 marzo.

Venerdì, 27 Marzo 2015 18:53
Pubblicato in San Miniato
Leggi tutto 0

La delocalizzazione dell'ICLA, in quanto area a rischio incidente rilevante, era tra gli obiettivi di sicurezza ambientale nel Piano Strutturale del 2006 che indicava il Comune come soggetto promotore dell'iniziativa. A distanza di otto anni non solo non si è provveduto a delocalizzare lo stabilimento produttore di poliuretani espansi, ma dopo la chiusura nel 2012, è stata confermata la riapertura con nuovo gestore nel maggio 2013. Al netto delle rassicurazioni arrivate a più rirprese dall'Amministrazione, però, è bene che tutti i cittadini sappiano che, secondo i criteri stabiliti nella Legge Seveso, lo stabilimento ha mantenuto in tutto e per tutto le pericolosità della precedente gestione, pericolosità derivanti dalla detenzione di 92 tonnellate di toluene diisocianato, sostanza classificata molto tossica e il cui quantitativo minimo di stoccaggio idoneo a far classificare l'azienda a "rischio incidente rilevante" è di appena 10 tonnellate. Com'è possibile che una amministrazione comunale, ben consapevole dei rischi inerenti la salute e la sicurezza dei cittadini a causa della presenza di uno stabilimento a "rischio incidente rilevante" vicino alle loro abitazioni, non solo non si sia adoperata per contrastarne la riapertura, ma, addirittura, abbia omesso d'informare tempestivamente la popolazione del rischio incombente?

Infatti, secondo il Piano di Emergenza Esterno approvato dal Prefetto Tagliente il 4 febbraio 2014, alla cui stesura (paradossalmente) ha collaborato proprio il Comune di San Miniato, in caso di emergenza si distinguono due diverse fasce di pericolo in relazione alla distanza dallo stabilimento. Per la prima fascia, definita "di sicuro impatto" e individuata entro i 75 metri di distanza, dove vivono 53 famiglie per un totale di 187 pontaegolesi, viene imposto l'immediato allontanamento, mentre, per la seconda fascia definita "di danno", fissata fino alla distanza di 325 metri, dove vivono 553 pontaegolesi, si prevede che i cittadini non lascino le abitazioni o gli ambienti chiusi per non essere investiti da concentrazioni significative di sostanze dannose. Visto che sia nel Piano d'Emergenza che nella stessa Legge Seveso viene imposto l'obbligo, all'Amministrazione Comunale, d'informare la popolazione riguardo tutte le misure di cui sopra, abbiamo presentato una mozione che impegna Sindaco e Giunta, oltre che - naturalmente - a delocalizzare quanto prima lo stabilimento in area non urbanizzata e, comunque, in zona di provata compatibilità territoriale oltre che ambientale; ad effettuare urgentemente una corretta campagna informativa finalizzata a far conoscere ai cittadini il rischio cui sono esposti (è loro sacrosanto diritto); a far riconoscere loro i diversi segnali d'allarme in modo da saper attivare i comportamenti necessari durante l'emergenza. Sempre con la stessa mozione impegniamo l'Amministrazione a pianificare simulazioni d'allarme ed esercitazioni al fine di facilitare la memorizzazione delle misure d'emergenza.

Considerato che sarebbe stato competenza del Comune informare la popolazione sulle misure di sicurezza e sul comportamento da seguire di cui sopra, ravvediamo nella condotta dell'Amministrazione una possibile violazione delle regole cautelari ben definite dalle vigenti disposizione di legge.

Venerdì, 27 Marzo 2015 18:43
Pubblicato in San Miniato
Leggi tutto 0

Gabbanini GozziniUn giorno di visita al Sistema museale di San miniato per le guide turistiche, i tour operator e gli operatori della ricettività regionale. Gli operatori turistici provenienti da tutta la Toscana hanno avuto la possibilità di visitare l'Accademia degli Euteleti, il palazzo comunale, l'oratorio del Loretino, il Museo diocesano, piazza del Duomo, il museo della Misericordia, fino al conservatorio Santa Chiara.

Venerdì, 27 Marzo 2015 16:27
Pubblicato in San Miniato
Leggi tutto 0

postino postaL'Unione Comunale del Partito Democratico di San Miniato organizza un'assemblea pubblica con la cittadinanza per discutere della situazione Poste, in previsione della chiusura dell'ufficio di Corazzano.

Giovedì, 26 Marzo 2015 15:55
Pubblicato in San Miniato
Leggi tutto 0

comune San Miniato4Anche nel comune di San Miniato sarà possibile stipulare contratti d'affitto concordati. Questo grazie al decreto sulla casa che prevede la possibilità di siglare accordi territoriali per gli affitti agevolati solo nei comuni "ad alta tensione abitativa".

Giovedì, 26 Marzo 2015 14:08
Pubblicato in San Miniato
Leggi tutto 0

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466