Cuoio in Diretta

feed-image Voci Feed
A+ A A-

Da Michela la busta è di carta e non si paga. La protesta

Vota questo articolo
(4 Voti)

Michela Candela1’Da Michela frutta e verdura in busta di carta non a pagamento. Perché io dico no!’ Dopo tante polemiche sui social, c'è chi ha deciso di attuare la propria pacifica protesta contro il pagamento dei sacchetti per la frutta e la verdura scattato da alcuni giorni nella grande distribuzione. E così Michela Candela, commerciante di Ponte a Egola, proprietaria del negozio di generi alimentari di via Ferrari, ha appeso alla porta di ingresso il suo cartello di protesta. Un'iniziativa forte, rivendicata con orgoglio da Michela, che dice: "Dico no alle buste biocompostabili, imposti per legge senza alcuna condivisione. Una legge che fra l'altro penalizza i piccoli commercianti".

A Michela Candela non va giù l'entrata in vigore della legge: "Una normativa senza senso – dice – che ci è arrivata sopra la testa, come una spada di damocle. Non c'è stata chiarezza né condivisione, c'è stato detto tutto a cose fatta. Per questo motivo, in primis, io dico no". Una questione di principio, insomma. Il negozio è aperto dal 2013 e la titolare non intende fare diversamente da come ha sempre fatto e da ciò che da sempre propone ai clienti proponendo per chi non vuole pagare la busta il sacchetto di carta gratuito per i clienti, che ha sempre utilizzato. (continua a leggere dopo il video)

C'è anche un problema di natura tecnica per i piccoli commercianti che Michela spiega: "Ho chiesto quando mi sarebbero arrivati questi nuovi sacchetti, e mi è stato detto cheMichela Candela2 arriverebbero a febbraio circa. Incredibile. Anche a voler rispettare la legge, ci sono le lungaggini che si mettono in mezzo. Il problema è che ci sono pochissime aziende produttrici di questi sacchetti e ci vuole quindi un po' di tempo per rifornire tutta la grande distribuzione e poi i piccoli negozi". Grande e piccola distribuazione, è qui che si annida la polemica: "In realtà la legge va a favore della grande distribuzione, infatti per i grandi soggetti una busta costa un centesimo. Per i piccoli commercianti i costi sono invece più elevati: ho fatto una stima e una busta mi costa circa 4 centesimi che dovrei far pagare al cliente. Non è assolutamente giusto". Tuttavia, Michela sottolinea: "Ho comunque le buste per il pane, che hanno tutti i requisiti di legge: posso servirmi di quelle per andare incontro alla legge".

Mirco Baldacci

 

Ultima modifica il Giovedì, 11 Gennaio 2018 16:39

Devi registrarti per poter lasciare un commento.

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
http://www.comune.santamariaamonte.pi.it/news.php?id=3169
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466