Cuoio in Diretta

feed-image Voci Feed
A+ A A-

Confcommercio: “I saldi non decideranno la stagione”

Vota questo articolo
(0 Voti)

mori san miniato"Ormai lo sappiamo e ne prendiamo atto. Non sono certo i saldi che decidono la stagione: il cliente va 'coccolato' tutto l'anno". Nessuna sorpresa, quindi, per il referente ConfCommercio di San Miniato Giovanni Mori, che i saldi invernali inizieranno il prossimo 5 gennaio. Quelli estivi il 6 luglio. A stagione in corso, cioé. Le date le ha stabilite una delibera, presentata dall'assessore regionale al commercio Stefano Ciuoffo e approvata dalla giunta regionale. I saldi invernali continueranno fino al 5 marzo, le vendite promozionali estive fino al 3 settembre.

In passato date come queste avevano sollevato proteste da parte dei commercianti che ora, almeno a San Miniato, hanno sviluppato un sistema: "Ci sono cose che non si possono cambiare. I meccanismi del commercio, ormai, sono diventati globali, ci sono i centri commerciali e le vendite on line quindi il bottegaio non può fare niente in questo senso. Può, invece, agire sulla clientela, da coltivare tutto l'anno. Non sono mai stati i saldi a fare il bilancio di un negozio di San Miniato e quindi anticipare o posticipare di qualche giorno l'inizio non fa grande differenza. Soprattutto ora, che il margine di guadagno è calato molto. Se si potesse decidere di spostare i saldi, forse sarebbe meglio spostarli di qualche settimana o giorno però ci attrezziamo. I commercianti ne prendono atto, ci dobbiamo adeguare come abbiamo preso l'abitudine al black friday e agli altri fenomeni che non sono tipici della nostra cultura, ma dai quali è difficile astenersi".
In un mondo che cambia, quindi, a cambiare è anche il commercio. Con l'improvvisazione che sempre più prende piede tra alcuni mestieri, il commercio è la controtendenza: "Da negoziante posso dire che i commercianti hanno necessità di giocare un po' di più sulla loro professionalità, cercando di vendere per tutta la stagione. Se non ho competenze specifiche e mestiere, il negozio non resta aperto. Prima o poi tutti i tuoi clienti si accorgono che nessuno regala e che gli sconti troppo elevati spesso non sono veritieri o c'è qualcosa dietro e allora noi dobbiamo puntare sul servizio offerto e la fidelizzazione dei clienti, magari facendo sconti personalizzati tutto l'anno, in base agli acquisti del cliente". Con la logica conseguenza che il cliente più fedele paga meno nel lungo periodo per il rapporto personale con il commerciante. Niente di nuovo, in realtà, visto che con questa logica nascono per esempio le tessere fedeltà dei supermercati. Ma un recupero, di quella voglia di rapporto umano che al tempo dei social media a volte manca. A differenza del commesso del grande store, il negoziante ti conosce e conosce i tuoi gusti, magari anche il tuo guardaroba e il tuo stile e più che un venditore diventa un consulente. "Frequentando un negozio tutto l'anno, tra l'altro, mi accorgo se lo sconto applicato è realmente uno sconto, se la merce è dell'anno in corso e così via". Con i saldi che partono prima dell'Epifania, il rischio è di acquistare con calma i regali. "In realtà no, almeno non a San Miniato. I regali di Natale la gente continua a farseli e il cliente viene servito e trattato con serietà durante tutto l'anno. Non si fa abbagliare da tante promozioni che sono dappertutto ma a volte non danno un servizio adeguato al cliente finale. In questa logica, la battaglia di posticipare i saldi è di retroguardia. Dobbiamo, invece, essere seri e professionali noi commercianti".
Con un vantaggio, magari: "Se qualcuno viene a fare un regalo per un altro cliente, io so già se ha addocchiato qualcosa, cosa potrebbe servirgli o piacergli o se quel prodotto ce l'ha già". Riducendo al minimo la pratica del reso. Certo, la piattaforma on line offre più scelta, ma non sempre questo è un vantaggio. "E' chiaro che le novità qualcuno le prova, ma come i centri commerciali non piacciono a tutti, così acquistare on line non è per tutti. Le insidie sono di più rispetto al passato e la sfida per noi è cambiare e crescere. Le difficoltà per il commercio ci sono e quindi una contrazione c'è a livello locale, ma nel centro storico di San Miniato c'è anche un grosso fermento e questo ci fa piacere. C'è voglia di investire a San Miniato, soprattutto per il food, ma se c'è un motivo di attrazione, tutti ne beneficiano".

Elisa Venturi

 

Ultima modifica il Giovedì, 03 Gennaio 2019 12:35

Commenti   

 
0 # Tiziano 2019-01-04 19:47
Buonasera,non so se leggerete questo messaggio ,ma mi preme manifestare e sottolineare,vi sto che stranamente non lo fa nessuno,una grave forma di mancanza di contraddittorio su un argomento che riguarda la mia tipologia professionale.S ono un commerciante di abano terme che da 11 anni combatte contro le avversità di questa infinita crisi e la concorrenza sleale che affligge il settore del tessile da anni,anche con l'intraprendenz a nel ricavarci una nicchia anche in rete nel settore che vendiamo.Ma quello che mi preme portare alla Vostra cortese attenzione è che non esiste in nessun servizio giornalistico o dibattito una voce in controtendenza con la sciagurata smania della propaganda sfrenata sulla svalutazione di un settore,quello del commercio al dettaglio dell'abbigliame nto,che a parte per le grandi multinazionli che si trovano in tutti i centri commerciali del mondo,che baipassano con vari stratagemmi i problemi del consumo interno e delle tasse italiane,è un settore praticamente defunto.E quesi poveri Cristi rimasti, sono ,silenti ahi noi ,in balia di quello che decide la grande distribuzione che ovviamente spinge in questa direzione dato che è strutturata anche per queste strategie.Sto parlando dei tanto blasonati e fatitici SALDI .!!!! Ma è possibile che non ci sia un Cristo di venditore sulla terra che anche sussurri mestamente che sono una disgrazia che si abbatte ogni due o tre mesi sulle nostre teste ? Sempre,ogni anno per tutta la vita dell'attività,e credetemi per gli imprenditori onesti non è per niente una buona cosa ,al contrario in questa forma così anacronistica è oserei dire addirittura deleteria , per tutta una serie infinita di circostanze di cui non posso dilungarmi oltre,perchè capisco, essere già stato lungo. Scusate se sono stato un pò troppo loquace,ma insomma ho la speranza che prima o poi si riesca anche a leggere un articolo di qualcuno che finalmente metta un pò in dubbio questo antico modo di fare commercio nei negozi tradizionali,vi sto che stranamente per l'on line tutto ciò è già stato superato da tempo....li fanno come gli pare ogni volta che gli pare.... Saluti . Tiziano Visconti
 

Devi registrarti per poter lasciare un commento.

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466