Cuoio in Diretta

feed-image Voci Feed
A+ A A-

Federcaccia in assemblea, nuovo direttivo per affrontare il cambiamento

Vota questo articolo
(1 Vota)

caccia 3"Il Cacciatore non può pensare solo a sparare... rischia di sparire". Con questo slogan, domani 11 gennaio alle 21 alla casa culturale di San Miniato Basso, è stata convocata l'assemblea annuale Federcaccia sezione di San Miniato. Il cacciatore, infatti, sempre di più è chiamato a essere sentinella di un territorio sempre meno vissuto e conosciuto. L'assemblea annuale, domani, avrà un compito in più: rinnovare il consiglio direttivo. E avrà anche ospiti illustri, con i quali parlare di politiche agricole e biodiversità. 

Saranno infatti presenti Marco Salvadori, presidente Federcaccia provinciale e Gianluigi Ladurini presidente Atc Pisa Est, oltre al presidente regionale della Coldiretti Fabrizio Filippi. "Le motivazioni che ci hanno indotto a richiedere la presenza del presidente regionale, cacciatore ed ex presidente provinciale Federcaccia Filippi - spiega il segretario Piero Taddeini - sono dovute allo stretto legame che vede il mondo venatorio fruitore dell'ambiente e difensore della biodiversità, argomenti che si sposano perfettamente con la politica agricola per un ambiente sostenibile e una riscoperta della salvaguardia alimentare cosiddetta naturale o biologica".
L'assemblea non è ristretta ai soli cacciatori ma anzi aperta agli agricoltori, che in molti casi sono anche cacciatori. "Nell'Assemblea toccheremo molti punti cruciali sull'attuale situazione venatoria, proietteremo statistiche. Focalizzeremo l'attenzione sul ruolo del cacciatore sul territorio, quale unico 'elemento' in grado di gestire gli equilibri della selvaggina con un attenta analisi alle relazioni con il mondo agricolo. Riepilogheremo i doveri e i diritti del cacciatore per la corretta fruizione del territorio. Ma l'argomento che ci vedrà coinvolti sarà il rinnovo dell'intero consiglio direttivo. Il futuro della caccia dovrà scontrarsi con un forte cambiamento di mentalità e operativo non solo del mondo venatorio e del cacciatore. Le sfide che ci aspettano nei prossimi anni saranno dure e dovremo scontrarci sempre di più con un populismo anti caccia spesso figlio di scarsa conoscenza e pieno di pregiudizi. Il cammino che dovrà intraprendere il prossimo consiglio di San Miniato, congiuntamente a quello provinciale, regionale e nazionale, sarà un percorso pieno di ostacoli, incentrato sulla crescita culturale di tutti gli 'Attori' non solo quelli legati alla caccia, con una forte attenzione alla comunicazione. Quindi un forte cambiamento è quello che ci aspetta per creare discontinuità con il passato, lavorando per ricostruire quei legami strutturali che abbiamo perso e riconquistare una 'dignità' e una 'credibilità' che negli anni passati, forse, abbiamo perso".

Ultima modifica il Giovedì, 10 Gennaio 2019 20:50

Aggiungi commento

Riempi tutti i campi affinchè il tuo commento venga approvato in fase di moderazione. Grazie, la redazione.


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466