Cuoio in Diretta

feed-image Voci Feed
A+ A A-

7a4366be-52e5-4bf4-8c08-b396e74b094fUn carro nuovo, per la prima volta con pezzi in movimento. Così, con una "macchina", la 51esima edizione della Festa del bignè di Orentano di Castelfranco di Sotto celebra Leonardo da Vinci a 500 anni dalla morte. Non c'è solo la ricorrenza storica, c'è qualcosa di più: ci sono delle innovazioni nella manifestazione e un progresso che mai si era visto prima. Proprio come le innovazioni e il progresso apportato da Leonardo.

Pubblicato in Cultura e Spettacoli

foto14Sarà dedicato al 500esimo anniversario dalla morte di Leonardo da Vinci il Dolcione della festa del Bignè ad Orentano, nel comune di Castelfranco di Sotto. Termina domani, domenica 18 agosto con la sfilata del Mega dolcione che vedrà tre invenzioni del Genio ricoperte di bignè.

Pubblicato in Castelfranco di Sotto

bigneÈ stata la comicità di Aldo Giovanni e Giacomo a dare il via martedì (6 agosto) al programma dell'Agosto orentanese, per la 51esima Festa del bignè. Stasera (8 agosto) tornerà il cinema sotto le stelle: antipasto di un programma che da sabato (10 agosto), con la festa del patrono San Lorenzo, decollerà ufficialmente. Alle 21 saranno celebrati i vespri e, a seguire, lungo il paese di Orentano si snoderà la processione. La serata del 10 agosto si concluderà con gli occhi al cielo per lo spettacolo luminoso. Domenica (11 agosto) in piazza Matteotti si esibirà, a partire dalle 21,30, la Filarmonica Leone Lotti.

Pubblicato in Cultura e Spettacoli

dolcionePronta a tornare a Orentano la Festa del Bignè. La 51esima edizione della manifestazione sarà dedicata a Leonardo Da Vinci e il paese vedrà dunque sfilare, il prossimo 18 agosto, un maxi dolce fatto di bignè dedicato al genio toscano. La ricorrenza dei 500 anni dalla morte di Leonardo sarà celebrata con una struttura lunga 12 metri, larga 4 e alta 6, che ne riproduce tre celebri invenzioni.

 

Pubblicato in Castelfranco di Sotto
Servizio di Giuseppe Zagaria
CreditAgricole135Non è solo il professore occhialuto e dalla stazza imponente a parlare di Leonardo, non se ne parla soltanto nei circoli accademici e nelle biblioteche. Leonardo non fu mai un tipo da biblioteca: era uomo pratico, che ha costruito la sua fama sulla base delle esperienze che ha fatto sul campo. E quindi, a parlare di Leonardo sono anche le prostitute, sfiancate dopo una giornata di lavoro e gli addetti alle pulizie di Santa Maria delle Grazie, dove è custodito il Cenacolo, che ringraziano il genio perché è anche grazie a lui se hanno un lavoro e con il tempo, giorno dopo giorno, hanno imparato a capirlo ed apprezzarlo. È un racconto di Leonardo nei dettagli quotidiani quello andato in scena ieri sera, venerdì 19 luglio, alla prima del Dramma Popolare con Cenacolo 12+1, regia di Michele Cinisi. È un resoconto dell’impatto che ha ancora la grandiosità dell’artista, che si è tramandata ed è rimasta intonsa fino ai giorni nostri. “Era anche un bell’uomo”, dice la voce in apertura: cosa chiedere di più?
Pubblicato in San Miniato

venerd rocca smamVenerdì 28 giugno saranno le celebrazioni per i 500 anni dalla morte del Genio Vinciano ad animare la serata de I Venerdì in Rocca di Santa Maria a Monte. Su prenotazione, sarà servita una cena rinascimentale sulla terrazza della nuova piazza della Vittoria mentre per il dopo cena, a partire dalle 21,30, l'Area Archeologica La Rocca ospiterà la presentazione del libro "Leonardo. Scritti scelti", a cura di Romano Nanni, direttore della Biblioteca e del Museo Leonardiano di Vinci.

 

Pubblicato in Santa Maria a Monte
Mercoledì, 05 Giugno 2019 13:56

Festa del teatro, con Leonardo protagonista

WhatsApp Image 2019-06-05 at 13.49.32Dopo il successo dello scorso anno con “La masseria delle allodole”, tratto dal testo di Antonia Arslan e con la regia di Michele Sinisi, la Festa del teatro organizzata dal Dramma popolare, giunge alla 73 esima edizione. Una rassegna che con ‘I venerdì del dramma’ ha fatto la storia del teatro in Italia e oltre i confini nazionali. Il fil rouge su cui si muoveranno gli spettacoli di quest’anno – 5 opere inedite – è il Genio per eccellenza: Leonardo da Vinci. A 500 anni dalla morte, l’artista a tutto tondo, viene celebrato in tutte le sue sfaccettature e il percorso prende le mosse dal dipinto più celebre di Leonardo: Il cenacolo. Questa mattina, mercoledì 7 giugno nella bellissima sala delle Sette virtù del palazzo comunale di San Miniato è stato presentato il cartellone teatrale da Marzio Gabbanini, presidente del Dramma popolare, alla presenza del vescovo Andrea Migliavacca, Gianfranco Rossi, presidente della Fondazione Cassa di risparmio di San Minaito, Massimo Cerbai, direttore generale di Credit Agricole e Vittorio Gabbanini, sindaco uscente. 

Pubblicato in San Miniato

1B54EB84-7F50-42FD-B8F1-A6ABC72C32BCNell'anno dedicato alle celebrazioni per il 500esimo anniversario della morte di Leonardo da Vinci, gli alunni delle classi seconde A, B, C, D, E della scuola primaria Carducci di Fucecchio imparano la genialità. Guidate dalle docenti Fattori Lucia, Sani Susi, Paganelli Cinzia, Moriani Patrizia, Cappelli Claudia, Daniero Lorella, Panicucci Sibilla, Cuccaro Laura, Marrucci Alessandra e Gradassi Ilaria hanno "adottato" il genio vinciano come personaggio guida nel loro percorso di studi.

Pubblicato in Fucecchio

53352569 10219031194753579 7553932821723611136 nC'è anche una donna del comprensorio tra le 14 personalità italiane più brillanti del 2019. Si tratta della castelfranchese Sara Taglialagamba, 41 anni, storica dell'arte, docente e ricercatrice, invitata e premiata lo scorso sabato (16 marzo) nella prestigiosa conferenza TedxBergamo, versione nostrana delle conferenze Ted organizzate dal 1984 negli Stati Uniti.

Pubblicato in Castelfranco di Sotto

leonardodavinciIl genio universale tra storia e mito. Il Dramma Popolare lo racconta ai ragazzi della scuole. È una tappa questa, importate e carica di significati, del viaggio del Teatro del Cielo, guidato da Marzio Gabbanini, dentro le grandi celebrazioni per i 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci. L'appuntamento è per domani (11 febbraio) alle 9,45 nell'aula magna della scuola media a San Miniato Basso. Parteciperanno gli studenti del capoluogo e della frazione.
Ma chi era Leonardo da Vinci? Lo racconterà lo storico Andrea Baldinotti per spiegare giovani che quello scienziato geniale e avveduto è dietro molte conquiste dell'epoca moderna: dal volo all'astronomia alle scienze naturali.

Pubblicato in San Miniato
Pagina 1 di 2

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466