skinterrapisa2019

Cuoio in Diretta

‘Amici per la pelle’, in mostra i lavori degli studenti

Vota questo articolo
(1 Vota)

Gruppo AutoritàPiù di 500 studenti coinvolti solo nell'anno scolastico 2017/18, circa 5mila quelli che vi hanno partecipato dalla sua prima edizione, nel 2010, quando il progetto didattico Amici per la Pelle nacque come scommessa del Gruppo giovani conciatori del distretto toscano per avvicinare le nuove generazioni del territorio all'industria conciaria. Da allora sono state più di 100 le aziende, tra concerie, calzaturifici e impianti industriali, che hanno ospitato le visite degli studenti, in un percorso che ha coinvolto imprenditori, docenti, rappresentanti delle istituzioni e dell'intero tessuto socio-economico del territorio.

"Amici per la Pelle - dice il vicepresidente Assoconciatori Roberto Giannoni - spiega a studenti molto giovani le opportunità connesse all'industria conciaria con una ricaduta in termini di consapevolezza nelle nuove generazioni che concorre alla crescita dell'intero comparto". Scuola, studio e formazione, ingredienti base di Amici per la Pelle, anche in questa edizione del progetto sono stati sapientemente dosati per stimolare gli studenti con un concorso che parallelamente alle lezioni sulla concia, li ha visti creare opere con scarti di pelli: fino a fine aprile le opere saranno visitabili al Museo della conceria, a Santa Croce sull'Arno, nell'esposizione Museum Tan, inaugurata ieri (13 aprile) alla presenza di numerose istituzioni del territorio.
"Il progetto - dice Giulia Deidda, sindaco di Santa Croce sull'Arno - riesce ad incuriosire ed emozionare gli studenti rendendoli consapevoli del patrimonio di risorse connesso al distretto conciario e offre loro un'importante occasione di condivisione e crescita complessiva".
"Un'iniziativa fondamentale - aggiunge il primo cittadini di Castelfranco, Gabriele Toti - per collegare le scuole del territorio al suo tessuto industriale. La conoscenza delle proprie radici, dell'anima pulsante del distretto conciario toscano, è importante che si spieghi fin dai banchi di scuola". Alessio Spinelli sindaco di Fucecchio plaude all'iniziativa: "Con Amici per la pelle l'associazione conciatori ha colpito nel segno: i ragazzi coinvolti nel progetto vengono sensibilizzati al lavoro, approfondiscono la conoscenza del settore trainante della nostra economia e allo stesso tempo si sentono parte attiva di un concorso che li vede protagonisti". Vittorio Gabbanini, sindaco di San Miniato aggiunge: "Grazie al concorso, studenti molto giovani, provenienti dalle scuole medie, possono imparare come si ottengono i prodotti che indossano (scarpe, borse, giacche, eccetera) e possono capirne la provenienza e l'indotto che ruota intorno alle concerie". Infine Ilaria Parrella da Santa Maria a Monte: "Nel progetto, istituzioni, scuola e imprenditori danno ognuno il proprio contributo ai giovani studenti che vi partecipano che ne ricavano una grande occasione di maturazione".

 

Ultima modifica il Sabato, 14 Aprile 2018 13:32

Devi registrarti per poter lasciare un commento.

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466