Cuoio in Diretta

Dalla campagna di Russia alla Bottega, addio Califfo

Vota questo articolo
(1 Vota)

califfo alfredo cavalliniAveva visto quasi tutto quello che lo storico Hobsabawm ha definito il secolo breve. Nato nel '21 di dicembre, è morto all'età di 96 anni e mezzo.

In paese lo conoscevano tutto come il Califfo, Alfredo Cavallini, ex combattente della Campagna di Russia. A Santa Croce sull'Arno tutti lo ricordano come fabbro nella sua bottega in via Francesca Sud. Aveva cominciato a lavorare a 11 anni, poi la leva coatta nel 1941 lo aveva portato fino in Russia a combattere nell'inferno del fronte orientale con il contingente italiano. Sopravvissuto alla disastrosa sconfitta, raccontava sempre di quell'esperienza con grande criticismo, come ricordano i familiari, diceva "Ho fatto mille chilometri a piedi, se fossi ne' mi' cenci andrei a Roma a dirgliene quattro" quando parlava della sua pensione di ex combattente del fronte russo: 5 euro al mese. Caustico e arguto da buon toscano, è rimasto lucido fino a pochi giorni fa e aveva una parola per tutti. Chi lo ha conosciuto e apprezzato per le sue capacità di artigiano, lo ricorderà fino a non molti anni fa nella sua officina dove pur non riuscendo più a lavorare per l'età, insegnava il mestiere ai più giovani, in primo luogo al nipote che ha portato avanti l'attività che lui aveva avviato. Lascia le figlie Letizia e Lucia. Il funerale sarà celebrato sabato mattina 2 giugno alle 10 nella chiesa Collegiata di Santa Croce sull'Arno. (g.m.)

 

Ultima modifica il Venerdì, 01 Giugno 2018 12:22

Devi registrarti per poter lasciare un commento.

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466