tatufestatestaskin

Cuoio in Diretta

Brutta caduta a Poggio Adorno, il ciclista è morto

Vota questo articolo
(1 Vota)

22566bec-ec85-4c64-a261-0cc83a2f3ae3E' morto nella giornata di ieri 4 giugno il ciclista torinese di 60 anni coinvolto in un terribile incidente a Poggio Adorno durante una gara ciclo turistica sabato 2 giugno (Non vede la catena, ciclista cade sulla Francigena, è grave). Lo rendono noto gli organizzatori del Tuscany Trail che "esprimono le più sentite condoglianze alla famiglia e agli amici di Fabio Siess, venuto a mancare oggi dopo un incidente occorso sabato a seguito di una tragica fatalità". Fabio stava scendendo da Poggio Adorno verso la via Francigena quando ha sbagliato a imboccare la strada ed è scivolato sopra una catena posta a limitare un'altra via.

"Lo sport - proseguono - è vita ma purtroppo, nonostante le precauzioni, a volte, succedono eventi imponderabili che ci mettono di fronte a cose più grandi di noi". Ora saranno le indagini a dover evidenziare eventuali corresponsabilità sull'incidente.

Ultima modifica il Martedì, 05 Giugno 2018 21:15

Commenti   

 
0 # Franco Pupeschi 2018-06-06 15:11
Mi dedico alla "MOUNTAIN BIKE" ormai da oltre 25 anni. Conosco esattamente il luogo e la dinamica che può aver innescato questo brutto incidente. Ho percorso qualche centinaio di volte quel tratto in discesa che è stato fatale al ciclista piemontese di 60 anni, e tutte le volte ho sempre pensato che si trattasse di un "tratto pericoloso". C'è una discesa molto ripida (di 50/60 metri) al termine della quale devi (per forza) girare a sinistra, frenando opportunamente con entrambe le ruote e ... in tempo ! Chiaramente, se sei distratto o non conosci il percorso, c'è il rischio che tu "arrivi lungo" e che tu sia costretto ad andare dritto: è quello che è successo al nostro sfortunato ciclista piemontese, o almeno così mi immagino ... ! Non voglio incriminare nessuno, ma ... ripeto, quel punto andava segnalato e salvaguardato un po' meglio, magari togliendo provvisoriament e la catena, o sostituendola con un paio di presse di paglia o mettendoci un commissario di percorso che provvedesse alle opportune segnalazioni ....
Rispondi
 

Aggiungi commento

Riempi tutti i campi affinchè il tuo commento venga approvato in fase di moderazione. Grazie, la redazione.


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466