Cuoio in Diretta

Memoria e impegno, allestimento per Libera

Vota questo articolo
(1 Vota)

KNPK3203Un nome su ogni foglio. Che rappresenta una vita e una storia. L'allestimento sulle scale del palazzo comunale di Santa Croce sull'Arno è in occasione del 21 marzo, quando l'associazione Libera celebra la Giornata della memoria e dell'impegno e nelle piazze italiane vengono letti solennemente i nomi delle quasi mille vittime innocenti delle mafie.

Tra questi, sono tanti i nomi di bambini e ragazzi che sono stati colpiti dalla malavita organizzata negli anni, un triste elenco di giovani vite spezzate per le quali non è mai iniziata "la primavera". IMG 6379"L'illegalità - ha detto la sindaco di Santa Croce Giulia Deidda - è un fenomeno diffuso storicamente e geograficamente che è presente in tutte le regioni d'Italia in forme sempre più evolute e insidiose e sappiamo che anche la nostra regione non è immune. In questi anni abbiamo confermato la nostra adesione ad Avviso Pubblico e abbiamo continuato a collaborare con l'associazione Libera sostenendo concretamente le sue campagne, abbiamo voluto essere trai comuni fondatori del presidio territoriale di Libera, e non abbiamo tralasciato alcuna occasione per organizzare iniziative locali di sensibilizzazione perché vogliamo ribadire la necessità della lotta alla mafia e della diffusione della legalità. Il nostro impegno è rivolto soprattutto ai giovani che hanno sempre più bisogno di modelli positivi e chiedono verità e speranza".
"Con questa iniziativa - ha aggiunto l'assessore alla legalità Carla Zucchi - abbiamo voluto accendere una luce simbolica su un aspetto particolarmente doloroso del fenomeno mafioso, ricordando il triste elenco di giovani e giovanissimi vittime, tra cui anche neonati, uccisi dalla mafia. Il loro sacrificio risulta particolarmente ingiusto e inspiegabile e i loro nomi devono essere scolpiti nella nostra memoria. Sono vite spezzate per cui la primavera non è mai iniziata ed è nostro dovere non dimenticarle mai e ricordarle soprattutto ai giovani come loro. La celebrazione del 21 marzo non è solo un evento di commemorazione per le troppe vittime innocenti di mafia, a cui dobbiamo profonda gratitudine e rispetto, ma è l'occasione per ricordare che la memoria deve rimanere viva perché si deve tradurre nell'impegno a costruire una cultura della legalità attraverso l'educazione, la responsabilità, la condivisione".

Ultima modifica il Mercoledì, 20 Marzo 2019 14:31

Devi registrarti per poter lasciare un commento.

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466