Cuoio in Diretta

stranieri in conceriaPer l'Istat il 2017 che si è da poco concluso, La provincia di Pisa ha perso punti nel settore dell'export, attestandosi addirittura sotto la media regionale. A causare questo andamento in flessione è per lo più l'indotto della due ruote e della meccanica che pesa sull'economia provinciale in modo pesante e che viene in parte controbilanciato dall'indotto conciario del Comprensorio, dal calzaturiero di Santa Maria a Monte, dal settore chimico, farmaceutico e dall'export di metalli non ferrosi. In sostanza il conciario pur stando sotto le performance del 2015 nell'export, torna  crescere e traina in buona parte la provincia di Pisa.

Pubblicato in Dalla provincia

1 AMBASCIATORE COLOMBIA -primo a sinistra-allAssoconciaNuove opportunità di approvvigionamento del grezzo e supporto al miglioramento della qualità della pelle semilavorata proveniente dalla Colombia: questi alcuni dei temi affrontati ieri all'Associazione Conciatori nel corso della visita dell' ambasciatore della Colombia in Italia, Juan Mesa Zuleta.

Pubblicato in Santa Croce sull'Arno

bottale e pelleÈ proprio la concia, stavolta, a tirare a picco l'export pisano nel secondo trimestre del 2016: -2,2% il dato complessivo, rispetto allo stesso trimestre del 2015, determinato in gran parte dalla minore esportazione di pelle e cuoio che raggiunge -6,2%. Un dato dovuto soprattutto alle perdite subite in alcuni mercati orientali. A dirlo sono i dati raccolti dalla Camera di Commercio di Pisa relativamente al trimestre estivo del 2016, da luglio a settembre, che dimostrano come il rallentamento della domanda internazionale non ha mancato di farsi sentire, non solo sull'export regionale (-0,5%) ma anche in provincia di Pisa. Ad ogni modo, sommando gli ultimi dati a quelli dei due trimestri precedenti, il dato pisano e toscano restano ancora al di sopra della linea di galleggiamento con un +0,5%.

Pubblicato in Santa Croce sull'Arno
Venerdì, 01 Aprile 2016 20:36

Conciario, il lusso non traina più

concerieLe grandi firme non trainano più. Dopo aver viaggiato forte negli ultimi anni, garantendo crescite a doppia cifra a molte concerie del comprensorio, le più grandi griffe di moda adesso tirano il fiato, in una situazione di stasi che sembra proseguire anche nel 2016. A lavorare di più sono invece alcune griffe di medio livello: marchi, talvolta emergenti, che recentemente sembrano incontrare di più il favore della clientela, ma con i quali non tutte le concerie del distretto toscano sono strutturate per lavorare. Il risultato è una fase di riallineamento del mercato, tra aziende che hanno avuto un consistente calo di produzione e altre che al contrario lavorano.

Pubblicato in in Azienda

calzaturiero 2A segnare il passo è soprattutto il calzaturiero, che lascia sul terreno addirittura un 10% in meno di produzione, con un calo di fatturato del 7,4%. Situazione ribaltata per il conciario, dove invece il giro d'affari cala più della produzione: rispettivamente il 5,4 e il 3,9%, a dimostrazione di un settore dove tutto sommato si continua a lavorare, ma nel quale evidentemente il margine di guadagno si assottiglia. A dirlo sono i dati della Camera di commercio di Pisa sulla produzione industriale della provincia nell'ultimo trimestre del 2015, in raffronto allo stesso periodo dell'anno precedente.

Pubblicato in in Azienda

magazzino conceria incas 4E' un quadro tendenzialmente positivo quello che emerge dall'analisi Trend della Cna per il primo semestre del 2015 dell'andamento dei vari settori produttivi della provincia di Pisa.

Pubblicato in in Azienda
Lunedì, 03 Agosto 2015 19:17

PoTeCo, nuovi spazi pronti per Natale

pelleEntro dicembre dovrebbero concludersi i lavori per il completamento delle sezioni del polo tecnologico conciario. Al PoTeCo troveranno posto una sala polivalente e un'area amministrativa. Novità importanti queste, per Assoconciatori.

Pubblicato in Santa Croce sull'Arno

automedica nBrutto incidente sul lavoro in una Conceria di Santa Croce sull’Arno in via di Melaccio, in cui è rimasto intossicato un operaio di 26 E. C., le sua iniziali. L'uomorisiede nella zona. L'operaio mentre lavorava ha avvertito dei forti malori che hanno indotto i colleghi a chiamare il 118.

Pubblicato in Cronaca
Venerdì, 22 Maggio 2015 13:27

La 'pelle' vista dal consumatore

ConceriaUn convegno per riflettere sulla “pelle” dal punto di vista dei consumatori e la sede non poteva che essere il comprensorio. L’evento intitolato La filiera della pelle. Produzioni trasparenti, tracciabili e sostenibili. Un patto formativo tra aziende, scuola e consumatori affrontare il tema sia dalla parte dei consumatori, ma anche dei ragazzi che si preparano ad operare nel settore tessile e conciario.

Pubblicato in Fucecchio

20150521 170239I sindaci presenti, Gabriele Toti e Giulia Deidda, le hanno definite parole crude, e forse lo sono. Nella relazione annuale, il presidente di Associazione Conciatori Franco Donati, esposta nella sede associativa a Santa Croce Sull’Arno, non ha risparmiato nessuno e ha tratteggiato un quadro fatto di luci e ombre.

Pubblicato in Santa Croce sull'Arno
Pagina 1 di 2

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466