Cuoio in Diretta

KBWK9195Hanno ascoltato Lucia Cossetto, la sorella di Norma, la studentessa italiana d'Istria stuprata in branco e lasciata morire in una foiba dai partigiani di Tito nella prima ondata di violenze anti italiane, dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943. In quella intervista registrata e proiettata in un consiglio comunale aperto convocato per oggi 12 febbraio, i ragazzi delle classi quinte dell'It Cattaneo e delle classi terze della scuola media di San Miniato hanno ascoltato il racconto di una delle tante follie che hanno insanguinato e terrorizzato il '900.

Pubblicato in San Miniato

51780486 2160054737351290 5032075866876674048 oUna serie di pannelli nel comune di Castelfranco di Sotto ricostruiscono, attraverso foto d'archivio e documenti, gli eventi storici che attraversarono il nostro Paese in uno dei suoi periodi più bui, in un preciso e chiaro resoconto dei fatti che ripercorre "Le tragedie del confine orientale" e all'ingresso della biblioteca sono stati selezionati volumi dedicati all'argomento, sia romanzi che dossier storici, per incentivare il pubblico di lettori ad approfondire il tema e saperne di più.

Pubblicato in Castelfranco di Sotto

vetrinaricordoAnche Santa Croce sull'Arno commemora il Giorno del ricordo. L'amministrazione comunale, in memoria della tragedia delle foibe, ha allestito nella biblioteca Adrio Puccini la mostra Le tragedie del confine orientale, a cura della Fondazione Memoria della deportazione.

Pubblicato in Santa Croce sull'Arno

foibe"Oggi è stato fatto un ulteriore passo avanti per fare più chiarezza sulla vicenda Foibe ma soprattutto ho apprezzato la volontà da parte dell'amministrazione comunale di continuare a voler portare avanti un percorso di conoscenza della verità storica anche se questa, a volte, è politicamente scomoda". Lo ha detto Michele Altini, consigliere comunale di Forza Italia e vicepresidente del Consiglio di San Miniato, al termine del consiglio comunale aperto organizzato per oggi 10 febbraio, Giorno del Ricordo, alla presenza di alcune classi del liceo Marconi e dell'istituto comprensivo Buonarroti. Il Giorno del Ricordo è fissato in memoria di tutte le vittime della pulizia etnica perpetrata dai partigiani titini tra il 1943 e il 1947 nelle terre d'Istria, Dalmazia e della Venezia Giulia e in ricordo delle migliaia di esuli italiani costretti a lasciare quelle terre.

Pubblicato in San Miniato

IMG 20170210 112244Una "congiura del silenzio". Così il sindaco di Fucecchio Alessio Spinelli ha definito l'oblio che per troppo a lungo ha tenuto in secondo piano la tragedia delle Foibe. Una tragedia celebrata oggi (10 febbraio) in occasione del Giorno del Ricordo istituito con la legge 30 marzo 2004.

Pubblicato in Fucecchio

monumento ai caduti foibeAnche Fucecchio commemora le vittime delle foibe e dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra azione. Venerdì 10 febbraio alle 11, in occasione del Giorno del Ricordo, la cerimonia sarà in piazza XX settembre.

Pubblicato in Fucecchio

istituto Cattaneo

 Anche San Miniato celebra il Giorno del Ricordo, al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe e dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra. Lo farà lunedì 15 febbraio con un'iniziativa organizzata all'auditorium dell'Istituto Cattaneo alle 10. Un incontro al quale parteciperànno il presidente del consiglio comunale Simone Giglioli, il dirigente dell'istituto Alessandro Frosini e l'assessore alla scuola Chiara Rossi. In tale occasione sarà proiettato il filmato Rai “Foibe Martiri Dimenticati”. Conclusioni del sindaco Vittorio Gabbanini. Saranno inoltre interpretati alcini brani brani musicali a cura della violinista Marzia Vignozzi, direttrice dell’accademia musicale di San Miniato Basso.

Pubblicato in San Miniato

DSC 0299Molte persone hanno partecipato alla cerimonia che si è svolta questa mattina a Fucecchio in occasione del Giorno del Ricordo, la commemorazione che ogni 10 febbraio ha il compito di tener viva la memoria su tragici fatti che, alla fine della Seconda Guerra mondiale, colpirono la popolazione italiana della Venezia Giulia, dell'Istria e della Dalmazia, con le sofferenze dell'esodo forzato e l'orrore degli oltre 11mila morti, tra quelli deceduti nei campi di concentramento e quelli gettati nelle foibe.

Pubblicato in Fucecchio

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466