Cuoio in Diretta

29053b93-0411-4e61-b5d5-1813c0ac9acbIl campanilismo è un tratto che caratterizza il nostro Paese a tutti i livelli: dalla competizione fra le regioni, passando per le province, fino ad arrivare nei Comuni. Proprio qui, a livello micro, con il minor grado di astrazione e il maggior grado di particolarità, il campanilismo si conserva e si riproduce nei secoli. Certamente, la competizione cambia forma, cambia il modo in cui viene posta in essere e in cui si manifesta, ma rimane intatta nell'idem sentire. È grazie alla contrapposizione che si origina il senso di appartenenza dei gruppi e questo senso di appartenenza, fondato su miti, credenze e rappresentazioni sta alla base dell'identità popolare.
Santa Maria a Monte festeggia il 150esimo anniversario dall'annessione del comune di Montecalvoli, prima ente autonomo. Per l'occasione, ricercatori, storici e studiosi locali hanno deciso di intraprendere in percorso di ricerca storica negli archivi del vecchio comune di Montecalvoli e di raccontare la storia dell'unificazione dei due borghi avvenuta nel lontano 1868.

Giovedì, 29 Novembre 2018 13:49
Pubblicato in Santa Maria a Monte
Leggi tutto 0

Santa Maria a Monte 2Santa Maria a Monte, territorio conteso tra le provincie toscane, diviso e poi riunificato. Eccolo, il lieto fine: un matrimonio che dura da 150 anni quello con Montecalvoli, insieme nel comune unico dal 1868. A pochi anni dall'unificazione d'Italia, arrivò anche l'unificazione del Comune. A raccontarla, domenica 2 novembre alle 11, sarà la presentazione di "1868-2018: 150 anni di Santa Maria a Monte e Montecalvoli. Storie di due castelli in un Comune", opera di Paolo Morelli, Patrizia Marchetti e Mariano Boschi ed edito da Tagete editori di Michele Quirici.

Mercoledì, 28 Novembre 2018 19:36
Pubblicato in Santa Maria a Monte
Leggi tutto 0

96b767ad-2362-4173-9dc0-7a288d571787Ma Parrella sale in cattedra per un giorno, all'Università per spiegare il Borgo che vorrei ai giovani studenti di uno degli atenei più prestigiosi d'Italia quello di Pisa. Proprio l'Università ha valutato il progetto sviluppato a Santa Maria a Monte come un modello unico in Italia, da studiare e replicare altrove , tanto che presto arriveranno le prime tesi di laurea proprio sul modello di recupero dei centri urani messo a punto dalla giunta Parrella e dagli uffici tenici del comune.
"Ma da dove avete presa l'idea? In Italia non ho trovato cose simili" questa è la prima curiosità che la professoressa Vanessa Manzetti, docente di istituzioni di diritto pubblico e di diritto amministrativo all'università di Pisa, porge a Ilaria Parrella, sindaco di Santa Maria a Monte, parlando del borgo che vorrei. "Siamo un'amministrazione fantasiosa" scherza Parrella. L'idea a cui si riferisce è quella che riguarda il progetto Il borgo che vorrei, avviato già nel primo mandato dell'amministrazione comunale e rilanciato nel secondo mandato grazie alla versione 2. del progetto. Lunedì mattina, Parrella e Simonetta Banti, la responsabile del settore finanziario del comune di Santa Maria a Monte, hanno presentato al Polo Piagge Il borgo che vorrei, ad un seminario che rientra nel corso di autonomie locali e servizi pubblici della facolta di scienze politiche. Dall'attuazione di una politica pubblica ne è scaturito il "modello Santa Maria a Monte" e il comune viene preso come caso studio da analizzare e, perché no, imitare. Ad invitare Parrella e Banti è stata la professoressa Manzetti, incuriosita dalla particolarità dell'istituto giuridico utilizzato per la realizzazione del progetto. Si parla infatti del cosiddetto baratto amministrativo, uno strumento introdotto dal decreto Sblocca Italia del 2014 che prevede la possibilità da parte dei privati cittadini di sanare i loro debiti con l'amministrazione comunale grazie a lavori di pubblica utilità. Nel caso di Santa Maria a Monte il baratto amministrativo era stato indirizzato al recupero e al riuso di immobili per valorizzare il centro storico e, grazie a questo istituto giuridico i privati hanno contribuito a creare e realizzare iniziative utili per la collettività, ricevendo in cambio delle agevolazioni fiscali.
Il progetto infatti nasceva come risposta ad un problema con cui Santa Maria a Monte combatteva lo spopolamento del centro storico della 'Chiocciola'. Il modello elaborato da Parrella e dalla giunta approcciava il problema da vari punti di vista. Da un lato puntava a risolvere la questione dello spopolamento demografico, dall'altro quello della perdita di esercizio commerciali e fondi sfitti. Due facce dello stesso problema come si legge in qualunque manuale di urbanistica. Il Borgo che vorrei, nella completezza del progetto, ripartendo dal modello ecistico che vede nei negozi di vicinato e nei servizi la linfa vitale per una comunità ha declinato il baratto amministrativo in una logica kenisiana, per rimettere in moto il tessuto economico del borgo, ridare servizi e creare nuovamente la condizioni per la vivibilità dell'agglomerato urbano per la popolazione oltre che stimolare la rinascita di un senso di appartenenza. Un esperimento socioeconomico che ora comincia a dare i sui frutti nella varie direzioni del progetto.
"Nel 2016 presentammo cinque bandi che si basavano sul baratto amministrativo – spiega Parrella -. A Santa Maria a Monte Abbiamo una serie di fondi sfitti che non vengono utilizzati, il proprietario ha dei costi senza riscuotere l'affitto. L'agevolazione per il commerciante è quella di non pagare l'affitto per tre anni e il proprietario non paga la spazzatura. La comunità ne beneficia perché così ha un paese vivo. È chiaro, dopo i primi due anni c'è anche chi ha abbandonato l'impresa commerciale, un paio sono andati via, ma sono le dinamiche del commercio, ne entreranno di nuovi. Siamo un'amministrazione all'avanguardia" chiosa il primo cittadino non senza un certo senso di autoironia. Per capire come si è arrivati all'idea de Il borgo che vorrei, Parrella fa un breve excursus sulla posizione e sulla storia commerciale del suo comune, "Santa Maria a Monte è nel comprensorio del Cuoio, fino a qualche anno fa, o si lavorava nella pelle o si lavorava alla Piaggio. Poi, un po' per la crisi nei due settori, un po' per il problema dello spopolamento dei centri storici che ha colpito tutti i borghi, abbiamo sentito il bisogno di fare qualcosa per recuperare il commercio locale. Abbiamo fatto un accordo con le associazioni di categoria in modo tale che chi ha un fondo lo affitti a prezzi più bassi in cambio di agevolazioni sull'Imu e sulla Tasi. L'abbassamento della cedolare secca dal 21 al dieci per cento per gli affitti concordati ,sta portando persone a ripopolare il borgo. Altri sgravi riguardano le case familiari, magari acquisite con un'eredità e che a volte sono più un peso che un reddito". Parrella sottolinea più volte come l'attuazione pratica del progetto è stata difficile. Il passaggio dall'idea alla realizzazione non è scontato e si imbatte in vincoli e cavilli burocratici non trascurabili. Inoltre, la difficoltà sta nel regolare un progetto multidisciplinare e trasversale a cui hanno partecipato molti uffici del comune. "Bisogna distinguere la parte tecnica da quella politica – dice la sindaca - la giunta, la parte politica, tiene le relazioni con i cittadini e serve a capire qual è l'impatto che una decisione può avere sul territorio. La parte tecnica attua i progetti, ma fatica nell'assolvere a questo compito per la mole di lavoro che ne scaturisce". Per questo motivo, in rappresentanza della parte tecnica, a spiegare gli istituti giuridici in gioco è intervenuta Banti. "Noi – dice la responsabile del settore finanziario - abbiamo capito cosa voleva l'amministrazione e abbiamo cercato una via per la realizzazione. Anche il servizio tributi ha collaborato a questo progetto. L'istituto giuridico che ci poteva aiutare era il baratto amministrativo. Abbiamo capito che poteva essere il cittadino stesso il motore della ripresa del territorio, la filosofia di fondo del baratto è far sentire il cittadino attivo. Questo è lo spirito del baratto. Abbiamo creato un regolamento e a quel punto la giunta comunale ha dettato gli indirizzi e i campi di azione su cui potevamo intervenire. Tutto questo doveva rientrare nella contabilità pubblica, il Decreto legge che regola la contabilità pubblica per le regioni e per gli enti locali non è facile da interpretare e attuare. Tutto questo ha comportato un lavoro in più per l'amministrazione. Poi, il decreto legge 50, legge dei contratti, è entrata in vigore e ha confermato la nostra strada che noi, come comune, avevamo già intrapreso". "Abbiamo fatto un bando in cui si chiedeva chi fosse interessato ad affittare un immobile – continua Banti -, abbiamo convocato gli interessati e abbiamo spiegato cosa fosse il baratto. Poi abbiamo fatto dei sopralluoghi. Il bando apriva due strade: una per gli immobili pronti all'uso e una per quelli soggetti a lavori di risistemazione. Questo ha portato a due percorsi con tempi diversi. Poi abbiamo fatto un altro bando per chi voleva aprire attività in quei fondi".
"In tutto – dice Parrella – per dare un po' di numeri, abbiamo aperto una ventina di attività e sei strutture turistiche con circa venti posti letto. È come avere un albergo in più nel paese".
"Ho studiato molto bene il vostro regolamento e devo dire che mi sembra un progetto innovativo e senza precedenti – commenta Manzetti – si crea un bel rapporto col cittadino, che si sente partecipe e non grava sul bilancio comunale". Le parole della ricercatrice e docente sono una sorta di sigillo di buona pratica certificate da una voce autorevole. Il riconoscimento di un lavoro che, indipendentemente dal risultato ottenuto, viene preso in analisi per dei possibili sviluppi futuri. Quello del baratto amministrativo per gli enti locali è un tema da approfondire e il caso di Santa Maria a Monte fa un po' da sperimentazione. E probabilmente presto arriveranno anche le prime tesi di laurea proprio sul Borgo che Vorrei.
Il baratto serve anche a preservare le tradizioni culturali: con il bando Borgo in fiore, l'amministrazione ha individuato dieci postazioni e ha chiesto ai commercianti di curare il decoro di quei luoghi. Inoltre, con il progetto 2.0, il proseguimento della prima tranche, si punta sull'arte e sulla cultura. Sono stante installate delle opere sulle mura del castello e si organizzano visite guidate con mostre itineranti e spettacoli nelle cantine sotterranee di Santa Maria a Monte. C'è una vera e propria città sotterranea, fatta di cunicoli e gallerie che un tempo erano collegate tra loro e servivano come rifugi dagli assedi e dai bombardamenti in tempi più recenti o come luogo di conservazione per cibo e medicinali. Queste cantine, private, sono state chiuse per lungo tempo e sene era quasi persa la memoria. Adesso, grazie a degli sgravi fiscali a beneficio dei proprietari vengono aperte durante il periodo estivo. "Uno dei bandi più semplici ma che ha avuto successo è quello con cui si è ftto adottare un vaso al cittadino. Tradotto in bolletta significa con il Baratto amministrativo: 20 euro di sconto sulla Tari. I fiori sono importanti per Santa Maria a Monte – continua Parrella - e lo testimonia la processione delle paniere. Ad oggi abbiamo 154 vasi adottati".
Il Borgo che vorrei appare come un progetto davvero ben riuscito da poter mettere a punto e declinare anche in altre realtà, anche se i risultati si vedranno con certezza nel lungo periodo, ma come fa notare Manzetti qualcuno ha chiuso. In tutto questo poi c'è anche un meccanism odi garanzia di fronte alla legge e ai garanti dei conti pubblici ad esempio conclude Parrella: "Il bando prevedeva che doveva stare aperto per minimo due anni. Uno ha chiuso prima quindi ha restituito il contributo che gli era stato dato. Ha tenuto invece l'agevolazione sulle tasse dei rifiuti e l'esenzione dal suolo pubblico. L'8 e il 9 dicembre ci sarà l'inaugurazione di due attività che andranno a sostituire quelle che hanno chiuso".


Giuseppe Zagaria


Martedì, 27 Novembre 2018 19:57
Pubblicato in Santa Maria a Monte
Leggi tutto 0

IMG 20181124 100506 1IlCuoioinDiretta.it lo aveva anticipato: a Santa Maria a Monte arrivano nuove telecamere per la videosorveglianza (“L’auto di Scotto ripresa dalle telecamere”, più punti sorveglianza). Il Comune ha infatti ottenuto il contributo per l'installazione di sistemi di videosorveglianza del Ministero dell'Interno classificandosi al 128esimo posto a livello nazionale.

Sabato, 24 Novembre 2018 11:42
Pubblicato in Santa Maria a Monte
Leggi tutto 0

IMG 8092A causa del maltempo previsto per domani 24 novembre, Puliamo il Borgo a Montecalvoli è rimandato in data da definire. Quei rifiuti, quindi, resteranno lì ancora per un po'. Ma per Sergio Coppola, capogruppo di Santa Maria a Monte di Tutti, il problema è un altro: serve" contrasto al fenomeno dell'abbandono dei rifiuti, anche applicando le sanzioni previste per chi lo fa". Coppola ricorda che "Nel mese di ottobre gli abitanti di Montecalvoli raccolsero delle firme su di una petizione che chiedeva all'amministrazione comunale la pulizia della Valle area verde frequentata quotidianamente e luogo di feste o scampagnate (Rifiuti a Montecalvoli, cinquanta firme contro il degrado).

Venerdì, 23 Novembre 2018 21:33
Pubblicato in Santa Maria a Monte
Leggi tutto 0

Diego Fusaro

Attualità politica nazionale ed internazionale sotto la lente della filosofia. Questo il centro dell'incontro con cena previsto all'Osteria “Il Poeta” a Ponticelli in occasione al quale parteciperà il noto studioso Diego Fusaro, sabato 1 dicembre. L'incontro avrà come tema “L'Italia che verrà” e sarà anticipato da una cena alle ore 20 (costo 25 euro).

Venerdì, 23 Novembre 2018 12:23
Pubblicato in Santa Maria a Monte
Leggi tutto 0

CINZIA BOGGIA

“Per senso di responsabilità nei confronti dei miei concittadini ai quali sei anni fa ho chiesto il voto come candidato sindaco, sento di dover chiarire la mia posizione”. Inizia così la lettera che Cinzia Boggia, dipendente comunale a Santa Maria a Monte e già candidata sindaco alla penultima tornata amministrativa, ha scritto pubblicamente dopo il caso delle pause caffè non “timbrate” in comune, al centro di un indagine della procura conclusasi con l'archiviazione (leggi).

Martedì, 20 Novembre 2018 12:25
Pubblicato in Santa Maria a Monte
Leggi tutto 0

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466